Home » Eventi » Il successo dell’approccio sistemico al Salone del Gusto. Intervista a Luigi Bistagnino:

Il successo dell’approccio sistemico al Salone del Gusto. Intervista a Luigi Bistagnino

ottobre 31, 2012 Eventi

Si è chiuso lunedì sera, con un nuovo record di pubblico, il Salone Internazionale del Gusto e Terra Madre di Slow Food, l’associazione che organizza l’evento con la Citta’ di Torino e la Regione Piemonte: 220 mila persone in cinque giorni, +10% rispetto ai numeri della scorsa edizione del 2010, di cui il 30% stranieri.

Dal 2006 la manifestazione è oggetto del progetto “Eventi a ridotto impatto ambientale”, per minimizzarne l’impatto ambientale tramite i dettami del Design Sistemico. Abbiamo incontrato – in piena fase di consuntivo post-evento – il direttore scientifico del progetto Luigi Bistagnino, preside del Corso di Studi di Design del Politecnico di Torino.

D) Professor Bistagnino, innanzitutto che cos’è il “Design Sistemico”?

R) Il Design Sistemico si basa sulle relazioni e su una visione ampia di processo. In estrema sintesi è la capacità di progettare un prodotto pensando a tutto il suo ciclo, concependolo come parte di un sistema che interagisce con esso. I sistemi utilizzano quello che serve loro e quello che non utilizzano non viene più visto come uno scarto, ma diventa risorsa per un’altro. Quello che io chiamo output di un sistema, diventa input per un’altro, sia in entrata che in uscita. Quando parliamo ad esempio di materia vergine che cosa intendiamo? La materia vergine è l’output del sistema territoriale che diventa risorsa per chi la utilizza.

D) Possiamo dire che il design sistemico si basa sull’opera di pensatori come Fritjof Capra, Gunter Pauli, Humberto Maturana (quando si parla di sistemi autopoietici o, per usare un termine mutuato dalla teoria della complessità, sistemi adattativi), attualizzandola e donando una prospettiva nuova legata al design?

R) Certamente. Il progettista, colui che si occupa di design, è una persona che ha uno sguardo molto ampio sui problemi e utilizzando diversi materiali li sintetizza in qualcos’altro. Facendo ricerche sul fine vita di prodotto mi sono reso conto che prima di tutto questo portava dei risultati nell’abbassamento di materia utilizzata. Se io ho delle risorse devo cercare di utilizzare quelle che servono per la mia vita, facendo si che quello che non uso non venga sprecato, ma venga utilizzato per qualcos’altro. E’ dall’inizio del novecento che si parla di questa cose: Maturana, Varela, Bertalanffy, la cibernetica stessa ha affrontato queste tematiche, le grandi scuole tipo il Bauhaus hanno cercato di intrecciare fonti, materia e saperi diversi, la progettazione che prende da altri campi, dall’ergonomia ma anche dall’arte. Da progettista ho analizzato queste cose e ho cercato di far si che diventassero un elemento del progettare, guardando con occhi diversi le cose che sto manipolando. Non è più il prodotto la parte essenziale, ma è come tratto la materia e come gestisco la progettazione. Ma se cambio questo, cambio inevitabilmente il prodotto. Il design si è sempre occupato dell’ultima parte, il prodotto, mentre invece se devo cambiare il mondo devo cambiare anche il processo produttivo, non solo il prodotto, altrimenti è un mero maquillage.

D) Da 6 anni lei si occupa del progetto “Eventi a ridotto impatto ambientale” per il Salone del Gusto. Quali sono stati i risultati raggiunti e quali quelli attesi per l’edizione appena conclusa?

R) Siamo partiti nel 2006 che avevamo circa 190 tonnellate di rifiuti, con una raccolta differenziata bassissima il 16% circa e l’84% di rifiuto indifferenziato, il che vuol che va tutto in discarica producendo CO2. Abbiamo puntato decisamente sul fare raccolta differenziata, arrivando nell’edizione del 2008 al 58%, con il 42% di indifferenziato, e cominciando a far entrare nelle teste della gente, delle imprese e degli operatori il concetto sistemico che l’output di un processo può essere input per un’altro, attivando nuovi processi produttivi. Questo ha portato un abbassamento delle emissioni di CO2 di quasi 450/500 tonnellate. Nell’edizione del 2010, a percentuale pressoché invariata di raccolta differenziata, abbiamo poi abbassato le emissioni di circa 700 tonnellate rispetto al 2006. L’aumentare delle performance ambientali è inversamente proporzionale al miglioramento del prodotto “Salone del Gusto” perché, pur abbassando la quantità di indifferenziato e le emissioni di CO2, le performance sono aumentate. Nel 2010 la superficie fieristica era di 10.000 mq in più, gli espositori sono quasi raddoppiati e i visitatori sono passati da 172.400 a 200.000. Quindi al miglioramento delle performance ambientali, corrisponde anche un migliore “prodotto”. Nel 2012 queste performance sono ancora migliorate nelle nostre stime, all’aumentare dei visitatori e degli espositori. L’obbiettivo per il futuro è quello di andare oltre il 58% di raccolta differenziata e quindi avvinarci al 75% con un’ulteriore riduzione delle emissioni. L’approccio sistemico ha attivato di fatto nuovi processi e conseguenti nuove relazioni. E’ interessante notare per chi volesse seguire questo approccio, che dal 2008 hanno fatto al loro comparsa anche i partner ambientali, cioè aziende che supportano finanziariamente lo sforzo per l’ambiente della manifestazione, legando il proprio nome al progetto. In conclusione l’approccio sistemico non è costato di più, diciamo che il costo è un costo mentale e culturale nel cambiare l’approccio alla progettazione.

D) Quando saranno rilasciati ufficialmente i dati del 2012?

R) Intorno a marzo 2013 verranno rilasciati i dati ufficiali e certificati. Tanto per essere chiari quando abbiamo cominciato nel 2006 non si sapeva nemmeno dove andassero a finire i prodotti della differenziata. Oggi sappiamo anche i chilometri percorsi da ogni singolo output di sistema. Nel 2006 l’acqua era nelle bottigliette, nel 2010 abbiamo iniziato ad usare gli erogatori e quest’anno erogatori con contatori di prodotto erogato così da contabilizzare il tutto. Anche la sensibilità dell’ente pubblico e dei gestori municipalizzati dei servizi è cambiata nel tempo, e questo è un altro risultato notevole.

Alessio Sciurpa

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende