Home » Eventi »Internazionali »Politiche » Il tempio dell’automobilismo si apre alla mobilità sostenibile. Ecorace 2010, da Monza a Ispra:

Il tempio dell’automobilismo si apre alla mobilità sostenibile. Ecorace 2010, da Monza a Ispra

maggio 31, 2010 Eventi, Internazionali, Politiche

Una sala test del JRC,Courtesy of Joint Research Centre UENell’immaginario collettivo Monza è sinonimo di velocità e di auto da corsa. Quelle che dal 1922 si inseguono a (sempre più) folle velocità sulla pista dell’Autodromo Nazionale

A chi lavora all’interno di questo tempio dell’automobilismo una descrizione così riduttiva è però sempre stata stretta e Aria Nuova, la manifestazione chiusasi ieri, è un evento che, dal 2008, prova a spiegare al grande pubblico come la mobilità sostenibile del futuro passi necessariamente attraverso i test e la ricerca tecnologica che si svolgono qui e nel vicino Joint Research Centre dell’Unione Europea, a Ispra, partner dell’edizione 2010 insieme alla Regione Lombardia, al Ministero dell’Ambiente e alla FIA Alternative Energies Cup, la gara che, con la campagna Make Cars Green, rappresenta l’impegno della Federazione Internazionale verso un utilizzo ecologicamente responsabile dell’automobile

Michael Schumacher, testimonial della campagna Make Cars Green

Michael Schumacher, testimonial della campagna Make Cars Green

Un segnale importante per sensibilizzare un pubblico che, rapito dall’emozione della velocità e della competizione, fa talvolta fatica a ricordare l’urgenza, per la salute umana e del pianeta, delle questioni ambientali. Da qui l’idea degli organizzatori di coinvolgere i media partner dell’evento (tra i quali Greenews.info) in Ecorace, la “gara” tenutasi venerdì 28, dove il premio più grande per i giornalisti partecipanti è stata l’illuminante visita al blindatissimo JRC di Ispra.

Il tragitto che separa Monza da Ispra (coperto con auto a GPL, metano e ibride) si può leggere infatti simbolicamente, come metafora del cammino che l’Autodromo, grazie all’impegno del Direttore Tecnico, Giorgio Beghella-Bartoli, e del Monza Research Institute - un’associazione di imprese nazionali ed estere, impegnate nella ricerca sui nuovi carburanti, la riduzione dell’inquinamento e la sicurezza stradale – sta portando avanti nel segno di un costante avanzamento tecnologico.

Ad attendere la stampa, ad Ispra, due ingegneri italiani, Alessandro Marotta e Urbano Manfredi, capo progetto e responsabile tecnico di VELA (Vehicle Emissions Laboratory) all’interno dell’ unità Trasporti e Qualità dell’Aria dell’Institute for Environment and Sustainability (IES), l’istituto che, tra i 7 del Joint Research Centre (il Centro Comune di Ricerca, che spazia dalla sede italiana a quelle di Belgio, Germania, Paesi Bassi e Spagna), si occupa di fornire il supporto scientifico e tecnologico all’elaborazione delle politiche europee in materia ambientale. Come recita il claim: “Robust Science for Policy Making“.

Per intenderci, lo IES è l’istituto dove vengono elaborati e testati gli standard di omolgazione Euro sul consumo delle auto e dei grandi mezzi di trasporto road (camion, bus ecc.) e non-road (macchine agricole, pale meccaniche, escavatori), in un’ottica di contiuna riduzione delle emissioni inquinanti. Mentre però le automobili a carburante tradizionale, prossime all’Euro 6, sono vicine al massimo risultato tecnologicamente raggiungibile al momento, la normativa, ci fa notare Marotta, è rimasta indietro nel regolamentare i mezzi pesanti non-road. “E’ un limite al quale va posto rimedio e al quale stiamo lavorando”, continua Manfredi. “Basti pensare che, durante i lavori di costruzione dell’alta velocità Torino-Milano, la concentrazione di macchine movimento terra era tale da far registrare, in quel tratto, aumenti di inquinamento significativi“. Un iter già visto, a suo tempo, per motorini e scooter, normati nelle emissioni solo in un secondo momento, quando ci si accorse che un vecchio motorino poteva anche impattare sull’ambiente dieci volte di più che un’auto Euro 3.   

Ma tornando all’automobile, qual è il futuro che dobbiamo attenderci per la mobilità sostenibile? “Il futuro, sul quale stanno investendo le case produttrici”, spiega Manfredi, “è nelle ibride plug-in e nell’elettrico. L’idrogeno, ad oggi, ha dei costi di sviluppo insostenibili. Una Panda con motore a celle verrebbe a costare 500 mila euro!”. Il mix elettrico-ibrido pare dunque essere la strada più immediatamente percorribile. Se si pensa infatti che l’80% della mobilità quotidiana avviene entro i 60 km., la scarsa autonomia delle auto elettriche non sembra costituire un grande limite per muoversi in città, mentre i motori ibridi potrebbero consentire l’estensione a percorsi più lunghi, in attesa che venga sviluppata un’adeguata infrastruttura di ricarica.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende