Home » Eventi » Green Light for Business: terzo giorno:

Green Light for Business: terzo giorno

febbraio 25, 2010 Eventi

1-1-1-a41Si è conclusa ieri a Milano all’Università Commerciale Luigi Bocconi la terza e ultima giornata della ricca rassegna di conferenze “Green Light for Business”, organizzata dall’omonima associazione, fondata nel 2008 da un gruppo di giovani e illuminati studenti bocconiani.

Come da programma, tutti gli interventi sono stati condotti seguendo il taglio ”particolaristico” previsto dalla terza giornata: il green business visto e raccontato secondo una dimensione “personale” dai protagonisti del settore.

Si è parlato di sviluppo urbano, inquinamento, trasporto pubblico e del progetto milanese Ecopass con Edoardo Croci, Direttore di Ricerca presso lo IEFE Bocconi; del progetto di mitigazione dell’area di Porto Marghera e del problema del reimpiego delle aree già bonificate con Alberto Bernstein, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Ambientale presso il Consorzio Venezia Nuova; di architettura sostenibile, con Benno Albrecht, Direttore del Master in Architettura Sostenibile presso lo IUAV di Venezia. E ancora: dell’attività del Kyoto Club e delle NGOs nel business per la sostenibilità ambientale e di management dei sistemi di riforestazione per il controllo e l’abbattimento dell’inquinamento da emissioni.

Come è facile immaginare, le testimonianze di opere di studio, ricerca, progettualità e iniziativa provenienti da realtà diverse tra loro – accademiche, aziendali e istituzionali – hanno suscitato ampio interesse tra i giovani ascoltatori, studenti e neolaureati, per cui la ricerca di un posto di lavoro soddisfacente e adeguato alle proprie aspettative è la priorità immediata.

Ai relatori della giornata va il merito di aver saputo cogliere e corrispondere generosamente alla voglia di conoscenza dei presenti e in particolare alla necessità di orientamento rispetto al mercato del lavoro.

La nascita del green business e di una cultura della sostenibilità ambientale hanno fatto sì che negli ultimi vent’anni, in Italia come in altri paesi, nascessero nuove figure professionali e che – dato particolarmente rilevante – venissero create diverse migliaia di posti di lavoro. Recentemente, il Presidente degli Stati Uniti Barak Obama ha dichiarato in pubblico, con una certa soddisfazione, che in America la green economy ha già fruttato al paese oltre 700 mila nuove assunzioni nel settore delle energie rinnovabili e che l’obiettivo è raggiungere nel settore i 2 milioni di occupati entro il 2030.

Anche in Italia, come ha spiegato Alessandro Marangoni, CEO di Althesys Strategic Consultants, pur con tutte le difficoltà a cui è soggetto il mercato interno del lavoro (in particolare in tempi di crisi economica internazionale), i cosiddetti  green jobs hanno conseguito buoni risultati e nei prossimi due decenni ci si attende un ulteriore incremento compreso tra i 100 mila e 175 mila posti di lavoro. Questi dati, ha commentato Marangoni, rendono very fashionable gli incarichi nel settore, ma è opportuno distinguere le buone opportunità d’ingaggio dalle cattive, dal momento che non tutti i business, tra energie rinnovabili, efficienza energetica, produzione sostenibile e mitigazione dell’inquinamento, porteranno a buoni risultati.

Uno dei timori diffuso tra gli studenti, è che moltissime persone ambiscano ormai a un “incarico verde” e che, nonostante la preparazione acquisita durante i master post-laurea in management ambientale, solo i diplomati in materie tecniche e scientifiche riusciranno a raggiungere posizioni di vertice.

La risposta, fornita oltre che da Marangoni, da Carlo Soresina, fondatore della piattaforma Skipso e da Elena Jachia, Manager Environmetal Sector per Fondazione Cariplo,  è apparsa rassicurante: la green economy, pur avendo una giovane età, ha già concesso a molti esperienze pionieristiche, come testimoniato dai percorsi professionali dei relatori stessi. Quanti sono divenuti oggi protagonisti del settore hanno seguito un percorso individuale di successo e lo sviluppo atteso fa sperare che ciò possa, a maggior ragione, avvenire in futuro.

Caterina Tripepi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende