Home » Eventi »Recensioni » “La cinquième saison” conquista il 1° Green Drop Award a Venezia:

“La cinquième saison” conquista il 1° Green Drop Award a Venezia

settembre 10, 2012 Eventi, Recensioni

Presentato a Venezia nei giorni scorsi, di prossima uscita sui grandi schermi, La cinquième saison ha vinto venerdì il 1° Green Drop Award, istituito da Green Cross Italia e presieduto dal maestro Ermanno Olmi. E’ l’ultimo atto della trilogia della coppia di registi Peter Brosens (belga) e Jessica Woodworth (statunitense), che ha come comune denominatore il rapporto uomo-natura: Khadak (2006) era ambientato in mezzo alle steppe della Mongolia con un gregge misteriosamente decimato dalla peste. Altiplano (2009) raccontava la storia di un altopiano delle Ande peruviane avvelenato dal mercurio. L’ultimo episodio della trilogia vede invece  protagonista un piccolo paese delle Fiandre, dove gli stessi registi abitano da anni. “Era un passo logico concludere il percorso in un luogo a noi conosciuto – ha spiegato Peter Brosens durante la conferenza stampa del film – ma soprattutto ci serviva una location occidentale rispetto alle due precedenti, dove la connessione uomo-natura è differente. Nelle Ande, in Mongolia e in altre parti del mondo la gente si sente parte di un universo più ampio e dipende dalla Natura: noi l’abbiamo mistificata, trasformata in qualcosa di utilitaristico, l’abbiamo uccisa, in nome di una convinzione, quella di essere al centro dell’universo, di essere i gestori del mondo“. Riflessione che porta il regista a concludere: “La crisi di questi anni è causata dall’arroganza dell’umanità”, la hybris già nota agli antichi greci.

Il messaggio del film, quanto mai attuale e sempre più esplorato nel mondo del cinema, è comunque sviluppato dalla coppia Brosens-Woodworth senza moralismi. Si affida piuttosto alla potenza evocativa di una storia fortemente allegorica. Una piccola comunità rurale, che vive del proprio lavoro e dei frutti della terra, assiste al fenomeno inspiegabile del blocco delle stagioni. L’inverno non finisce, la terra non dà più  frutti, le api scompaiono. La scena iniziale in cui si vede un uomo supplicare un gallo perché canti ottenendo come risposta una reazione del tutto inaspettata mette subito in chiaro lo stile narrativo del film.

Caratterizzato da una fotografia meticolosa – impossibile non pensare ai riferimenti della pittura fiamminga – scandito da un tempo lento e maestoso, sovrastato da un’atmosfera cupa in continua ascesa verso il climax finale, il film chiude l’indagine del rapporto uomo-natura iniziato con Khadak analizzando una comunità intera. Un soggetto collettivo che assisterà alla trasformazione dell’ambiente in cui vive, così come all’involuzione della propria essenza umana. Un percorso che, attraverso il linguaggio filmico, è raccontato anche con la graduale perdita dei colori nelle immagini e che si conclude quando tutti gli abitanti indosseranno la maschera inquietante e distorta di un uccello. “Prefantascienza di ispirazione dantesca?” Jessica Woodworth chiarisce: “Non abbiamo mai considerato il film come un prodotto sci-fi, abbiamo anzi cercato di evitare gli schemi di un genere specifico: con Dante però il collegamento è quasi naturale, è una figura senza tempo, nato secoli fa ma ancora capace di andare più avanti di noi”.

La quinta stagione cui allude il titolo è quella di un tempo non tempo dove il rapporto con l’ambiente diventa altro rispetto a quello conosciuto dall’uomo finora. Una dimensione in cui si perde il concetto di natura cui siamo abituati noi occidentali per lasciare spazio a un futuro dove noi saremo destinati a fare un passo indietro, incapaci di seguire la via verso quella nuova evoluzione che la natura sarà in grado di trovare per continuare a sopravvivere.

Daniela Falchero

Pubblichiamo qui di seguito la motivazione ufficiale della giuria del Green Drop Award:

“Niente fiori, niente api. Niente api, niente ciliegie. Niente ciliegie, niente bambini.

Questo è stato il nostro principio ispiratore, dettato da un bambino dell’Africa che lo ha scritto sul suo quaderno.

Nel corso della 69° Mostra internazionale di arte cinematografica di Venezia è nato il Green Drop Award per volontà dell’associazione Green Cross e della Città di Venezia e per opera della giuria composta da Ugo Gregoretti, Franco Iseppi, Anita Kravos, Caterina Dezuanni e presieduta da Ermanno Olmi.

Nel corso dei giorni ci siamo accorti che questa nostra idea è andata ben oltre le nostre intenzioni e le nostre aspettative. Nel concepire una goccia che rappresentasse il valore di una singola voce o di una singola opera, ci siamo trovati a superare i linguaggi specifici e cercare questa voce ovunque. E dare a questa voce consistenza tale perché sia ascoltata dal maggior numero di donne e uomini possibili.

Questa voce, che noi disegnamo in forma di goccia, esprime la necessità di rendere partecipi le donne e gli uomini del valore, morale e materiale, della natura e dell’ambiente in cui essi vivono e grazie al quale traggono sostentamento tutti i giorni.

Questo impone alla Giuria e al Comitato promotore l’alta responsabilità di avviare un percorso che porterà nei prossimi anni il premio Green Drop a rappresentare e promuovere la coralità di queste voci, ben sapendo che il cinema e i suoi artisti possono e forse devono essere testimoni di un necessario cambiamento di prospettiva nel rapporto fra uomo e natura.

E appunto per questo, quest’anno intendiamo assegnare due gocce.

La prima goccia va al bambino che ha ispirato il nostro lavoro, magistralmente immortalato in Terra madre.

La seconda va all’opera cha raccontato un apologo sulla perdita dell’equlibrio fra l’uomo e la natura. Con l’urgenza e la forza della poesia e la delicatezza di un dipinto. Per la quale la primavera non è più silenziosa, ma ha cessato di esistere.

Il Green Drop Award va a La cinquiéme saison di Jessica woodworth e Peter Brosens.”


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende