Home » Eventi »Idee » Informazione ambientale: le riflessioni del Forum di Cuneo:

Informazione ambientale: le riflessioni del Forum di Cuneo

ottobre 25, 2011 Eventi, Idee

Il presidente di Greenaccord Onlus, Alfonso Cauteruccio, aveva inaugurato il IX Forum Internazionale dell’Informazione per la Salvaguardia della Natura con un messaggio molto forte: “L’attuale forma di democrazia rappresentativa, che prevede di delegare agli eletti la gestione della cosa pubblica, si è dimostrata non sempre in grado di dare le giuste risposte ai problemi ambientali che affliggono l’umanità. Ecco perché bisogna ripensare il modello di democrazia, partendo dall’idea forte che la democrazia è partecipazione”.

Al Forum di Cuneo si sono alternati, nei quattro giorni, quindici relatori – tra economisti, politici filosofi, sociologi, scrittori italiani e stranieri – e oltre cento giornalisti, che hanno discusso sui modi per coinvolgere i cittadini nella gestione dei beni comuni e per introdurre forme di partecipazione sostanziale che superino i difetti dell’attuale modello di democrazia rappresentativa. Con relazioni teoriche e con casi pratici di soluzioni virtuose già sperimentate in giro per il mondo.

Oltre a seguire gli incontri con gli esperti, i giornalisti partecipano a workshop in cui si confrontano tra di loro, per aggiornarsi, comprendere come migliorare il proprio lavoro e capire quali sfide nasconde il futuro dell’informazione, globale, soprattutto riguardo al rapporto tra democrazia e tutela ambientale. Tre gli interessanti workshop realizzati: “Crisi della democrazia e il diritto dei popoli alla gestione comune: il ruolo del giornalista”; “L’interpretazione dei fatti e degli eventi a breve e lungo termine nel conflitto quotidiano tra economia ed ecologia”; “Identificazione e comunicazione dei diversi aspetti dei confitti legati a risorse naturali”. Quest’ultimo ha prodotto delle conclusioni e  un testo finale, redatto congiuntamente dai partecipanti, da cui emergono alcuni spunti interessanti, riassunti da Luisella Meozzi, freelance e Presidente di Greenaccord Emilia Romagna.

Innanzitutto: come si identificano le guerre per le risorse naturali? Quanti e quali aspetti possono essere scoperti da un serio giornalismo d’inchiesta? E in quale modo possono essere comunicati? Ne emerge che oggi è indubbiamente più facile, rispetto al passato, identificare i conflitti che nascondono una lotta per l’accaparamento delle risorse naturali . Anche i singoli individui, del resto, riescono ormai a decodificare le ragioni alla base di guerra: pochi credono infatti che i conflitti in Palestina o in Darfur siano per motivi “religiosi”.

Il problema, per i giornalisti inviati a raccontare contesti più ampi e complessi, è dato dalla conoscenza del territorio e dalle reti di interessi che lo circondano. Paesi come Brasile, Cina e India hanno una pluralità di regioni e contesti regolati da assetti naturali, socio-economici e politici per cui, per un corrispondente, risulta estremamente complicato districare le maglie degli interessi, ricostruire e successivamente riportare le dinamiche alla base di scontri sociali riguardo alla gestione delle risorse naturali. Solo giornalisti sempre più specializzati saranno in grado di analizzare fedelmente questa complessità.

Ma esistono dei “campanelli d’allarme” per individuare facilmente un conflitto sulle risorse naturali? Migrazioni, spostamenti forzosi, cambiamenti nell’uso della terra, cibo considerato come merce e non come diritto umano, uso non sostenibile delle risorse naturali. O ancora, violazione di diritti umani e conflitti di interessi. Questi fenomeni accompagnano solitamente (e talvolta precedono) le tensioni per il controllo delle risorse.

L’uso dei new media può essere più efficace dei media tradizionali nel comunicare queste emergenze al pubblico (eppure solo 7 dei 15 giornalisti partecipanti al workshop usano new media). La difficoltà di esercitare un controllo sui new media significa niente censura, ma nello stesso tempo il rischio di una lavoro “giornalistico” non fatto da professionisti: la diffusa mancanza di deontologia e professionalità dei dilettanti minaccia, del resto, l’immagine di tutto il giornalismo realizzato sul web. Su internet – e in particolar modo sui social network – gli autori possono rimanere anonimi. Questo può essere un vantaggio nei paesi governati da regimi in cui non esiste la libertà di stampa. Ma è vero anche il contrario, ovvero che potrebbero essere introdotte “nel sistema dell’informazione” false notizie. La questione della fonte rimane perciò aperta e  problematica.

Ci sono poi gli aspetti linguistici della comunicazione giornalistica da tenere in considerazione. Nel caso di argomenti molto intricati, la semplicità del linguaggio va necessariamente ricercata, e anche la modalità attraverso cui “passare” la notizia. Il punto non è solo: twitter o il blog? ma valutare, a seconda della situazione, il medium più efficace. Non esiste, come noto, un mezzo perfetto: in Giappone i newspapers la fanno ancora da padroni, in Cina (a causa della censura) twitter per i suoi messaggi istantanei veloci e democratici, mentre blog e web magazine sono uno strumento di grande successo in tutto il mondo.

In defintiva, ai “nuovi” giornalisti serve un aggiornamento continuo e una crescente specializzazione. Ma rimane fondamentale anche un buon network, dove i giornalisti della carta stampata comunichino con quelli del web e della TV. Serve oggi più che mai che l’informazione sia realmente globale e questo può accadere solo attraverso lo scambio di informazioni e la collaborazione tra giornalisti.

Clara Iannarelli

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende