Home » Eventi »Recensioni » “Cultus loci”, il racconto di un paesaggio rurale nel saggio di Dario Rei:

“Cultus loci”, il racconto di un paesaggio rurale nel saggio di Dario Rei

novembre 20, 2014 Eventi, Recensioni

Ha preso avvio il 29 ottobre ottobre scorso il nuovo ciclo di “Incontri con il paesaggio”, realizzati nell’ambito dell’attività didattica del corso di laurea magistrale interateneo in Progettazione delle aree verdi e del paesaggio tra l’Università degli Studi di Torino, il Politecnico, l’Università degli Studi di Genova e l’Università degli Studi di Milano. Il grande successo delle precedenti edizioni è stato di stimolo per l’organizzazione di un nuovo ciclo di seminari, che prevede approfondimenti sulle tematiche del paesaggio, del giardino storico, della sostenibilità e della formazione. All’incontro di fine ottobre sono intervenuti il Prof. De Vecchi, dell’Università degli Studi di Torino e il Prof. Emanuele Bruzzone in qualità di moderatore. Ospite, Dario Rei, sociologo e docente del Dipartimento di Culture, Politica e Società all’Università di Torino, che ha presentato il suo nuovo libro “Cultus Loci, Cura animi, Racconto di un paesaggio rurale”(DiffusioneImmagine Editore). Il titolo dell’opera è la cornice simbolica che inquadra l’oggetto del saggio: una micro-area fra Torino ed Asti, avente come comune attrattore la Canonica di Santa Maria di Vezzolano, storico monumento del Monferrato. La prospettiva che si pone l’autore è quella di delineare un futuro possibile per i paesaggi rurali in Piemonte, in un momento storico in cui c’è grande apertura ad una pluralità di trasformazioni.

In “Cultus loci”, Dario Rei invita ad una riflessione consapevole sul paesaggio, a partire dal divario di percezione tra chi il paesaggio lo vive da autoctono e chi lo fruisce da esterno. Il testo nasce dalla sua personale esperienza di vita: «Lasciai Torino a metà anni Novanta per andare a risiedere stabilmente in una posizione poco discosta dalla Canonica», racconta. «Occuparmi del territorio dove venivo a risiedere ha voluto dire attivare il mio interesse a nuovi argomenti, relativi al patrimonio culturale e paesaggistico e far nascere il mio sensus loci, facendomi riconsiderare il senso di appartenenza come identità storica».

Non basta però scollinare i confini geografici per avere la sensazione di esser approdati ad un nuovo territorio e non sempre si hanno a disposizione ricerche o studi che facciano riconoscere le specificità dei tratti culturali e storici del luogo che si ha di fronte: le capacità di discernerne i contenuti etnici derivano da un lungo e partecipato vissuto su quei territori. In Francia i sociologi sottolineano come le 3 P (Pais, Paysage, Paysant) siano una triade imprescindibile e fortemente unita, a partire dalla quale si deve iniziare a ragionare per declinarla nel mondo rurale agricolo.

Il testo di Rei indaga il territorio ricercando anche nelle più marginali informazioni del passato, le ragioni storiche dell’area, dando vita ad una documentata interpretazione ed analisi dei saperi della tradizione locale. «Nel mio studio mi sono reso conto che la maggioranza degli autoctoni conosce appena la storia passata e quello che è incredibile è che più ci si avvicina al passato prossimo e meno si conosce la storia. C’è una sorta di presbiopia, una zona grigia che non siamo in grado di indagare. Per questo nel mio testo ho cercato di riprendere elementi di storia recente e di scrivere le caratteristiche dell’area, così come si presenta oggi» sostiene l’autore.

La scelta del luogo in cui si va ad abitare, afferma del resto, il sociologo Richard Florida, è una decisione di vita: il paesaggio rappresenta l’identità culturale delle persone che lo abitano ed indagarlo equivale ad aver memoria della propria storia. Rei parla di Eutopia, cioè la capacità di innestare l’antico patrimonio nella nostra vita contemporanea al fine di usare dei semi per costruire una società neo-rurale: ma le risorse di cultura, memoria ed esperienze pregresse sono sufficienti per delineare una nuova direzione, che non sia una rappresentazione statica e nostalgica della vecchia società? Carandini, che Rei cita nel suo libro, afferma: «non aveva fatto in tempo l’industrialismo a manifestarsi nel modo più vistoso, obliterando il mondo contadino e cementificando il territorio, che subito si è fatto post-industrialismo, in una cadenza congestionata di tempi mai conosciuta, per cui molti della nostra generazione hanno vissuto in pochi decenni intere ere di sviluppo dell’umanità». La nuova società neo-rurale dovrebbe fondarsi non sulla nostalgia, presenza scomparsa, ma su un rimpianto fecondo, in modo che esso possa diventare utile al nostro futuro.

Un’interpretazione attiva e responsabile di trasformazione risiede nell’integrazione tra la tutela dei beni e la costruzione di una nuova identità, realizzando uno sforzo progettuale che sappia unire in modo virtuoso il genius loci all’ingenium loci. «La gestione dei beni architettonici ed ambientali è fondamentale per redigere progetti di elevato valore dimostrativo e stimolare processi di governance adeguata, come è altrettanto fondamentale diffondere comportamenti, sia individuali che collettivi, consapevoli, economicamente ed ecologicamente sostenibili anche nel lungo termine» sottolinea Rei. La cura dei nostri luoghi, segno identificatore di una società eutopica, nasce dalla ricerca di una corrispondenza biunivoca fra paesaggio interiore e paesaggio esteriore.

Il ruolo dell’architettura, in questo delicato rapporto, è fondamentale: deve abbellire il paesaggio, non disonorarlo. Esiste una moralità nel costruire, che deve saper coniugare memoria e futuro, vita quotidiana e slancio immaginativo del domani. Rei conclude con un invito alla responsabilizzazione della civitas: «La domanda cruciale che dobbiamo porci è di quale passato si voglia essere interpreti, perché la sua risposta comporta delle scelte di responsabilità e libertà creativa coerente con la tradizione. Ma la riuscita delle sintesi tentate dipende interamente da noi, non da chi ci ha preceduto».

Valentina Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende