Home » Eventi »Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Italia, sei una frana:

Italia, sei una frana

Sono oltre sei miliardi di euro i danni provocati, ogni anno, dalle frane nei Paesi più industrializzati del mondo. E’ questo il bilancio emerso in apertura del ”2° Forum mondiale sulle frane” in corso a Roma alla Fao e organizzato dall’ International Programme on Landslides, che vede l’Ispra (l’Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale) coinvolto in prima linea.

A pagare di più, in termini economici, è il Giappone con 1,5 mld di euro, seguito, su questo triste podio, dagli Stati Uniti (1,2 mld) e dall’India (1,3 mld). Ma anche l’Italia frana e parecchio ultimamente. Perché “il 25 per cento delle campagne, negli ultimi 40 anni, sono state abbandonate o coperte dal cemento“. Questo il commento della Coldiretti al progetto sull’inventario dei fenomeni franosi in Italia realizzato dall’Ispra, dal quale è emerso che nel nostro Paese il numero delle frane supera le 486 mila e interessa quasi il 7% del territorio, per una superficie pari a 20 mila 700 chilometri quadrati. “Un territorio grande come due volte la regione Lombardia per un totale di cinque milioni di ettari equivalenti - prosegue Coldiretti – è stato sottratto all’agricoltura. Il rapido processo di urbanizzazione e cementificazione selvaggia e il progressivo abbandono del territorio non è stato accompagnato da un adeguamento della rete di scolo delle acque, ma ora è necessario intervenire per invertire una tendenza che mette a rischio la sicurezza idrogeologica di tutto il Paese, come dimostrano i fatti recenti”.

I cambiamenti climatici, che si manifestano con un aumento della frequenza di eventi estremi, la maggiore intensità delle precipitazioni e la relativa impossibilità di assorbire l’enorme quantità di acqua che cade in pochi minuti, rappresentano, secondo l’organizzazione agricola, “un mix micidiale che impone una più attenta politica della prevenzione“. In sostanza, conclude la Coldiretti, “se si continua a ‘consumare’ campagna, sostituendola con zone cementificate e, contestualmente non si creano le condizioni perché l’acqua possa defluire, il risultato non può che essere l’aumento dei rischi per frane ed alluvioni“.

Tra le cause principali che innescano le frane ci sono, infatti, oltre alle precipitazioni intense e ai terremoti, i disboscamenti e l’abusivismo edilizio. Secondo la mappatura delle frane messa a punto dall’Ispra i comuni coinvolti sono il 70% (5.708), di questi 2.940 sono catalogati con un livello di attenzione molto elevato, dal momento che le frane, spiega Alessandro Trigila, “interessano principalmente le aree urbanizzate”. Lungo la Penisola vengono inoltre segnalati 1.806 punti critici nel tracciato ferroviario e 706 in quello autostradale: Calabria, Liguria e Abruzzo le regioni più esposte, mentre, tra le strade nazionali, viene citata, in primis, la Costiera Amalfitana. La mappa delle aree “rosse” – osservano gli esperti – serve soprattutto come strumento per la pianificazione (anche per l’integrazione all’interno dei Piani Regolatori), per conoscere e informare, e per supportare la gestione delle emergenze effettuata dalla Protezione Civile. In Italia, riflette il presidente dell’Ispra Bernardo De Bernardinis, c’é infatti ”la necessità di continuare a conservare la cultura geologica nazionale, che in questo momento è in seria difficoltà, sia sotto l’aspetto dei finanziamenti che per i riconoscimenti istituzionali“.

Il problema più importante, secondo il presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Gian Vito Graziano, è che a fronte di “un consumo di suolo spaventoso, pari a circa 500 chilometri quadrati all’anno, non corrisponde un’azione di prevenzione“. In base alle informazioni fornite sulle Aree vulnerate italiane – un archivio realizzato dal CNR sul XX secolo – le vittime per frane sono state oltre 7.000 e 162.000 gli sfollati. Soltanto nel 2010 si sono verificati 88 eventi franosi in Italia, con 17 vittime, 44 feriti e 4431 evacuati.

Eppure, come ha ricordato il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, l’intervento contro il dissesto idrogeologico, può anche costituire un’opportunità di crescita e di business per il paese, oltre che un dovere per tutelare la sicurezza dei cittadini.  ”C’é una stretta connessione - ha spiegato Letta al Forum - tra la riduzione delle calamità naturali, lo sviluppo delle nuove tecnologie e l’innovazione in campo industriale“. La tutela del suolo, ha concluso il sottosegretario, é dunque “una delle sfide per la sostenibilità“.

Redazione Greenews.info

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende