Home » Eventi »Idee » Greenlight for business: secondo giorno:

Greenlight for business: secondo giorno

febbraio 24, 2010 Eventi, Idee

Con il resoconto della seconda giornata di Green Light for Business si inaugura la collaborazione di Greenews.info con Bruno Pampaloni, esperto di questioni energetiche e contributor di Affari & Finanza – La Repubblica.

Green Light for Business, Aula Magna Gobbi, Università BocconiAll’Università Bocconi di Milano è andata in scena ieri la seconda giornata di Green Light for business, conferenza pubblica sulle importanti ricadute economiche legate ai temi ambientali, presentate attraverso un programma di sessioni parallele. Come già anticipato su Greenews, di grande qualità il livello dei relatori e delle proposte che, per l’occasione, spaziavano da questioni ormai di dominio pubblico (sostenibilità, prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili, gestione delle risorse idriche, nucleare, Oil & Gas, Cap & Trade, Eco Drive) ad altre riservate prevalentemente agli specialisti ma non per questo meno interessanti (Super Grids, Smart Grids).

In una delle sessioni pomeridiane il professor Antonio Tencati ha introdotto alcuni esempi che dimostrano come la sostenibilità ambientale sia diventata un valore per le aziende senza peraltro comprometterne l’attività produttiva di successo. George Jaksch, Senior Director Corporate Responsibility & Public Affairs di Chiquita, ha illustrato la stretta collaborazione avviata ormai da quindici anni con Rainforest Alliance, la ONG impegnata a conservare la biodiversità, assicurare eque condizioni lavorative e buoni livelli di sostentamento alle popolazioni locali attraverso il miglioramento delle pratiche di coltivazione della terra e rendendo più consapevoli i comportamenti dei consumatori. L’applicazione dello standard di Rainforest Alliance ha consentito a Chiquita di raggiungere alcuni obiettivi come la riforestazione di 1.100 ettari di terreno con 1 milione di alberi, il riciclaggio di 3.000 tonnellate di rifiuti l’anno e di applicare una stretta regolamentazione nell’uso dei pesticidi. Rainforest Alliance attualmente è partner anche di altri grandi marchi tra i quali Unilever, Krafts o Mars.

A Chiquita hanno fatto seguito due case history di successo nel campo del Green ICT: Vodafone e Cisco Systems. Pietro Guindani, presidente di Vodafone Italia ha rimarcato come, a livello internazionale, il gruppo si sia dato un considerevole obiettivo di sostenibilità ambientale: la riduzione del 50% delle emissioni di CO2 entro il 2020, un livello molto superiore a quello stabilito dall’Unione Europea. “Si tratta di una decisione nata dalla nostra ambizione di essere leader anche da questo punto di vista.” ci ha confessato Pietro Guindani. “Il fatto che Vodafone sia diventato un protagonista attivo su questi temi deriva da una richiesta pressante dei nostri clienti, una richiesta che noi abbiamo sentito forte e abbiamo naturalmente voluto accogliere. Ecco perché intendiamo esaudirla in tutti i modi possibili, anche utilizzando in maniera crescente energia da fonti rinnovabili e diventando più efficienti nella gestione delle nostre infrastrutture”.

Di fatto, le principali sorgenti energetiche impiegate da Vodafone Italia sono l’energia elettrica per le attività della rete, degli uffici o dei negozi, il metano per il riscaldamento degli uffici e il gasolio per il funzionamento dei gruppi elettrogeni della rete, degli uffici e per l’utilizzo della flotta aziendale. Oltre il 90% dell’energia elettrica è utilizzata per la normale operatività e quasi il 60% proviene da fonti rinnovabili.  A questo proposito ambiziosi i programmi di sostenibilità di Vodafone Italia, che, per il 2010, si è impegnata ad acquistare quasi il 100% di energia dalle rinnovabili.

Dal canto suo Alberto Degradi, Green Ambassador di Cisco Systems, ha rimarcato come l’ICT sia una “piccola parte del problema del Carbon Emission” e come possa invece essere “una grossa parte della sua soluzione”. Oggi, infatti, l’ICT “impatta per il 2% sul totale delle emissioni delle attività umane” e, anche se sta crescendo rapidamente, per Degradi “il suo utilizzo consentirà di ridurre fino al 15 % della CO2 emessa dal totale delle attività umane”. Oggi esistono, infatti, tecnologie di collaborazione come la telepresence, che consente il management o la realizzazione di molti meeting aziendali virtuali ma in grado di fornire la stessa percezione di una riunione dal vivo. Vi sono ancora tecnologie di controllo per la gestione più saggia possibile dell’energia negli uffici, a casa o nei flussi di traffico delle città. “Per fare tutto questo e per sviluppare infrastrutture di rete sempre più intelligenti serve però investire ulteriormente su una ultrabroadband” ha concluso Degradi.

Bruno Pampaloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende