Home » Eventi » Green Social Festival: a Bologna si insegna a cambiare il mondo:

Green Social Festival: a Bologna si insegna a cambiare il mondo

maggio 3, 2012 Eventi

Come si potrebbe fare, in concreto, a costruire un mondo migliore? La domanda non è facile né banale. A rispondere, ci proverà in questi giorni (fino a sabato 5 maggio) la terza edizione del Green Social Festival, che si è aperto ieri a Bologna. In programma, spiegano gli organizzatori, “tutto ciò che concorre a farci stare meglio: i diritti, vincere le difficoltà, applicare le buone leggi, includere, essere curiosi di questo strano pianeta che si evolve ma che, purtroppo, mantiene ancora situazioni di dolore e di piccoli e grandi insulti quotidiani”. In due parole, il green e il social, la sostenibilità ambientale e quella sociale: 13 location, 70 incontri, 200 relatori, 50 associazioni coinvolte, 2.000 studenti prenotati per le lezioni, sei mostre, tre gite in collina con Syusy Blady e Patrizio Roversi. E poi tanti laboratori, convegni e workshop,  “aperitivi solari”.

Tutta la città, in particolar modo il centro storico, avrà edifici che conterranno messaggi e attività precisi: “Il claim di questa edizione è ‘Impariamo a stare al mondo‘ ed è dunque naturale pensare a tante ‘case’ che si caratterizzino in base ai temi che vogliamo trattare”.  “Abbiamo immaginato di poter abitare in una città sostenibile e perciò abbiamo “costruito” le case come fossero un viaggio in questa città e nel futuro. Ogni casa ha un proprio programma, green e social, futuro e colori, memoria e arte, architettura sostenibile e scienza”, spiega Paolo Amabile, ideatore del festival che è stato organizzato con la direzione scientifica di Andrea Segré, inventore di Last Minute Market.

In questo quadro un posto importante è riservato appunto alle tematiche ambientali, con iniziative dedicate anche ai più piccoli e agli studenti delle scuole superiori. Nelle quattro giornate, saranno tantissime le occasioni di discussione e approfondimento aperte a tutti, sui temi ambientalmente sensibili come la mobilità, il clima e l’energia. Il pomeriggio di giovedì 3 maggio, per esempio, sarà dedicato alle Smart city, con l’incontro all’auditorium Biagi sul progetto di rinascita urbana in chiave sostenibile che in tutta Italia sta già interessando alcune città, da Torino a Genova a Milano. Sempre oggi, nel quartiere San Vitale,  Agostino Di Tommaso dell’Escola Tècnica Superior d’Arquitectura de Barcelona parlerà del restauro ecologico, ossia il recupero di un ecosistema degradato, che potrebbe essere applicato anche nelle aree grigie e residuali delle nostre città per creare luoghi di incontro.

In calendario, fino al 4 maggio, ci sono poi tanti giochi, laboratori didattici ed esperimenti per i bambini: “I più piccoli avranno la possibilità di capire meglio come l’acqua diventa vapore, cosa occorre per preservare un fiore, cosa può generare il vento e come si può incanalare l’energia del sole per uso domestico. Poche attrezzature, molta fantasia ed il gioco è fatto”. Per gli studenti delle scuole superiori, invece, le lezioni dal palcoscenico permetteranno di approfondire le questioni ambientali più attuali. Sulla pedana, con le proprie immagini e le proprie suggestioni, docenti molto particolari terranno lezioni a cui seguiranno domande e risposte per fissare meglio i temi trattati.

Imperdibile sarà la lezione di Vincenzo Balzani, professore emerito dell’Università di Bologna e accademico dei Lincei, autore del libro “Energia per l’astronave Terra”:  “L’aumento della popolazione viaggia ad un ritmo di 80 milioni di nuovi nati ogni anno. Per il sostentamento di questa miriade di persone stiamo svuotando la natura e riempiendo il mondo con nostri manufatti e i nostri rifiuti. Abbiamo a bordo armi di ogni tipo fra cui decine di migliaia di ordigni nucleari. E’ l’energia e il suo utilizzo la cosa più importante per lo sviluppo economico e sociale di ogni nazione, il vero potere che governa il mondo”. All’Alce Nero Caffè sono invece previsti per i ragazzi una serie di incontri con produttori di biologico, che spiegheranno la filiera e i metodi di lavorazione, cercando di trasmettere una cultura della consapevolezza di ciò che mangiamo e di come viene coltivato.

Grande evento di chiusura del Festival, sabato 5 maggio, la parata della Banda Riciclante: i ragazzi delle scuole medie sfileranno per le vie del centro storico da Piazza S. Domenico toccando Piazza Cavour, Piazza Minghetti e raggiungendo Piazza S. Stefano con strumenti e costumi creati con la tecnica del riciclo creativo.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende