Home » Eventi »Idee » Informazione ambientale: le riflessioni del Forum di Cuneo:

Informazione ambientale: le riflessioni del Forum di Cuneo

ottobre 25, 2011 Eventi, Idee

Il presidente di Greenaccord Onlus, Alfonso Cauteruccio, aveva inaugurato il IX Forum Internazionale dell’Informazione per la Salvaguardia della Natura con un messaggio molto forte: “L’attuale forma di democrazia rappresentativa, che prevede di delegare agli eletti la gestione della cosa pubblica, si è dimostrata non sempre in grado di dare le giuste risposte ai problemi ambientali che affliggono l’umanità. Ecco perché bisogna ripensare il modello di democrazia, partendo dall’idea forte che la democrazia è partecipazione”.

Al Forum di Cuneo si sono alternati, nei quattro giorni, quindici relatori – tra economisti, politici filosofi, sociologi, scrittori italiani e stranieri – e oltre cento giornalisti, che hanno discusso sui modi per coinvolgere i cittadini nella gestione dei beni comuni e per introdurre forme di partecipazione sostanziale che superino i difetti dell’attuale modello di democrazia rappresentativa. Con relazioni teoriche e con casi pratici di soluzioni virtuose già sperimentate in giro per il mondo.

Oltre a seguire gli incontri con gli esperti, i giornalisti partecipano a workshop in cui si confrontano tra di loro, per aggiornarsi, comprendere come migliorare il proprio lavoro e capire quali sfide nasconde il futuro dell’informazione, globale, soprattutto riguardo al rapporto tra democrazia e tutela ambientale. Tre gli interessanti workshop realizzati: “Crisi della democrazia e il diritto dei popoli alla gestione comune: il ruolo del giornalista”; “L’interpretazione dei fatti e degli eventi a breve e lungo termine nel conflitto quotidiano tra economia ed ecologia”; “Identificazione e comunicazione dei diversi aspetti dei confitti legati a risorse naturali”. Quest’ultimo ha prodotto delle conclusioni e  un testo finale, redatto congiuntamente dai partecipanti, da cui emergono alcuni spunti interessanti, riassunti da Luisella Meozzi, freelance e Presidente di Greenaccord Emilia Romagna.

Innanzitutto: come si identificano le guerre per le risorse naturali? Quanti e quali aspetti possono essere scoperti da un serio giornalismo d’inchiesta? E in quale modo possono essere comunicati? Ne emerge che oggi è indubbiamente più facile, rispetto al passato, identificare i conflitti che nascondono una lotta per l’accaparamento delle risorse naturali . Anche i singoli individui, del resto, riescono ormai a decodificare le ragioni alla base di guerra: pochi credono infatti che i conflitti in Palestina o in Darfur siano per motivi “religiosi”.

Il problema, per i giornalisti inviati a raccontare contesti più ampi e complessi, è dato dalla conoscenza del territorio e dalle reti di interessi che lo circondano. Paesi come Brasile, Cina e India hanno una pluralità di regioni e contesti regolati da assetti naturali, socio-economici e politici per cui, per un corrispondente, risulta estremamente complicato districare le maglie degli interessi, ricostruire e successivamente riportare le dinamiche alla base di scontri sociali riguardo alla gestione delle risorse naturali. Solo giornalisti sempre più specializzati saranno in grado di analizzare fedelmente questa complessità.

Ma esistono dei “campanelli d’allarme” per individuare facilmente un conflitto sulle risorse naturali? Migrazioni, spostamenti forzosi, cambiamenti nell’uso della terra, cibo considerato come merce e non come diritto umano, uso non sostenibile delle risorse naturali. O ancora, violazione di diritti umani e conflitti di interessi. Questi fenomeni accompagnano solitamente (e talvolta precedono) le tensioni per il controllo delle risorse.

L’uso dei new media può essere più efficace dei media tradizionali nel comunicare queste emergenze al pubblico (eppure solo 7 dei 15 giornalisti partecipanti al workshop usano new media). La difficoltà di esercitare un controllo sui new media significa niente censura, ma nello stesso tempo il rischio di una lavoro “giornalistico” non fatto da professionisti: la diffusa mancanza di deontologia e professionalità dei dilettanti minaccia, del resto, l’immagine di tutto il giornalismo realizzato sul web. Su internet – e in particolar modo sui social network – gli autori possono rimanere anonimi. Questo può essere un vantaggio nei paesi governati da regimi in cui non esiste la libertà di stampa. Ma è vero anche il contrario, ovvero che potrebbero essere introdotte “nel sistema dell’informazione” false notizie. La questione della fonte rimane perciò aperta e  problematica.

Ci sono poi gli aspetti linguistici della comunicazione giornalistica da tenere in considerazione. Nel caso di argomenti molto intricati, la semplicità del linguaggio va necessariamente ricercata, e anche la modalità attraverso cui “passare” la notizia. Il punto non è solo: twitter o il blog? ma valutare, a seconda della situazione, il medium più efficace. Non esiste, come noto, un mezzo perfetto: in Giappone i newspapers la fanno ancora da padroni, in Cina (a causa della censura) twitter per i suoi messaggi istantanei veloci e democratici, mentre blog e web magazine sono uno strumento di grande successo in tutto il mondo.

In defintiva, ai “nuovi” giornalisti serve un aggiornamento continuo e una crescente specializzazione. Ma rimane fondamentale anche un buon network, dove i giornalisti della carta stampata comunichino con quelli del web e della TV. Serve oggi più che mai che l’informazione sia realmente globale e questo può accadere solo attraverso lo scambio di informazioni e la collaborazione tra giornalisti.

Clara Iannarelli

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende