Home » Eventi »Idee » Green Office Day: sostenibili anche sul lavoro:

Green Office Day: sostenibili anche sul lavoro

giugno 8, 2012 Eventi, Idee

Alcuni già lo fanno, molti non ci hanno mai pensato. Eppure quando la filosofia green arriva in ufficio si inquina meno, si sprecano meno risorse e soldi, si lavora meglio. È questo il sentiment di “Green Office Day”, giornata di sensibilizzazione per l’ecosostenibilità in ufficio che cade proprio oggi.

Spegnere luci inutili, stampare sul retro di fogli già usati quando il testo è ancora in bozza, scegliere mezzi pubblici per andare al lavoro, sono solo alcuni dei comportamenti ecosostenibili suggeriti dalla campagna promossa, da quattro anni a questa parte, da un gruppo spontaneo di lavoratori di Bologna e diffusasi nel resto dello Stivale grazie al web. Sulle pagine Facebook dell’iniziativa ieri c’erano in poche ore mille adesioni e i “Mi piace” crescevano (e crescono) di minuto in minuto, così come i post con gli eco-consigli di singoli impiegati, aziende specializzate e associazioni. Altre idee viaggiano a colpi di tweet. «Nel luogo di lavoro si passa gran parte della giornata ed è quindi proprio lì che possiamo fare molto per aiutare l’ambiente» si legge sul sito ufficiale dell’iniziativa greenofficeday.it.

Convertire il proprio ufficio in un “green office”, del resto, è semplice. Il decalogo, lanciato in pillole nei giorni precedenti, permette non solo di rispettare l’ambiente ma anche di risparmiare sui costi, imprescindibile obiettivo per aziende e pubbliche amministrazioni. Se il mantra ambientale non funziona per fare proseliti dunque, gli eco-lavoratori potranno puntare su quello economico. Vediamo.

TRASPORTO - Il primo consiglio è quello di usare un mezzo di trasporto sostenibile per andare al lavoro. Bici in primis, anche come veicolo da integrare al trasporto pubblico (in alcune città esiste un sistema di bike-sharing pubblico con postazioni fuori dalle stazioni), autobus di linea, treni e metrò. Agli oltranzisti delle quattro ruote (spesso per motivi logistici) si può suggerire il car pooling.

LIMITA LE STAMPE – Molte azioni concrete si possono fare seduti alla scrivania. Preferire alla carta, principale impattante a livello ambientale, documenti digitali letti a schermo farà ridurre il consumo di risme, inchiostro, spazio per l’archivio ma anche costi. Ca’ Foscari, una delle due Università veneziane, introducendo obbligatoriamente il formato digitale per i libretti degli studenti, risparmia 20mila euro, mentre i laureandi hanno abbattuto i costi di stampa e rilegatura tesi.

STAMPA GREEN SE SERVE - Si può optare per la modalità fronte-retro (si risparmia il 50% della carta e dei relativi costi), per la modalità bozza che riduce l’inchiostro, per font (caratteri) che fanno risparmiare il 20% di inchiostro con programmi, come Ecofont, scaricabili gratuitamente.

ELIMINA FILE INUTILI E SPAM – Pochi lo sanno ma eliminare i file inutili dal pc, messaggi obsoleti e di spam dalla posta elettronica fa risparmiare energia. Secondo i promotori di “Green Office day” ogni spam genera 0,3 grammi di biossido di carbonio, come un’auto che percorre un metro di strada, 33 miliardi di kwh sarebbe invece l’energia sprecata annualmente per l’invio e il filtraggio dei milioni di mail “indesiderate” che ci arrivano.

RICICLA – Se l’azienda cambia logo e corporate image si possono riciclare carta intestata, cartelline, block notes e raccoglitori a uso interno o per prendere appunti. Anche il retro delle buste è ottimo per i memo.

RISPARMIA ENERGIA – Molti sprechi in azienda sono di energia elettrica, spesso da fonti non rinnovabili. Si può impostare lo spegnimento automatico del monitor in caso di non utilizzo prolungato (modalità “energy saving”), spegnere le luci quando ci si sposta dall’ufficio, stampanti e fotocopiatrici se non si usano per diverse ore o alla sera, finito l’orario di lavoro. Frequente l’uso di luci artificiali anche se fuori splende il sole: spegnere l’interruttore e preferire luce naturale aiuta anche i nostri occhi.

UFFICIO DI GABINETTO” ECO – Anche la necessaria pausa-bagno è occasione di sostenibilità ecologica. Ad esempio con fotocellule per azionare le luci solo quando c’è una persona, usando meno acqua per lavarsi le mani e meno carta per asciugarle, chiedendo saponi e detergenti biodegradabili per le pulizie.

DIFFERENZIARE – Come in casa, anche nei luoghi di lavoro si può e deve differenziare carta, plastica, lattine e vetro. Occhio al tecno-pattume! Toner, cartucce per le stampanti, pile, lampadine sono pericolosi e vanno raccolti tra i rifiuti RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), prima tipologia di rifiuti in crescita.

CANCELLERIA GREEN – C’è da sbizzarrirsi. Classici ormai fogli, cartelline, blocchi, post-it in carta riciclata, ma esistono anche raccoglitori, temperini e porta penne in legno, vaschette per la corrispondenza o portariviste in plastica riciclata, pastelli naturali ed evidenziatori ecologici, persino il righello biodegradabile.

PAUSE ECO-FRIENDLY – Perché non usare piatti in ceramica durante il break della riunione o nella pausa pranzo in ufficio, abolendo l’usa e getta, o bere acqua “del sindaco” con caraffe e bicchieri di vetro? Semplici mosse che riducono l’impatto ambientale e favoriscono anche il portafogli dell’imprenditore o le casse dell’ente pubblico.

Navigando nei siti specializzati e nei social network si scoprono decine di consigli da replicare tutto l’anno. Se ognuno di noi preferisse le scale all’ascensore ad esempio si risparmierebbero, secondo gli esperti, tonnellate di Co2. Per Legambiente è meglio non usare stampanti laser ma a getto d’inchiostro, programmare lo spegnimento delle macchine del caffè eternamente accese, intervenire sulla climatizzazione: inutili, costosi e dannosi per la salute termosifoni accesi in base al calendario invece che alle temperature esterne o climatizzatori a 18 gradi in piena estate. Se la legge impone a grandi imprese e pubbliche amministrazioni con consumi elevati l’Energy Manager per raggiungere l’efficienza energetica, anche imprese e uffici più piccoli, pubblici o privati che siano, possono optare per la gestione green e promuovere comportamenti consapevoli tra lo staff. Al di là di interventi strutturali, la prima regola del green – per di più a costo zero – è un nuovo stile di vita anche sul lavoro. E voi oggi lo avete fatto in ufficio?

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende