Home » Eventi »Nazionali »Politiche » Il Codice Forestale Camaldolese, preziosa fonte di sostenibilità ambientale:

Il Codice Forestale Camaldolese, preziosa fonte di sostenibilità ambientale

maggio 27, 2010 Eventi, Nazionali, Politiche

Un documento dell'Eremo di Camaldoli, Courtesy of INEAChissà quanti operatori della sostenibilità ambientale conoscono l’Eremo di Camaldoli, nel Casentino, o ne conoscono i metodi secolari di salvaguardia delle foreste e del loro ecosistema, praticati dai monaci.

Chi fosse interessato può prendere parte, Giovedì 28 e venerdì 29, al convegno dal titolo “Il Codice Forestale Camaldolese. Le radici della sostenibilità, organizzato dall’ Istituto Nazionale di Economia Agraria, che si terrà  presso l’Eremo, in provincia di Arezzo . Nel corso del convegno sarà presentato il libro omonimo, primo di una serie di quattro volumi dedicati alla riscoperta degli antichi saperi dei  monaci che, per oltre otto secoli, hanno gestito e salvaguardato le foreste del Casentino, dando vita ad un modello flessibile e durevole di tutela delle risorse naturali, un modello esemplare, anche dal punto di vista sociale, successivamente esportato oltre il Casentino e oltre i confini della Toscana, in tutta l’area boschiva dell’Appennino centrale, grazie all’operato di altri centri di ispirazione camaldolese.

Il convegno si tiene, significativamente, a pochi giorni dalla delibera di Giunta della Regione Toscana, che punta proprio sulla salvaguardia del patrimonio boschivo regionale e sui Green Jobs, con un investimento di ben 44 milioni di euro, distribuiti nell’arco di tre anni,  per un piano straordinario di investimenti finalizzati a “tenere in ordine la montagna e i suoi boschi, per ridurre il rischio di frane ed alluvioni in pianura, ma anche per sviluppare una vera economia verde e creare, stabili nel tempo, seicento posti di lavoro”, come annunciato dal neo-presidente Enrico Rossi all’indomani dell’approvazione della delibera.

I primi investimenti, 12 milioni di euro,  saranno elargiti entro la fine del 2010 e destinati alla gestione e alla coltivazione dei boschi e alla valorizzazione della montagna, con introduzione di animali in grado di contribuire alla salvaguardia delle foreste. Gli altri 32 milioni saranno utilizzati per le sistemazioni forestali, per la promozione della selvicoltura sostenibile, per  la promozione dell’attività zootecnica nel bosco e, infine,  per lo sviluppo delle filiere locali nei settori del legno.

“Storicamente- ha aggiunto Rossi- “ i boschi della Toscana sono ben tenuti: spendiamo poco, molto meno di altre Regioni, e con ottimi risultati. Vantiamo pure una lunga tradizione di politica di mantenimento ed attenzione: dai granduchi dei Medici al presidente Bartolini, a cui va il merito di aver creato una rete di associazioni di volontari per la difesa dei boschi. Resta il fatto che la montagna è coltivata meno di un tempo. Molti l’abbandonano. E questo produce ripercussioni negative a valle”. “Ma il piano straordinario che mettiamo in campo  aiuterà anche a rallentare questa fuga: sviluppando posti di lavoro in loco”.

Peccato che Rossi, nell’excursus storico, si sia dimenticato di citare i monaci camaldolesi che, per secoli, hanno gestito quelle foreste e l’agricoltura delle aree boschive e montane del Casentino, creando un modello che è alla radice dell’attuale concetto di sostenibilità. Una sorta di sviluppo sostenibile “ante litteram”, connaturato allo stile di vita dei monaci e permeato da un approccio fortemente spirituale e religioso.

Attraverso le testimonianze e gli studi di monaci, ricercatori e tecnici forestali, il convegno intende ricostruire la complessità e l’efficienza di un sistema consolidato nel tempo, che può rappresentare, dunque, anche un moderno modello per una gestione attiva e sostenibile delle risorse ambientali. L’idea è quella di fornire punti di vista differenti di intendere e gestire la foresta, la sostenibilità ed il legame tra uomo e natura e creare un confronto tecnico e politico sulla gestione delle risorse forestali ed ambientali,  grazie anche alla collaborazione ed agli interventi degli esperti del Corpo Forestale dello Stato, del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi e della Comunità Montana del Casentino, che patrocina l’iniziativa.

Il progetto è nato  dalla collaborazione tra l’Osservatorio Foreste INEA e il Collegium Scriptorium Fontis Avellanae e si propone il recupero, la valorizzazione e la diffusione del patrimonio storico-culturale della Congregazione Benedettina Camaldolese, in particolare del materiale conservato nelle fonti camaldolesi edite e in altri numerosi documenti, in gran parte ancora sconosciuti, conservati negli Archivi di Stato e in quelli privati.

La prima idea progettuale deve la luce a Don Salvatore Frigerio che, come Presidente del Collegium, manifestò agli Stati Generali della Montagna di Torino, nel 2002 ( (Anno Internazionale delle Montagne), l’intenzione di mettere al centro di una ricerca scientifica il patrimonio di conoscenze e testimonianze che la Congregazione ha sviluppato quotidianamente dal 1027 al 1868.

Il progetto ha consentito di raccogliere norme e disposizioni sparse in una miriade di carte (contratti, verbali, promemoria e corrispondenza di vario genere) e di eseguire una ricognizione ed una mappatura dei luoghi interessati.  Non una semplice ricerca archivistica rivolta al passato, ma un’opportunità unica di consegnare una ricca eredità alle nuove generazioni, coinvolte, attraverso alcuni istituti scolastici della zona nella creazione di una banca dati on line.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

maggio 4, 2018

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

A giugno verrà approvato in via definitiva il pacchetto europeo sull’economia circolare e già oggi nasce il Circular Economy Network, l’osservatorio della circolarità in Italia creato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e da un gruppo di 13 aziende e associazioni di impresa che vanno dai consorzi di riciclo alle industrie di bioplastiche, dalle acque [...]

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

maggio 4, 2018

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

Domenica 6 maggio 2018, al Parco del Valentino di Torino torna protagonista la bicicletta con due importanti eventi dedicati al mondo del ciclismo urbano: la IX edizione del “Bike Pride”, la tradizionale parata annuale di biciclette organizzata dall’Associazione Bike Pride Fiab Torino, e la V edizione del Brompton World Championship, un evento dedicato agli appassionati [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende