Home » Eventi » Green Social Festival: a Bologna si insegna a cambiare il mondo:

Green Social Festival: a Bologna si insegna a cambiare il mondo

maggio 3, 2012 Eventi

Come si potrebbe fare, in concreto, a costruire un mondo migliore? La domanda non è facile né banale. A rispondere, ci proverà in questi giorni (fino a sabato 5 maggio) la terza edizione del Green Social Festival, che si è aperto ieri a Bologna. In programma, spiegano gli organizzatori, “tutto ciò che concorre a farci stare meglio: i diritti, vincere le difficoltà, applicare le buone leggi, includere, essere curiosi di questo strano pianeta che si evolve ma che, purtroppo, mantiene ancora situazioni di dolore e di piccoli e grandi insulti quotidiani”. In due parole, il green e il social, la sostenibilità ambientale e quella sociale: 13 location, 70 incontri, 200 relatori, 50 associazioni coinvolte, 2.000 studenti prenotati per le lezioni, sei mostre, tre gite in collina con Syusy Blady e Patrizio Roversi. E poi tanti laboratori, convegni e workshop,  “aperitivi solari”.

Tutta la città, in particolar modo il centro storico, avrà edifici che conterranno messaggi e attività precisi: “Il claim di questa edizione è ‘Impariamo a stare al mondo‘ ed è dunque naturale pensare a tante ‘case’ che si caratterizzino in base ai temi che vogliamo trattare”.  “Abbiamo immaginato di poter abitare in una città sostenibile e perciò abbiamo “costruito” le case come fossero un viaggio in questa città e nel futuro. Ogni casa ha un proprio programma, green e social, futuro e colori, memoria e arte, architettura sostenibile e scienza”, spiega Paolo Amabile, ideatore del festival che è stato organizzato con la direzione scientifica di Andrea Segré, inventore di Last Minute Market.

In questo quadro un posto importante è riservato appunto alle tematiche ambientali, con iniziative dedicate anche ai più piccoli e agli studenti delle scuole superiori. Nelle quattro giornate, saranno tantissime le occasioni di discussione e approfondimento aperte a tutti, sui temi ambientalmente sensibili come la mobilità, il clima e l’energia. Il pomeriggio di giovedì 3 maggio, per esempio, sarà dedicato alle Smart city, con l’incontro all’auditorium Biagi sul progetto di rinascita urbana in chiave sostenibile che in tutta Italia sta già interessando alcune città, da Torino a Genova a Milano. Sempre oggi, nel quartiere San Vitale,  Agostino Di Tommaso dell’Escola Tècnica Superior d’Arquitectura de Barcelona parlerà del restauro ecologico, ossia il recupero di un ecosistema degradato, che potrebbe essere applicato anche nelle aree grigie e residuali delle nostre città per creare luoghi di incontro.

In calendario, fino al 4 maggio, ci sono poi tanti giochi, laboratori didattici ed esperimenti per i bambini: “I più piccoli avranno la possibilità di capire meglio come l’acqua diventa vapore, cosa occorre per preservare un fiore, cosa può generare il vento e come si può incanalare l’energia del sole per uso domestico. Poche attrezzature, molta fantasia ed il gioco è fatto”. Per gli studenti delle scuole superiori, invece, le lezioni dal palcoscenico permetteranno di approfondire le questioni ambientali più attuali. Sulla pedana, con le proprie immagini e le proprie suggestioni, docenti molto particolari terranno lezioni a cui seguiranno domande e risposte per fissare meglio i temi trattati.

Imperdibile sarà la lezione di Vincenzo Balzani, professore emerito dell’Università di Bologna e accademico dei Lincei, autore del libro “Energia per l’astronave Terra”:  “L’aumento della popolazione viaggia ad un ritmo di 80 milioni di nuovi nati ogni anno. Per il sostentamento di questa miriade di persone stiamo svuotando la natura e riempiendo il mondo con nostri manufatti e i nostri rifiuti. Abbiamo a bordo armi di ogni tipo fra cui decine di migliaia di ordigni nucleari. E’ l’energia e il suo utilizzo la cosa più importante per lo sviluppo economico e sociale di ogni nazione, il vero potere che governa il mondo”. All’Alce Nero Caffè sono invece previsti per i ragazzi una serie di incontri con produttori di biologico, che spiegheranno la filiera e i metodi di lavorazione, cercando di trasmettere una cultura della consapevolezza di ciò che mangiamo e di come viene coltivato.

Grande evento di chiusura del Festival, sabato 5 maggio, la parata della Banda Riciclante: i ragazzi delle scuole medie sfileranno per le vie del centro storico da Piazza S. Domenico toccando Piazza Cavour, Piazza Minghetti e raggiungendo Piazza S. Stefano con strumenti e costumi creati con la tecnica del riciclo creativo.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende