Home » Eventi »Idee » Green Light for Business: primo giorno:

Green Light for Business: primo giorno

febbraio 23, 2010 Eventi, Idee

Thomas Baade-Mathiesen, Courtesy of Green Light for BusinessIeri, mentre in tv e sulla stampa infuriava l’ennesima polemica politica tra gerontocrati (in vista delle prossime elezioni), nelle aule di un’università italiana andava in scena l’Italia che vorremmo: giovane, internazionale e propositiva.

Siamo alla Bocconi di Milano, dove un brillante studente norvegese, Thomas Baade-Mathiesen, è riuscito a fondare, con altri compagni di studio italiani e stranieri – e con il supporto dell’università e dei docenti - l’associazione Green Light for Business e ad organizzare, con relatori di altissimo livello, la prima conferenza pubblica sul tema dell’immenso green business che va delineandosi in questi ultimi anni.    

Get ready to be elightened è il motto ”illuministico” - e il monito – che campeggia sugli schermi ai bordi del palco, sul quale si sono susseguiti ieri i primi speakers, per introdurre i temi generali e le prospettive delle principali economie mondiali (USA e UE), sotto il cappello “Society“, mentre oggi si parlerà di “Business” e domani di “Personal“, ovvero del contributo individuale che deve necessariamente seguire, all’azione politica e imprenditoriale, perchè la sfida ambientale possa essere vinta.  

Quello che stupisce positivamente, considerata la giovane età degli organizzatori, è la capacità di coinvolgimento di aziende e istituzioni: dalla Commissione Europea al Consolato Generale degli Stati Uniti, dal Consolato Generale e la Camera di Commercio Britannici a Vodafone, Procter & Gamble, Nestlé, Chiquita, Accenture, e molti altri. La lista dei 60 relatori è sorprendente e ricca di CEO e President. Qualcuno dirà: “effetto Bocconi”. Anche, ma chi avrà il piacere di conoscere Thomas e i suoi collaboratori capirà che “il nome” da solo non basta, ci vogliono determinazione, lungimiranza e audacia.

“Io vengo da un paese”, mi racconta Thomas durante il coffee break, “di 3 milioni di abitanti, in cui la distanza tra i vertici e la gente comune è minima, forse per questo sono più sereno e fiducioso quando cerco di coinvolgere personaggi di alto profilo. E poi credo si debba osare”. Sapere aude, era del resto già il motto degli illuministi e questi ragazzi da “semaforo verde” sembrano determinati a informarsi e conoscere – ma soprattutto agire, per non farsi cogliere impreparati dalla green revolution che cambierà il modo di produrre, lavorare e vivere e di cui loro, si spera, saranno i protagonisti anche negli anni a venire.

Green Light_claimPurtroppo di autorità italiane in sala non se ne vedono molte, a parte il vice-sindaco di Roma e senatore Mauro Cutrufo, in rappresentanza della capitale, che ha saggiamente sponsorizzato l’evento, nonostante si tenga a Milano. Sono presenti invece Carlo Corazza, capo della Rappresentanza della Commissione Europea a Milano, Richard Scarborough Nygaard, della Reale Ambasciata di Norvegia a Roma e il Console Generale degli Stati Uniti a Milano Carol Z.Perez, perfettamente a suo agio di fronte alla giovane platea universitaria ed estremamente disponibile nel concedere interviste.

“Questa conferenza è per noi una buona opportunità per perseguire due obiettivi molto importanti”, ci spiega il Console Generale, già direttrice dello staff di supporto ai Segretari di Stato Powell e Rice. “Primo: con l’Amministrazione Obama le tecnologie green sono diventate una priorità e ora lo sono anche nelle rappresentanze all’estero, come la nostra. Secondo: per ottenere buoni risultati dobbiamo lavorare con i giovani, con le università, con gli innovatori, con gli imprenditori. Una delle priorità del nostro Consolato qui a Milano è proprio favorire queste connessioni, creare le opportunità per lavorare insieme, per far nascere sinergie e per esportare queste esperienze al di fuori dell’ambiente universitario, trasferendole al mondo del business e del commercio. E’proprio nei momenti di crisi come quello attuale che è fondamentale lavorare insieme ed essere innovativi”.

Andrea Gandiglio      

L’intervento integrale del Console Generale degli Stati Uniti è disponibile su Greenews.info in traduzione italiana: “Green Light for Business: l’intervento del console americano“, 23 febbraio 2010.

Come media partner della conferenza Green Light for Business, Greenews.info pubblicherà, domani e giovedì, un resoconto delle due giornate conclusive, con il contributo di Bruno Pampaloni (Affari & Finanza – La Repubblica e Greenews.info) e le video interviste conclusive della nostra inviata Caterina Tripepi. Alle ore 13.00 di giovedì 25 febbraio su Radio Bocconi saranno anche trasmesse le interviste realizzate dalla redazione dell’emittente universitaria.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende