Home » Eventi » I record del biologico, un settore chiave per la ripresa italiana:

I record del biologico, un settore chiave per la ripresa italiana

settembre 8, 2014 Eventi

Il 59% degli Italiani mangia o usa prodotti biologici. Dai padiglioni del Sana, la fiera del biologico e naturale (dal 6 al 9 settembre, a Bologna, la 26° edizione), si capisce che questo comparto – unico settore dell’industria nostrana che abbia retto alla crisi - promette ancora crescita. I dati dell’Osservatorio Sana, a cura di Nomisma, e quelli elaborati da Sinab e Ismea rilevano, da tre anni a questa parte, l’aumento costante dei consumi di alimenti e prodotti biologici certificati. Tanto da registrare un +17,3% nei primi cinque mesi del 2014 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’aumento della domanda ha trainato anche il numero degli operatori (52.383 nel 2013, +5,4% in un anno) e la superficie agricola coltivata con metodo bio (+12,8%), oggi pari a oltre un milionetrecentomila ettari. “Un vero record” per Francesco Giardina, del Sistema d’Informazione Nazionale sull’Agricoltura Bio. ”Più del 10% della superficie coltivata nazionale è dedicata al biologico. E l’Italia è prima in Europa per numero di operatori impiegati nel settore“. Vanno per la maggiore olivo e vite bio, che occupano quasi 176mila ettari il primo e 68mila ettari l’altra. A seguire, frutta in guscio e ortaggi.

Se il Belpaese cresce, in superfici coltivate, più del resto del continente, – dove la Germania mantiene il primato per consumi e produzione – è però vero che riescono a reggere il mercato “solo le aziende medio-grandi, con i piccoli produttori che vengono espulsi dal sistema del bio, o che producono bio ma rinunciano a certificarlo” avverte il responsabile Sinab.

Importanti nel comparto sono anche le aziende che oltre a produrre si occupano di preparazione e distribuzione dei prodotti: “E’ la parte della filiera che cresce di più – sottolinea Giardina. – L’agroindustria legata al biologico registra una crescita del 21%”. E se Sicilia, Calabria e Puglia sono in testa per estensione delle superfici agricole e per operatori dedicati al biologico, buona parte delle imprese legate alla trasformazione e distribuzione si trova invece in Emilia-Romagna. Questa regione si conferma leader nel nord Italia, con 3.771 imprese di produzione e trasformazione bio (+ 1,4% in un anno).

Secondo quanto illustrato dall’assessore regionale all’agricoltura, Tiberio Rabboni, il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) che si sta concludendo ha destinato il 30% di tutte le risorse disponibili alle produzioni biologiche, che interessano l’8% del territorio agricolo emiliano e il 4% delle sue imprese. La Regione ha quindi puntato molto sul bio. “Una priorità – confermano da Viale Aldo Moro – dettata dalla volontà di ridurre gli impatti dell’agricoltura sull’ambiente e promuovere modelli di produzione più sostenibili”. E’ grazie a questa strategia, per esempio, che sono cresciuti anche gli allevamenti biologici: più di un’azienda agricola biologica su 5 alleva almeno una specie animale con il metodo biologico. Tra le 624 imprese zootecniche bio regionali, le 15 imprese avicole detengono il primato nazionale della produzione di uova biologiche, grazie a circa 500 mila galline ovaiole.

Ma non è tutto. Spiega Rabboni che “con il nuovo PER 2014- 2020, finanzieremo le reti di impresa bio, gli investimenti e i progetti di filiera dell’agroalimentare biologico. Gli aiuti diretti a superficie passeranno da 12 a 15 milioni all’anno per una cifra complessiva superiore ai 100 milioni di euro. Ma soprattutto incentiveremo le iniziative commerciali e la promozione dei prodotti, l’abbattimento dei costi di certificazione, e i gruppi per la vendita diretta. Fondamentale – ha aggiunto Rabboni – sarà anche l’esito del confronto sul nuovo Regolamento europeo del biologico, che dovrà entrare in vigore nel 2017”.

A una proposta di testo su cui far convergere gli altri Paesi membri l’Italia sta già lavorando, forte del suo semestre di presidenza dell’Unione Europea. Lo rende noto Andrea Olivero, viceministro alle Politiche agricole, alimentari e forestali.“Lo sviluppo del settore biologico, in Italia come in Europa, ha reso necessario questo nuovo regolamento. E l’Italia ha sollevato la questione delle superfici come elemento da prendere in considerazione per ottenere finanziamenti”. Negli ultimi dieci anni la superficie dei terreni agricoli dedicati a coltivazioni biologiche è aumentata ogni anno di mezzo milione di ettari, e oggi il Vecchio Continente conta oltre 186mila aziende agricole biologiche. Nel nostro Paese, attraverso i Piani di Sviluppo Rurale delle regioni, hanno beneficiato di fondi circa 26mila aziende. “Quello che era nato dalla passione di pochi, è oggi una delle esperienze di punta dell’agroalimentare italiano – sostiene Olivero – Il biologico è diventato un elemento qualificante per i produttori. E proprio perchè si connota per la qualità, si regge sulla fiducia dei consumatori. Una fiducia da sostenere attraverso l’aumento dei controlli, il contrasto alle frodi alimentari, ma anche con la semplificazione burocratica, con misure come la “certificazione di gruppo” che agevolerebbe i piccoli produttori”. Il differenziale tra volumi di produzione e di vendita di beni biologici – si produce più di quanto si venda – si spiega in parte per i costi della certificazione, che inducono le piccole aziende ad abbandonare la certificazione pur producendo in modo biologico, ed in parte per un effetto distorsivo dei finanziamenti dei PSR – talune aziende infatti adottano modalità di coltivazione bio soltanto per accedere ai fondi, senza poi immettere sul mercato quei prodotti come biologici. I dati presentati dall’Osservatorio Sana si riferiscono infatti alla produzione potenziale, stimata a partire dalle superfici e dalle rese delle coltivazioni.

Resta che il biologico procura “vantaggi per l’ambiente, per i risultati produttivi e reddituali delle imprese, per l’alta densità di manodopera richiesta – elenca Olivero. - Il biologico è strategico per la ripresa del Paese e va perciò sostenuto dalle istituzioni”. In tale ottica, la Camera ha di recente approvato una legge sull’”agricoltura sociale” che attende ora di proseguire l’iter parlamentare. Anche se non è chiaro cosa si intenda esattamente per “sociale” e quale sia la connessione con il metodo biologico. Una connessione concettuale sembra arrivare in soccorso dalle parole di Duccio Campagnoli: “il biologico – spiega l’amministratore delegato di BolognaFiere - valorizza la biodiversità e la cura dei territori, richiamando alla necessità di uno scambio virtuoso con l’ambiente”. In questo solco s’inserisce la piattaforma web di Coop Adriatica “S-Cambia cibo”, sviluppata per favorire un “food sharing” gratuito attraverso la condivisione in rete di avanzi alimentari ancora buoni. L’app geolocalizza il “frigorifero” segnalato ed evita così gli sprechi.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende