Home » Eventi » La CO2 come opportunità di business:

La CO2 come opportunità di business

maggio 25, 2010 Eventi

Palazzo delle Stelline, Courtesy of Rappresentanza della Commissione Europea a MilanoCharles, avrai certamente seguito il crollo della quotazione della tonnellata di CO2 sul mercato delle emissioni per le imprese. Le quote attribuite erano troppo ampie e nessuna impresa ha dovuto cercare di procurarsi sul mercato quote ulteriori. Avevano tutti già rispettato i loro impegni. Ma la regola cambierà. Dato che le imprese emettono sempre più CO2 e che i calcoli per la definizione delle quote diventeranno più rigorosi, il mercato alla fine decollerà e avrà tassi di crescita esorbitanti”.

Non è l’analisi di un analista finanziario, ma – spirito dei tempi – un passaggio del romanzo di Alice AudouinEmilie. ecologista in carriera” (appena pubblicato in Italia da Edizioni Ambiente), che riassume piuttosto bene la transizione dalla cosiddetta “fase 2″ alla “fase 3″ dell’ Emission Trading Scheme dell’Unione Europea, che si aprirà nel 2013. E anche le speranze che gli operatori del settore ripongono in un salto da un mercato “lungo”, in cui le assegnazioni superano le effettive emissioni, ad un mercato “corto”, in grado di sostenere il prezzo delle quote di emissione.  

Se n’è discusso ieri a Palazzo Stelline, a Milano, in occasione del convegno “Il nuovo sistema europeo di scambio delle quote di emissione: la fase post 2012“, organizzato dalla Rappresentanza della Commissione Europea e dal Consolato Britannico di Milano, in collaborazione con la British Chamber of Commerce for Italy e l’Ufficio a Milano del Parlamento Europeo.

Il mercato per le imprese, a cui fa riferimento la Emilie del romanzo, è - come ha ricordato nell’introduzione Mauro Cirillo, dell’Istituto Ricerche per l’Economia e le Finanzeun sottosistema del Protocollo di Kyoto, l’accordo internazionale (in scadenza nel 2012) che disciplina invece le emissioni degli Stati.

Per quanto il Parlamento Europeo abbia sempre ricercato il difficile equilibrio tra le esigenze dell’ambiente e della salute pubblica e quelle delle imprese – come precisato da Maria Grazia Cavenaghi-Smith – le imprese italiane, ha continuato Carlo Corazza, direttore della Rappresentanza della Commissione a Milano, hanno tuttavia sempre dimostrato un certo scetticismo – se non ostilità – verso questo sistema, considerandolo un inopportuno costo aggiuntivo in tempi di crisi e temendo la perdita di competitività che si potrebbe generare dal carbon leakage, fenomeno di asimmetria normativa che, secondo Confindustria, potrebbe spingere alcune aziende a delocalizzare la produzione nei paesi non aderenti ai meccanismi di Kyoto.

Un approccio piuttosto differente da quello dell’omologa CBI, la Confederation of British Industry, illustrato da Matthew Farrow. Dopo un iniziale periodo “reattivo”, CBI ha infatti colto le potenzialità di mercato poste dalle nuove sfide ambientali passando ad un atteggiamento maggiormente “proattivo” nei confronti del governo e dell’opinione pubblica inglese che, secondo i sondaggi, è oggi, per il 90% molto attenta e sensibile alla questione dei cambiamenti climatici.

Le opportunità commerciali che si presentano, ha spiegato Farrow, “valgono potenzialmente miliardi di dollari“. Per questo la Gran Bretagna si sta massicciamente muovendo nel settore automobilistico low carbon, nell’IT e nell’elettronica per l’efficienza energetica, ma soprattutto nell’ingegneria off-shore e sottomarina al servizio delle rinnovabili e nelle nuove frontiere del carbon capture and storage, per guadagnare un vantaggio competitivo ed una leadership che domani potrebbero realmente fare la differenza.

Del resto il sistema ETS sta entrando in una fase più matura che, secondo CBI, merita fiducia, avendo dimostrato di garantire risultati e di sapersi “correggere”, anche attraverso una flessibilità che ha consentito nel 2009, alle aziende in crisi, di vendere le quote di cui non avevano bisogno (a causa di una contrazione della produttività) per realizzare delle entrate.  

Secondo Stephen Lowe, primo segretario dell’Ambasciata Britannica di Roma e consigliere sui temi dell’energia e dell’ambiente, da noi intervistato a margine dell’incontro, non si tratta di differenza d’approccio tra le rappresentanze industriali italiane e britanniche, quanto di un certo ritardo di mercato che vede oggi l’Italia nella posizione scettica in cui anche CBI era prima del 2005.

Negli ultimi 5 anni“, ci ha spiegato Lowe, “abbiamo inoltre assistito in Gran Bretagna ad una sorta di accordo trasversale ai partiti sulle tematiche ambientali. Il nuovo Primo Ministro, David Cameron, ha lavorato molto sulla trasformazione del partito conservatore per renderlo più sensibile a queste tematiche e attento alle questioni che preoccupano i cittadini ed oggi, anche grazie alla Coalizione che ha recepito le istanze dei liberali democratici, possiamo confermare l’impegno concreto del Governo a favore delle energie rinnovabili e di un’economia low-carbon, senza strappi con l’azione precedente“.

Andrea Gandiglio

Leggi su Greenews.info l’intervento integrale di Stephen Lowe

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

luglio 17, 2017

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

“Lights on sustainability” è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia. La divisione wholesale [...]

Carovana delle Alpi: le bandiere verdi di Legambiente e i “Pirati della montagna”

luglio 14, 2017

Carovana delle Alpi: le bandiere verdi di Legambiente e i “Pirati della montagna”

La sfida della sostenibilità ambientale e la lotta ai cambiamenti climatici passa anche per le Alpi. Patrimonio di inestimabile valore per i paesaggi e luoghi unici, oggi l’arco alpino italiano è anche la culla di tante esperienze virtuose, moderne e rispettose dell’ambiente, in grado di dar impulso ad una nuova economia e incentivare un turismo [...]

Ford e Deutsche Post mandano in produzione il furgonato elettrico per le consegne a media distanza

luglio 13, 2017

Ford e Deutsche Post mandano in produzione il furgonato elettrico per le consegne a media distanza

Ford e Deutsche Post DHL Group nel mese di giugno 2017 hanno siglato un accordo con StreetScooter per la produzione di un nuovo veicolo con alimentazione elettrica da dedicare ai servizi di consegna. I partner sono ora all’opera per la realizzazione di un veicolo furgonato di grandi dimensioni da utilizzare per le consegne quotidiane. Deutsche Post [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende