Home » Eventi »Internazionali »Politiche » Giustizia ambientale: un meeting per disinnescare la “corsa del gambero”:

Giustizia ambientale: un meeting per disinnescare la “corsa del gambero”

settembre 11, 2015 Eventi, Internazionali, Politiche

La partita dei cambiamenti climatici può ancora essere vinta se i potenti della terra riusciranno nella scommessa di disinnescare “la corsa del gambero”, la gara a chi resta più indietro pensando di poter sfruttare i benefici della riduzione delle emissioni di gas serra – realizzata però dagli altri!

L’immagine – utilizzata nella sua relazione introduttiva dal presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, Edo Ronchi – è risultata così efficace da essere stata ripresa più volte dai discussant intervenuti al meeting internazionale “Giustizia ambientale e cambiamenti climatici Verso Parigi 2015″ chiusosi oggi nella Capitale, presso l’Istituto Patristico Augustinianum.

I due giorni di confronto – promossi dalla Fondazione di Ronchi, con il patrocinio del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace e del Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari – hanno visto i più importanti esperti mondiali del settore confrontarsi con gli esponenti della Chiesa cattolica, dopo che Papa Francesco nella sua enciclica Laudato si ha ammonito: “è diventato urgente e impellente lo sviluppo di politiche affinché nei prossimi anni l’emissione di anidride carbonica e di altri gas altamente inquinanti si riduca drasticamente”.

Secondo le stime recenti dell’Agenzia Internazionale dellEnergia, le emissioni mondiali di CO2 da processi energetici sarebbero destinate a crescere dell’8% fino al 2030: dai 32,2 miliardi di tonnellate del 2013 a 34,8 miliardi, anziché diminuire a 25,6 miliardi come previsto dalla traiettoria necessaria per limitare l’aumento della temperatura media globale entro i 2°C, soglia di sicurezza concordata dagli scienziati. La Cina, in particolare, emetterebbe 3,7 miliardi di tonnellate in più di quelle previste, mentre gli USA 1 miliardo in più. Dal 1990 al 2014 le emissioni sono cresciute di oltre il 30% e la concentrazione di gas serra ha superato le 400 parti per milione, la più alta degli ultimi 800 mila anni. Per poter restare – con una probabilità superiore al 50% – entro l’aumento di 2°C, le emissioni mondali di gas serra nel 2050 dovrebbero essere tagliate del 40-70% rispetto a quelle del 2010.

Che il tasso di crescita delle temperature medie globali sia passato dall’1,3% del 1970-2000 al 2,2% del 2000-2010, del resto, lo sostiene il 5° Rapporto di Valutazione dellIntergovernmental Panel on Climate Change e, in assenza di ulteriori misure di mitigazione, questo trend porterà a un innalzamento della temperatura media terrestre compreso tra i 3,7 e i 4,8° C, con una concentrazione di CO2 compresa tra 750 e 1.300 ppm (parti per milione) – a fronte di una soglia di sicurezza raccomandata (inserita nella trattativa sul nuovo Accordo globale per il clima), di +2°C con CO2 non superiore a 450 ppm.

Le conseguenze di un aumento medio della temperatura globale di 4°C, secondo la World Bank, sarebbero drammatiche. Le ha ricordate, nel proprio intervento, lo specialista in energia e ambiente, nonché presidente ad interim dell’IPPC, Ismael El Gizouli: scarsità di risorse idriche e di approvvigionamento delle scorte alimentari, crescenti inondazioni e straripamenti, sempre più persone che a causa di eventi atmosferici rischiano di essere sfollate, aumento della povertà in intere regioni del Pianeta (Sud Est asiatico, Africa e America Latina) che, pur avendo emissioni pro-capite basse e nessuna responsabilità per le emissioni storiche, saranno quelle più colpite dalla crisi climatica.

Lo sapevamo già dal 2012, quando il rapporto del Segretario Generale delle Nazioni Unite sui diritti umani e le migrazioni, conteneva – citandone i dati – una ricerca secondo cui più di 250 milioni di persone potrebbero essere sfollate a causa dei cambiamenti climatici. Si tratta dei cosiddetti “rifugiati climatici”: è quanto è successo in Siria, dove - secondo lo studio della National Academy of Sciences of the United States of America – l’eccezionale siccità del triennio 2007-2010 (attribuibile per la sua intensità ai cambiamenti del clima), ha contribuito al conflitto, iniziato nel 2011.

Nei Millennium Development Goals – ultimo Report del 2015 – si afferma che il “cambiamento climatico e il degrado ambientale minano il progresso raggiunto e la gente povera soffre di più […] perché i suoi mezzi di sostentamento sono più direttamente legati alle risorse naturali”.

Chi, nel corso della prima giornata di lavori, si è soffermato sul forte collegamento esistente tra cambiamenti climatici  e povertà, è stato Nicholas Stern, coordinatore del “Rapporto Stern sui Cambiamenti Climatici” del 2006. Economista e accademico inglese – autore di “Un piano per salvare il pianeta” (2009) e del più recenteWhy are You Waiting? The Logic, Urgency and Promise of Tackling Climate Change”Lord Stern parla delle due sfide di questo millennio, di due battaglie cruciali: quelle contro il cambiamento climatico e contro la povertà. E dice: “Se falliamo nella prima sfida, creeremo un ambiente così ostile da distruggere moltissime vite umane; ma se riusciremo nell’intento di mitigare le temperature sempre crescenti, in modalità tali da rendere possibile il contrasto della povertà in alcune Regioni del mondo, allora la battaglia ai cambiamenti climatici sarà vinta. Fallire nella prima sfida significherà fallire nella seconda”. E conclude: “Solo da un accordo delle leadership politiche e morali insieme ai movimenti sociali sarà possibile ottenere risultati tangibili”. L’appello è esplicito ed è rivolto direttamente al sommo Pontefice della Chiesa Cattolica, “investito di uno straordinario carisma in tutto il mondo”, perché ormai “la volontà politica non basta più”.

L’appuntamento cruciale sarà a dicembre, con la Conferenza di Parigi sul Clima (COP21) dove ci si riunirà con la certezza che gli impegni assunti fino ad ora non sono sufficienti. Le chances di raggiungere a Parigi un accordo internazionale adeguato e sufficiente per rientrare nello standard dei 2°C, dipendono, in buona parte, dagli impegni di Cina (che continua ad aumentare le emissioni), USA (che le stanno diluendo troppo poco) ed Europa (che potrebbe fare meglio), i tre principali emettitori di gas serra. Premessa indispensabile al buon esito dell’accordo è una: la questione dell’equità nella distribuzione degli sforzi necessari a contrastare i cambiamenti climatici. Accanto a questa, l’assunzione di impegni legalmente vincolanti e la previsione delle misure adottate per raggiungerli (divieto di costruzione di nuove centrali a carbone per i Paesi con emissioni pro-capite superiori a 3 t l’anno, eliminazione dei sussidi ai combustibili fossili entro il 2020, riduzione della produzione dei rifiuti e aumento del riciclo, efficienza energica e mobilità sostenibile).

Il tempo delle infinite trattative portate avanti da una politica tesa solo a risultati immediati è finito: la giustizia ambientale, secondo i partecipanti del meeting, è l’unica strada per salvare il Pianeta “ferito”.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende