Home » Eventi »Internazionali »Politiche » Il tempio dell’automobilismo si apre alla mobilità sostenibile. Ecorace 2010, da Monza a Ispra:

Il tempio dell’automobilismo si apre alla mobilità sostenibile. Ecorace 2010, da Monza a Ispra

maggio 31, 2010 Eventi, Internazionali, Politiche

Una sala test del JRC,Courtesy of Joint Research Centre UENell’immaginario collettivo Monza è sinonimo di velocità e di auto da corsa. Quelle che dal 1922 si inseguono a (sempre più) folle velocità sulla pista dell’Autodromo Nazionale

A chi lavora all’interno di questo tempio dell’automobilismo una descrizione così riduttiva è però sempre stata stretta e Aria Nuova, la manifestazione chiusasi ieri, è un evento che, dal 2008, prova a spiegare al grande pubblico come la mobilità sostenibile del futuro passi necessariamente attraverso i test e la ricerca tecnologica che si svolgono qui e nel vicino Joint Research Centre dell’Unione Europea, a Ispra, partner dell’edizione 2010 insieme alla Regione Lombardia, al Ministero dell’Ambiente e alla FIA Alternative Energies Cup, la gara che, con la campagna Make Cars Green, rappresenta l’impegno della Federazione Internazionale verso un utilizzo ecologicamente responsabile dell’automobile

Michael Schumacher, testimonial della campagna Make Cars Green

Michael Schumacher, testimonial della campagna Make Cars Green

Un segnale importante per sensibilizzare un pubblico che, rapito dall’emozione della velocità e della competizione, fa talvolta fatica a ricordare l’urgenza, per la salute umana e del pianeta, delle questioni ambientali. Da qui l’idea degli organizzatori di coinvolgere i media partner dell’evento (tra i quali Greenews.info) in Ecorace, la “gara” tenutasi venerdì 28, dove il premio più grande per i giornalisti partecipanti è stata l’illuminante visita al blindatissimo JRC di Ispra.

Il tragitto che separa Monza da Ispra (coperto con auto a GPL, metano e ibride) si può leggere infatti simbolicamente, come metafora del cammino che l’Autodromo, grazie all’impegno del Direttore Tecnico, Giorgio Beghella-Bartoli, e del Monza Research Institute - un’associazione di imprese nazionali ed estere, impegnate nella ricerca sui nuovi carburanti, la riduzione dell’inquinamento e la sicurezza stradale – sta portando avanti nel segno di un costante avanzamento tecnologico.

Ad attendere la stampa, ad Ispra, due ingegneri italiani, Alessandro Marotta e Urbano Manfredi, capo progetto e responsabile tecnico di VELA (Vehicle Emissions Laboratory) all’interno dell’ unità Trasporti e Qualità dell’Aria dell’Institute for Environment and Sustainability (IES), l’istituto che, tra i 7 del Joint Research Centre (il Centro Comune di Ricerca, che spazia dalla sede italiana a quelle di Belgio, Germania, Paesi Bassi e Spagna), si occupa di fornire il supporto scientifico e tecnologico all’elaborazione delle politiche europee in materia ambientale. Come recita il claim: “Robust Science for Policy Making“.

Per intenderci, lo IES è l’istituto dove vengono elaborati e testati gli standard di omolgazione Euro sul consumo delle auto e dei grandi mezzi di trasporto road (camion, bus ecc.) e non-road (macchine agricole, pale meccaniche, escavatori), in un’ottica di contiuna riduzione delle emissioni inquinanti. Mentre però le automobili a carburante tradizionale, prossime all’Euro 6, sono vicine al massimo risultato tecnologicamente raggiungibile al momento, la normativa, ci fa notare Marotta, è rimasta indietro nel regolamentare i mezzi pesanti non-road. “E’ un limite al quale va posto rimedio e al quale stiamo lavorando”, continua Manfredi. “Basti pensare che, durante i lavori di costruzione dell’alta velocità Torino-Milano, la concentrazione di macchine movimento terra era tale da far registrare, in quel tratto, aumenti di inquinamento significativi“. Un iter già visto, a suo tempo, per motorini e scooter, normati nelle emissioni solo in un secondo momento, quando ci si accorse che un vecchio motorino poteva anche impattare sull’ambiente dieci volte di più che un’auto Euro 3.   

Ma tornando all’automobile, qual è il futuro che dobbiamo attenderci per la mobilità sostenibile? “Il futuro, sul quale stanno investendo le case produttrici”, spiega Manfredi, “è nelle ibride plug-in e nell’elettrico. L’idrogeno, ad oggi, ha dei costi di sviluppo insostenibili. Una Panda con motore a celle verrebbe a costare 500 mila euro!”. Il mix elettrico-ibrido pare dunque essere la strada più immediatamente percorribile. Se si pensa infatti che l’80% della mobilità quotidiana avviene entro i 60 km., la scarsa autonomia delle auto elettriche non sembra costituire un grande limite per muoversi in città, mentre i motori ibridi potrebbero consentire l’estensione a percorsi più lunghi, in attesa che venga sviluppata un’adeguata infrastruttura di ricarica.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende