Home » Eventi »Idee » Greenlight for business: secondo giorno:

Greenlight for business: secondo giorno

febbraio 24, 2010 Eventi, Idee

Con il resoconto della seconda giornata di Green Light for Business si inaugura la collaborazione di Greenews.info con Bruno Pampaloni, esperto di questioni energetiche e contributor di Affari & Finanza – La Repubblica.

Green Light for Business, Aula Magna Gobbi, Università BocconiAll’Università Bocconi di Milano è andata in scena ieri la seconda giornata di Green Light for business, conferenza pubblica sulle importanti ricadute economiche legate ai temi ambientali, presentate attraverso un programma di sessioni parallele. Come già anticipato su Greenews, di grande qualità il livello dei relatori e delle proposte che, per l’occasione, spaziavano da questioni ormai di dominio pubblico (sostenibilità, prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili, gestione delle risorse idriche, nucleare, Oil & Gas, Cap & Trade, Eco Drive) ad altre riservate prevalentemente agli specialisti ma non per questo meno interessanti (Super Grids, Smart Grids).

In una delle sessioni pomeridiane il professor Antonio Tencati ha introdotto alcuni esempi che dimostrano come la sostenibilità ambientale sia diventata un valore per le aziende senza peraltro comprometterne l’attività produttiva di successo. George Jaksch, Senior Director Corporate Responsibility & Public Affairs di Chiquita, ha illustrato la stretta collaborazione avviata ormai da quindici anni con Rainforest Alliance, la ONG impegnata a conservare la biodiversità, assicurare eque condizioni lavorative e buoni livelli di sostentamento alle popolazioni locali attraverso il miglioramento delle pratiche di coltivazione della terra e rendendo più consapevoli i comportamenti dei consumatori. L’applicazione dello standard di Rainforest Alliance ha consentito a Chiquita di raggiungere alcuni obiettivi come la riforestazione di 1.100 ettari di terreno con 1 milione di alberi, il riciclaggio di 3.000 tonnellate di rifiuti l’anno e di applicare una stretta regolamentazione nell’uso dei pesticidi. Rainforest Alliance attualmente è partner anche di altri grandi marchi tra i quali Unilever, Krafts o Mars.

A Chiquita hanno fatto seguito due case history di successo nel campo del Green ICT: Vodafone e Cisco Systems. Pietro Guindani, presidente di Vodafone Italia ha rimarcato come, a livello internazionale, il gruppo si sia dato un considerevole obiettivo di sostenibilità ambientale: la riduzione del 50% delle emissioni di CO2 entro il 2020, un livello molto superiore a quello stabilito dall’Unione Europea. “Si tratta di una decisione nata dalla nostra ambizione di essere leader anche da questo punto di vista.” ci ha confessato Pietro Guindani. “Il fatto che Vodafone sia diventato un protagonista attivo su questi temi deriva da una richiesta pressante dei nostri clienti, una richiesta che noi abbiamo sentito forte e abbiamo naturalmente voluto accogliere. Ecco perché intendiamo esaudirla in tutti i modi possibili, anche utilizzando in maniera crescente energia da fonti rinnovabili e diventando più efficienti nella gestione delle nostre infrastrutture”.

Di fatto, le principali sorgenti energetiche impiegate da Vodafone Italia sono l’energia elettrica per le attività della rete, degli uffici o dei negozi, il metano per il riscaldamento degli uffici e il gasolio per il funzionamento dei gruppi elettrogeni della rete, degli uffici e per l’utilizzo della flotta aziendale. Oltre il 90% dell’energia elettrica è utilizzata per la normale operatività e quasi il 60% proviene da fonti rinnovabili.  A questo proposito ambiziosi i programmi di sostenibilità di Vodafone Italia, che, per il 2010, si è impegnata ad acquistare quasi il 100% di energia dalle rinnovabili.

Dal canto suo Alberto Degradi, Green Ambassador di Cisco Systems, ha rimarcato come l’ICT sia una “piccola parte del problema del Carbon Emission” e come possa invece essere “una grossa parte della sua soluzione”. Oggi, infatti, l’ICT “impatta per il 2% sul totale delle emissioni delle attività umane” e, anche se sta crescendo rapidamente, per Degradi “il suo utilizzo consentirà di ridurre fino al 15 % della CO2 emessa dal totale delle attività umane”. Oggi esistono, infatti, tecnologie di collaborazione come la telepresence, che consente il management o la realizzazione di molti meeting aziendali virtuali ma in grado di fornire la stessa percezione di una riunione dal vivo. Vi sono ancora tecnologie di controllo per la gestione più saggia possibile dell’energia negli uffici, a casa o nei flussi di traffico delle città. “Per fare tutto questo e per sviluppare infrastrutture di rete sempre più intelligenti serve però investire ulteriormente su una ultrabroadband” ha concluso Degradi.

Bruno Pampaloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende