Home » Eventi » Green City Energy: a Pisa l’energia per le auto elettriche viene dalla geotermia:

Green City Energy: a Pisa l’energia per le auto elettriche viene dalla geotermia

luglio 5, 2010 Eventi

Green City Energy, Courtesy of Greencityenergy.itSi chiamano Fiore Lorini, Alessandro e Leonardo Cartacci, Stefano Virgili e Federico Felici. Sono i cittadini di Pisa che hanno contribuito all’avvio del progetto di mobilità sostenibile E-Mobility, in partenza ufficialmente a settembre a Pisa, Milano e Roma. Venerdì, infatti, nel corso della manifestazione Green City Energy chiusasi sabato nella città toscana, sono stati firmati i primi contratti di noleggio, a livello nazionale, dei veicoli elettrici Smart ForTwo Electric Drive.

Già nella giornata inaugurale di Green City Energy, del resto, il sindaco di Pisa Marco Filippeschi aveva dato il buon esempio guidando un corteo di auto elettriche che, dalla celebre Piazza dei Miracoli, aveva raggiunto il Palazzo dei Congressi, sede della manifestazione. Segno evidente che per l’Amministrazione Comunale il progetto E-Mobility è un fiore all’occhiello. “Una sperimentazione di grandissimo valore - ha detto il sindaco - che dimostra la sensibilità dei cittadini.  Le 56 colonnine di ricarica che verranno installate a Pisa possono supportare una sperimentazione ancora più ampia, per la quale spero che Enel e Mercedes continuino ad investire sulla nostra città”. “In Europa - ha concluso Filippeschi c’è una notevole crescita della domanda di mobilità elettrica. Speriamo che questo spinga le aziende produttrici ad abbassare i costi e passare dalla sperimentazione alla produzione in serie”.

Ma perché é una città come Pisa a sostenere questo progetto, rispetto a città di ben più grandi dimensioni e “peso specifico”? Per le peculiarità stesse della città, “a misura d’uomo”, che la rendono un punto di riferimento per le città di medie e piccole dimensioni. Pisa, infatti, è sede di una prestigiosa università pubblica, del Sant’ Anna e della Scuola Normale Superiore, di una sede del CNR, ha il più grande centro ricerche italiano di Enel, ha un polo tecnologico importante nella vicina Navacchio ed una primaria azienda produttrice di veicoli a pochi chilometri, la Piaggio di Pontedera.

Negli ultimi tempi, poi, il Comune ha investito molto nel green: basti pensare al regolamento edilizio per promuovere l’installazione del fotovoltaico, oppure alle innovative isole ecologiche itineranti. Il resto è dato dal territorio della provincia, quasi interamente “geotermico”. Non a caso proprio l’Università di Pisa ha sviluppato il mini elicottero Poseidon, che sorvola la regione alla ricerca di giacimenti geotermici. La Toscana, infatti, è l’area geotermica per eccellenza, in particolare nel triangolo Pisa – Siena – Grosseto. Se n’è parlato nella seconda giornata di Green City Energy.

“La produzione geotermoelettrica complessiva in tutta la Toscana è oggi pari a circa 5,5 miliardi di kWh all’anno – ha dichiarato Giancarlo Passaleva presidente Ugi (Unione Geotermica Italiana , associazione nata per promuovere la geotermia in Italia, presso il pubblico e i politici) – e consente di risparmiare circa 1,1 milioni di Tep(tonnellate equivalenti di petrolio) all’anno”.”Si può ragionevolmente prevedere – ha continuato Passaleva - che al 2020 l’energia geotermoelettrica possa raggiungere in Italia un valore da 7 a 7,5 miliardi di kWh, corrispondente a quasi il 150 % del valore attuale. È importante ricordare, che sono di grande rilievo anche gli usi diretti del calore geotermico, per i quali sono sufficienti temperature molto più basse, facilmente reperibili.  Non solo in  Toscana, ma anche in molte altre aree e a profondità modeste. Anche nel nostro Paese, infatti è in atto un notevole sviluppo di questa risorsa  per usi civili e industriali”.

Tutto è iniziato con lo sfruttamento dei soffioni boraciferi di Larderello, in provincia di Pisa, a partire dall’inizio del XIX secolo, prima per uso chimico-farmaceutico,  poi, dai primi del ‘900, con lo sviluppo dell’ industria elettrica, tuttora la più importante della zona. Ma la geotermia è destinata a crescere ancora. Come rivelato dal dottor Giorgio Buonasorte, infatti, Enel ha presentato oltre venti richieste per dare inizio ad  attività di esplorazione del sottosuolo in varie zone della Toscana. E proprio l’ingegner Marco Paci di Enel Ricerche ha parlato della nuova tecnologia a ciclo binario che Enel sta sperimentando a Livorno, per la quale è stato anche firmato un accordo con il Politecnico di Milano e con il MIT di Boston: negli USA Enel sperimenterà infatti un impianto ibrido, in grado di produrre elettricità unendo l’uso della geotermia e di pannelli fotovoltaici.

Walter Picchi, Assessore all’Ambiente della Provincia di Pisa, ha sottolineatopoi  i molteplici valori della fonte geotermica: “E’ importante unire la produzione di elettricità agli usi tradizionali, anche al fine di rassicurare la popolazione che, spesso, non riesce a vedere concretamente, in loco, i benefici della geotermia” “La Provincia di Pisa ha puntato molto sulla geotermia e speriamo che, oltre ad Enel, si creino importanti sinergie tra imprenditori privati e aziende pubbliche per investire e fare ricerca in questo settore” .“Vogliamo – ha concluso l’assessore – che la geotermia arrivi nelle città, con l’uso sempre più massiccio dei sistemi a pompa di calore. A Pisa addirittura, avremo  l’ospedale di Cisanello raffrescato grazie alla geotermia”.

 Diventa dunque fondamentale la formazione degli installatori. Ma, come ha sottolineato da Buonasorte, l’Italia è in ritardo nella applicazione delle normative europee che prevedono la creazione di un sistema di formazione e certificazione specifica per gli installatori di impianti geotermici per uso casalingo. Se non provvederemo presto in tal senso corriamo dunque il rischio di essere scavalcati da aziende di altri paesi, in un settore fondamentale per lo sviluppo della green economy e la salvaguardia dell’ambiente. Nihil sub sole novum.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende