Home » Eventi »Internazionali »Politiche » Il tempio dell’automobilismo si apre alla mobilità sostenibile. Ecorace 2010, da Monza a Ispra:

Il tempio dell’automobilismo si apre alla mobilità sostenibile. Ecorace 2010, da Monza a Ispra

maggio 31, 2010 Eventi, Internazionali, Politiche

Una sala test del JRC,Courtesy of Joint Research Centre UENell’immaginario collettivo Monza è sinonimo di velocità e di auto da corsa. Quelle che dal 1922 si inseguono a (sempre più) folle velocità sulla pista dell’Autodromo Nazionale

A chi lavora all’interno di questo tempio dell’automobilismo una descrizione così riduttiva è però sempre stata stretta e Aria Nuova, la manifestazione chiusasi ieri, è un evento che, dal 2008, prova a spiegare al grande pubblico come la mobilità sostenibile del futuro passi necessariamente attraverso i test e la ricerca tecnologica che si svolgono qui e nel vicino Joint Research Centre dell’Unione Europea, a Ispra, partner dell’edizione 2010 insieme alla Regione Lombardia, al Ministero dell’Ambiente e alla FIA Alternative Energies Cup, la gara che, con la campagna Make Cars Green, rappresenta l’impegno della Federazione Internazionale verso un utilizzo ecologicamente responsabile dell’automobile

Michael Schumacher, testimonial della campagna Make Cars Green

Michael Schumacher, testimonial della campagna Make Cars Green

Un segnale importante per sensibilizzare un pubblico che, rapito dall’emozione della velocità e della competizione, fa talvolta fatica a ricordare l’urgenza, per la salute umana e del pianeta, delle questioni ambientali. Da qui l’idea degli organizzatori di coinvolgere i media partner dell’evento (tra i quali Greenews.info) in Ecorace, la “gara” tenutasi venerdì 28, dove il premio più grande per i giornalisti partecipanti è stata l’illuminante visita al blindatissimo JRC di Ispra.

Il tragitto che separa Monza da Ispra (coperto con auto a GPL, metano e ibride) si può leggere infatti simbolicamente, come metafora del cammino che l’Autodromo, grazie all’impegno del Direttore Tecnico, Giorgio Beghella-Bartoli, e del Monza Research Institute - un’associazione di imprese nazionali ed estere, impegnate nella ricerca sui nuovi carburanti, la riduzione dell’inquinamento e la sicurezza stradale – sta portando avanti nel segno di un costante avanzamento tecnologico.

Ad attendere la stampa, ad Ispra, due ingegneri italiani, Alessandro Marotta e Urbano Manfredi, capo progetto e responsabile tecnico di VELA (Vehicle Emissions Laboratory) all’interno dell’ unità Trasporti e Qualità dell’Aria dell’Institute for Environment and Sustainability (IES), l’istituto che, tra i 7 del Joint Research Centre (il Centro Comune di Ricerca, che spazia dalla sede italiana a quelle di Belgio, Germania, Paesi Bassi e Spagna), si occupa di fornire il supporto scientifico e tecnologico all’elaborazione delle politiche europee in materia ambientale. Come recita il claim: “Robust Science for Policy Making“.

Per intenderci, lo IES è l’istituto dove vengono elaborati e testati gli standard di omolgazione Euro sul consumo delle auto e dei grandi mezzi di trasporto road (camion, bus ecc.) e non-road (macchine agricole, pale meccaniche, escavatori), in un’ottica di contiuna riduzione delle emissioni inquinanti. Mentre però le automobili a carburante tradizionale, prossime all’Euro 6, sono vicine al massimo risultato tecnologicamente raggiungibile al momento, la normativa, ci fa notare Marotta, è rimasta indietro nel regolamentare i mezzi pesanti non-road. “E’ un limite al quale va posto rimedio e al quale stiamo lavorando”, continua Manfredi. “Basti pensare che, durante i lavori di costruzione dell’alta velocità Torino-Milano, la concentrazione di macchine movimento terra era tale da far registrare, in quel tratto, aumenti di inquinamento significativi“. Un iter già visto, a suo tempo, per motorini e scooter, normati nelle emissioni solo in un secondo momento, quando ci si accorse che un vecchio motorino poteva anche impattare sull’ambiente dieci volte di più che un’auto Euro 3.   

Ma tornando all’automobile, qual è il futuro che dobbiamo attenderci per la mobilità sostenibile? “Il futuro, sul quale stanno investendo le case produttrici”, spiega Manfredi, “è nelle ibride plug-in e nell’elettrico. L’idrogeno, ad oggi, ha dei costi di sviluppo insostenibili. Una Panda con motore a celle verrebbe a costare 500 mila euro!”. Il mix elettrico-ibrido pare dunque essere la strada più immediatamente percorribile. Se si pensa infatti che l’80% della mobilità quotidiana avviene entro i 60 km., la scarsa autonomia delle auto elettriche non sembra costituire un grande limite per muoversi in città, mentre i motori ibridi potrebbero consentire l’estensione a percorsi più lunghi, in attesa che venga sviluppata un’adeguata infrastruttura di ricarica.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

maggio 4, 2018

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

A giugno verrà approvato in via definitiva il pacchetto europeo sull’economia circolare e già oggi nasce il Circular Economy Network, l’osservatorio della circolarità in Italia creato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e da un gruppo di 13 aziende e associazioni di impresa che vanno dai consorzi di riciclo alle industrie di bioplastiche, dalle acque [...]

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

maggio 4, 2018

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

Domenica 6 maggio 2018, al Parco del Valentino di Torino torna protagonista la bicicletta con due importanti eventi dedicati al mondo del ciclismo urbano: la IX edizione del “Bike Pride”, la tradizionale parata annuale di biciclette organizzata dall’Associazione Bike Pride Fiab Torino, e la V edizione del Brompton World Championship, un evento dedicato agli appassionati [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende