Home » Eventi » Green City Energy: a Pisa l’energia per le auto elettriche viene dalla geotermia:

Green City Energy: a Pisa l’energia per le auto elettriche viene dalla geotermia

luglio 5, 2010 Eventi

Green City Energy, Courtesy of Greencityenergy.itSi chiamano Fiore Lorini, Alessandro e Leonardo Cartacci, Stefano Virgili e Federico Felici. Sono i cittadini di Pisa che hanno contribuito all’avvio del progetto di mobilità sostenibile E-Mobility, in partenza ufficialmente a settembre a Pisa, Milano e Roma. Venerdì, infatti, nel corso della manifestazione Green City Energy chiusasi sabato nella città toscana, sono stati firmati i primi contratti di noleggio, a livello nazionale, dei veicoli elettrici Smart ForTwo Electric Drive.

Già nella giornata inaugurale di Green City Energy, del resto, il sindaco di Pisa Marco Filippeschi aveva dato il buon esempio guidando un corteo di auto elettriche che, dalla celebre Piazza dei Miracoli, aveva raggiunto il Palazzo dei Congressi, sede della manifestazione. Segno evidente che per l’Amministrazione Comunale il progetto E-Mobility è un fiore all’occhiello. “Una sperimentazione di grandissimo valore - ha detto il sindaco - che dimostra la sensibilità dei cittadini.  Le 56 colonnine di ricarica che verranno installate a Pisa possono supportare una sperimentazione ancora più ampia, per la quale spero che Enel e Mercedes continuino ad investire sulla nostra città”. “In Europa - ha concluso Filippeschi c’è una notevole crescita della domanda di mobilità elettrica. Speriamo che questo spinga le aziende produttrici ad abbassare i costi e passare dalla sperimentazione alla produzione in serie”.

Ma perché é una città come Pisa a sostenere questo progetto, rispetto a città di ben più grandi dimensioni e “peso specifico”? Per le peculiarità stesse della città, “a misura d’uomo”, che la rendono un punto di riferimento per le città di medie e piccole dimensioni. Pisa, infatti, è sede di una prestigiosa università pubblica, del Sant’ Anna e della Scuola Normale Superiore, di una sede del CNR, ha il più grande centro ricerche italiano di Enel, ha un polo tecnologico importante nella vicina Navacchio ed una primaria azienda produttrice di veicoli a pochi chilometri, la Piaggio di Pontedera.

Negli ultimi tempi, poi, il Comune ha investito molto nel green: basti pensare al regolamento edilizio per promuovere l’installazione del fotovoltaico, oppure alle innovative isole ecologiche itineranti. Il resto è dato dal territorio della provincia, quasi interamente “geotermico”. Non a caso proprio l’Università di Pisa ha sviluppato il mini elicottero Poseidon, che sorvola la regione alla ricerca di giacimenti geotermici. La Toscana, infatti, è l’area geotermica per eccellenza, in particolare nel triangolo Pisa – Siena – Grosseto. Se n’è parlato nella seconda giornata di Green City Energy.

“La produzione geotermoelettrica complessiva in tutta la Toscana è oggi pari a circa 5,5 miliardi di kWh all’anno – ha dichiarato Giancarlo Passaleva presidente Ugi (Unione Geotermica Italiana , associazione nata per promuovere la geotermia in Italia, presso il pubblico e i politici) – e consente di risparmiare circa 1,1 milioni di Tep(tonnellate equivalenti di petrolio) all’anno”.”Si può ragionevolmente prevedere – ha continuato Passaleva - che al 2020 l’energia geotermoelettrica possa raggiungere in Italia un valore da 7 a 7,5 miliardi di kWh, corrispondente a quasi il 150 % del valore attuale. È importante ricordare, che sono di grande rilievo anche gli usi diretti del calore geotermico, per i quali sono sufficienti temperature molto più basse, facilmente reperibili.  Non solo in  Toscana, ma anche in molte altre aree e a profondità modeste. Anche nel nostro Paese, infatti è in atto un notevole sviluppo di questa risorsa  per usi civili e industriali”.

Tutto è iniziato con lo sfruttamento dei soffioni boraciferi di Larderello, in provincia di Pisa, a partire dall’inizio del XIX secolo, prima per uso chimico-farmaceutico,  poi, dai primi del ‘900, con lo sviluppo dell’ industria elettrica, tuttora la più importante della zona. Ma la geotermia è destinata a crescere ancora. Come rivelato dal dottor Giorgio Buonasorte, infatti, Enel ha presentato oltre venti richieste per dare inizio ad  attività di esplorazione del sottosuolo in varie zone della Toscana. E proprio l’ingegner Marco Paci di Enel Ricerche ha parlato della nuova tecnologia a ciclo binario che Enel sta sperimentando a Livorno, per la quale è stato anche firmato un accordo con il Politecnico di Milano e con il MIT di Boston: negli USA Enel sperimenterà infatti un impianto ibrido, in grado di produrre elettricità unendo l’uso della geotermia e di pannelli fotovoltaici.

Walter Picchi, Assessore all’Ambiente della Provincia di Pisa, ha sottolineatopoi  i molteplici valori della fonte geotermica: “E’ importante unire la produzione di elettricità agli usi tradizionali, anche al fine di rassicurare la popolazione che, spesso, non riesce a vedere concretamente, in loco, i benefici della geotermia” “La Provincia di Pisa ha puntato molto sulla geotermia e speriamo che, oltre ad Enel, si creino importanti sinergie tra imprenditori privati e aziende pubbliche per investire e fare ricerca in questo settore” .“Vogliamo – ha concluso l’assessore – che la geotermia arrivi nelle città, con l’uso sempre più massiccio dei sistemi a pompa di calore. A Pisa addirittura, avremo  l’ospedale di Cisanello raffrescato grazie alla geotermia”.

 Diventa dunque fondamentale la formazione degli installatori. Ma, come ha sottolineato da Buonasorte, l’Italia è in ritardo nella applicazione delle normative europee che prevedono la creazione di un sistema di formazione e certificazione specifica per gli installatori di impianti geotermici per uso casalingo. Se non provvederemo presto in tal senso corriamo dunque il rischio di essere scavalcati da aziende di altri paesi, in un settore fondamentale per lo sviluppo della green economy e la salvaguardia dell’ambiente. Nihil sub sole novum.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende