Home » Eventi » Grüne Woche di Berlino: come rendere “pop” l’agricoltura:

Grüne Woche di Berlino: come rendere “pop” l’agricoltura

gennaio 24, 2012 Eventi

La celebre Settimana Verde Internazionale di Berlino, giunta alla sua 77ª edizione, rappresenta la più grande fiera del mondo dell’alimentazione, dell’agricoltura e orticoltura.

Inaugurata lo scorso 20 gennaio, si svolge nel Centro Fiere del quartiere berlinese di Charlottenburg, fino a domenica 29 gennaio, e porta a Berlino i produttori agricoli e gli esperti del settore agroalimentare di tutto il mondo, ospitando inoltre il Summit Mondiale dei Ministri dell’Agricoltura: un momento di incontro, scambio, e riflessione sui grandi temi legati all’agricoltura e all’economia internazionale.

Doppia vocazione, quindi, per una Fiera che è capace di conciliare, in maniera armonica, l’interesse degli operatori professionali del settore agro-alimentare con quello del grande pubblico. I numeri del 2011 testimoniano un successo incredibile, con oltre 400.000 visitatori, accorsi per conoscere le novità e i prodotti di oltre 1.600 espositori, provenienti da 57 Paesi del mondo. E ben oltre 5.000 giornalisti, provenienti da 70 Paesi, accorsi per il Summit Mondiale dei Ministri dell’Agricoltura, in vista delle discussioni sulla riforma della PAC, la Politica Agricola Comune dell’Unione Europea, che terrà banco fino alla fine del 2012.

I prodotti alimentari, presentati negli oltre 115.000 mq di esposizione, vanno da prodotti tipici e di nicchia a frutta e verdura biologiche, prodotti ittici, carne e latticini. In fiera non ci sono però solo alimentari, ma anche aree dedicate alle attrezzature, macchinari e serre per l’agricoltura e l’orticoltura, per il bestiame, animali da compagnia, oggetti per la caccia e la pesca.

Il paese partner di quest’anno, la Romania, ha puntato sulla sua produzione vinicola portando alla Settimana Verde, una selezione di vini di alta qualità. Mentre Germania e Russia hanno siglato una “joint venture per la bioenergia”. Helmut Lamp, presidente dell’Associazione Federale per le Bioenergie, e Sergey Chernin, presidente dell’Unione Nazionale di Bioenergia, Energie Rinnovabili ed Ecologia, hanno infatti firmato un accordo di cooperazione a lungo termine, che costituisce la base di un protocollo più ampio. L’ obiettivo principale della Germania è di esportare in Russia tecnologia, e viceversa di importare i biocarburanti e biogas. Due anni fa, con l’aiuto della Germania, la Russia ha commissionato il suo primo impianto di biogas e ora sono circa 40 i progetti in cantiere, ha detto Chernin. Piuttosto che usare materie prime rinnovabili, l’attenzione si è concentrata sui rifiuti di lavorazione, che risolverebbero inoltre in parte anche il problema dello smaltimento dei rifiuti organici.

Sabato è stata invece una giornata importantissima per il Forum Globale per l’Alimentazione e l’Agricoltura (GFFA), con incontri incentrati sul dibattito relativo all’andamento della politica alimentare e agricola nel mondo. I Ministri dell’Agricoltura presenti,  provenienti da 64 paesi, hanno accettato l’invito del Ministro Federale Ilse Aigner a lavorare sulle nuove strategie per la salvaguardia delle risorse alimentari mondiali, riconoscendo quanto sia decisivo il ruolo dell’agricoltura per ridurre la fame nel mondo (che conta ancora 925 milioni di esseri umani  sofferenti).

Nella dichiarazione finale congiunta i politici hanno definito quali sono le economie agricole che pienamente rispettano i principi di risparmio di risorse e sostenibilità e per le quali la priorità è quella di facilitare gli investimenti da parte dei titolari di piccole imprese, garantendo il loro accesso alla terra e all’acqua. ”E’quindi fondamentale che si implementino linee guida internazionali per regolamentare lo sfruttamento responsabile di terra”, ha detto Aigner. L’Organizzazione Mondiale dell’Alimentazione (FAO) sta attualmente elaborando queste linee guida che dovrebbero essere pubblicate in primavera. In parallelo, i ministri hanno però invitato tutti i paesi a ridurre drasticamente anche i livelli di spreco di cibo nei paesi industrializzati, ma anche in quelli emergenti e in via di sviluppo, concausa della fame nel mondo.

Come negli anni precedenti i risultati del vertice di Berlino dei Ministri dell’Agricoltura serviranno come materia di dibattito nei  prossimi incontri internazionali. Soprattutto, la speranza è che il Summit stimoli spunti e strategie nuove, che saranno messe sul tavolo nella prossima e attesissima Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile, che si svolgerà a Rio de Janeiro nel giugno 2012.

Clara Innarelli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende