Home » Eventi »Finanziamenti »Normative »Rubriche »Top Contributors » Grammi CO2 per chilometro: le emissioni protagoniste a Ginevra e nei nuovi incentivi statali:

Grammi CO2 per chilometro: le emissioni protagoniste a Ginevra e nei nuovi incentivi statali

Questo mese, dopo l’ennesimo crollo delle vendite anche a febbraio (-17,4%), si parlerà in positivo di automobili, sia per i contributi statali per l’acquisto di veicoli a basse emissioni complessive (BEC), sia per il Salone di Ginevra, animato da una vivacità di modelli ecosostenibili che lascia ben sperare.

I contributirichiedibili da giovedì 14 marzo – sono stati previsti non per rilanciare il settore ma, più modestamente, per dare un piccolo aiuto nell’acquisto dei veicoli più ecologici: elettrici, ibridi, a gas (Gpl e metano) con emissioni di anidride carbonica non superiori ai 120 grammi per chilometro. Questa impostazione esclude le automobili più piccole ed efficienti alimentate con diesel e benzina, ma ciò, in verità, non rappresenta una grave disparità, poiché la maggior parte dei fondi è riservata alle flotte aziendali, ai taxi, ai noleggi con conducente e così via. Inoltre, le risorse messe a disposizione nel triennio 2013-2015 sono molto modeste: 120 milioni di euro, 40 per il 2013 di cui per i privati solo 4,5 milioni che potrebbero corrispondere a circa duemila auto.

Il contributo, pari al 20% del prezzo di acquisto, cresce al diminuire delle emissioni, ma ha un limite massimo fissato a 5 mila euro. Tre le categorie previste, in base al “potere inquinante”: CO2 fino a 120 g/km (massimo 2.000 euro), fino a 95 g/km (massimo 4.000 euro), fino a 50 g/km (massimo 5.000 euro). E poiché i fondi sono ad esaurimento conviene affrettarsi a visitare il sito allestito dal Ministero dello Sviluppo Economico dove in tempo reale è possibile  verificare disponibilità di risorse e prenotarsi per il contributo o, più concretamente, considerare gli sconti che concessionari e case automobilistiche metteranno in campo cercando di sfruttare il traino degli incentivi statali.

I grammi di CO2 per km – che esprimono anche l’efficienza dell’auto: meno se ne emette, meno si consuma – sono anche i protagonisti del 83° Salone internazionale dell’Automobile di Ginevra, a partire dalla superstar della kermesse: LaFerrari. Sì, si chiama proprio così l’ultimo bolide di Maranello: nella tradizione delle serie speciali limitate, è la prima ibrida nella storia del Cavallino Rampante. Le prestazioni sono ovviamente da record, ma non vanno dimenticate le emissioni ridotte del 40% rispetto alla Enzo di 10 anni fa, da 545 g/km a 330.  Per capire l’importanza di tale risultato basti pensare che la Enzo aveva 660 cavalli, mentre LaFerrari ne ha 800, più i 163 dei due motori elettrici, anch’essi, per fortuna, Made in Italy. Un bel simbolo, dunque, da diversi punti di vista.

I g/km di CO2 sono stati interiorizzati non solo dal marketing, ma rientrano ormai appieno nei target prestazionali dell’intera piramide automobilistica. A tal proposito non si può non ricordare la fantasmagorica Porsche 918 Spyder (70 g/km, 30 km con un litro di benzina e naturalmente ben più di 300 km/h di velocità massima) presentata come show car proprio a Ginevra nel 2010 ed in consegna tra pochi mesi. Allora l’industria automobilistica tedesca mise a segno un notevolissimo risultato, non fosse altro perché la storia dell’auto ci ha insegnato che le novità sperimentate nell’altissima gamma, spesso ad alto prezzo, sono destinate ad arrivare sui veicoli più diffusi anche in meno di una decade.

Ed è proprio in questa ottica che andrebbe commentata l’altra grande novità del Salone, la Volkswagen XL1, la prima e unica automobile in grado di percorrere 100 km con un solo litro di carburante, ormai pronta per essere prodotta e venduta, anche se solo in piccola serie. Solo 250 esemplari l’anno, a un prezzo ancora da definire ma, di certo, non basso e in grado di ripagare da solo gli elevatissimi costi di ricerca, sviluppo e industrializzazione di un progetto così innovativo. Sono passati infatti oltre dieci anni da quando Ferdinand Piech, nipote di Ferdinand Porsche, padre dell’Audi Quattro, del motore TDI e della Bugatti Veyron da oltre 400 km/h, presentò il primo avveniristico prototipo (a forma di siluro). E probabilmente, senza il ricorso alla tecnologia dell’ibrido plug-in, ce ne sarebbero voluti altri 10. La XL1 quindi non è un semplice prodotto, ma piuttosto un’auto manifesto e un laboratorio viaggiante per testare una delle strade che probabilmente dovrà imboccare l’automobile nel prossimo futuro. Il modo migliore per sperimentare e capire come produrre in grande serie le leggere strutture di carbonio e magnesio, i sofisticati sistemi di propulsione ibridi accoppiati con batterie al litio e nuovi cambi automatici, pneumatici ultraefficienti e così via. Elementi indispensabili insieme alla curatissima aerodinamica – il coefficiente di penetrazione (Cx) è di 0,19 e la superficie frontale di soli 1,5 mq, un terzo meno di un’auto normale – alla massa di soli 800 kg e al piccolo motore bicilindrico turbo da 48 CV.  Il tutto per l’eccezionale risultato di 21g/km di CO2 e appunto 100 km con un solo litro di gasolio.

Un primo esempio dello sforzo tecnologico necessario per XL1 e traslabile su altri modelli è l’Audi A3 e-tron, ibrida plug-in, con batterie al litio, in grado di emettere solo 35 g/km di CO2 grazie ai 50 km percorribili in sola modalità elettrica. E trattandosi di un veicolo, almeno nelle forme e nel peso, del tutto convenzionale, dovrebbe destare più stupore della XL1, che ha solo 2 posti ed è alta soltanto 115 cm, appena uno in più di una supercar come la Lamborghini Aventador.

In verità, questi sensazionali risultati sono spiegabili grazie alla formula utilizzata per il calcolo del consumo dichiarato come prevista dalla norma europea che dà molto peso all’autonomia elettrica. Con le batterie completamente scariche la XL1 difficilmente superebbe i 50 km/l. Ma di questo torneremo senz’altro a scriverne a breve, per adesso registriamo che le ibride ricaricabili stanno battendo, e non di poco, le elettriche. Cosa che per la verità sta riuscendo molto bene anche alle auto a metano, note da tempo ma ora disponibili in un numero crescente di modelli. E non è certo un caso che la Golf, incoronata Auto dell’Anno 2013 proprio a Ginevra, abbia presentato una versione alimentata a gas naturale.

Antonio Sileo*

*Ricercatore IEFE Bocconi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende