Home » Eventi » La CO2 come opportunità di business:

La CO2 come opportunità di business

maggio 25, 2010 Eventi

Palazzo delle Stelline, Courtesy of Rappresentanza della Commissione Europea a MilanoCharles, avrai certamente seguito il crollo della quotazione della tonnellata di CO2 sul mercato delle emissioni per le imprese. Le quote attribuite erano troppo ampie e nessuna impresa ha dovuto cercare di procurarsi sul mercato quote ulteriori. Avevano tutti già rispettato i loro impegni. Ma la regola cambierà. Dato che le imprese emettono sempre più CO2 e che i calcoli per la definizione delle quote diventeranno più rigorosi, il mercato alla fine decollerà e avrà tassi di crescita esorbitanti”.

Non è l’analisi di un analista finanziario, ma – spirito dei tempi – un passaggio del romanzo di Alice AudouinEmilie. ecologista in carriera” (appena pubblicato in Italia da Edizioni Ambiente), che riassume piuttosto bene la transizione dalla cosiddetta “fase 2″ alla “fase 3″ dell’ Emission Trading Scheme dell’Unione Europea, che si aprirà nel 2013. E anche le speranze che gli operatori del settore ripongono in un salto da un mercato “lungo”, in cui le assegnazioni superano le effettive emissioni, ad un mercato “corto”, in grado di sostenere il prezzo delle quote di emissione.  

Se n’è discusso ieri a Palazzo Stelline, a Milano, in occasione del convegno “Il nuovo sistema europeo di scambio delle quote di emissione: la fase post 2012“, organizzato dalla Rappresentanza della Commissione Europea e dal Consolato Britannico di Milano, in collaborazione con la British Chamber of Commerce for Italy e l’Ufficio a Milano del Parlamento Europeo.

Il mercato per le imprese, a cui fa riferimento la Emilie del romanzo, è - come ha ricordato nell’introduzione Mauro Cirillo, dell’Istituto Ricerche per l’Economia e le Finanzeun sottosistema del Protocollo di Kyoto, l’accordo internazionale (in scadenza nel 2012) che disciplina invece le emissioni degli Stati.

Per quanto il Parlamento Europeo abbia sempre ricercato il difficile equilibrio tra le esigenze dell’ambiente e della salute pubblica e quelle delle imprese – come precisato da Maria Grazia Cavenaghi-Smith – le imprese italiane, ha continuato Carlo Corazza, direttore della Rappresentanza della Commissione a Milano, hanno tuttavia sempre dimostrato un certo scetticismo – se non ostilità – verso questo sistema, considerandolo un inopportuno costo aggiuntivo in tempi di crisi e temendo la perdita di competitività che si potrebbe generare dal carbon leakage, fenomeno di asimmetria normativa che, secondo Confindustria, potrebbe spingere alcune aziende a delocalizzare la produzione nei paesi non aderenti ai meccanismi di Kyoto.

Un approccio piuttosto differente da quello dell’omologa CBI, la Confederation of British Industry, illustrato da Matthew Farrow. Dopo un iniziale periodo “reattivo”, CBI ha infatti colto le potenzialità di mercato poste dalle nuove sfide ambientali passando ad un atteggiamento maggiormente “proattivo” nei confronti del governo e dell’opinione pubblica inglese che, secondo i sondaggi, è oggi, per il 90% molto attenta e sensibile alla questione dei cambiamenti climatici.

Le opportunità commerciali che si presentano, ha spiegato Farrow, “valgono potenzialmente miliardi di dollari“. Per questo la Gran Bretagna si sta massicciamente muovendo nel settore automobilistico low carbon, nell’IT e nell’elettronica per l’efficienza energetica, ma soprattutto nell’ingegneria off-shore e sottomarina al servizio delle rinnovabili e nelle nuove frontiere del carbon capture and storage, per guadagnare un vantaggio competitivo ed una leadership che domani potrebbero realmente fare la differenza.

Del resto il sistema ETS sta entrando in una fase più matura che, secondo CBI, merita fiducia, avendo dimostrato di garantire risultati e di sapersi “correggere”, anche attraverso una flessibilità che ha consentito nel 2009, alle aziende in crisi, di vendere le quote di cui non avevano bisogno (a causa di una contrazione della produttività) per realizzare delle entrate.  

Secondo Stephen Lowe, primo segretario dell’Ambasciata Britannica di Roma e consigliere sui temi dell’energia e dell’ambiente, da noi intervistato a margine dell’incontro, non si tratta di differenza d’approccio tra le rappresentanze industriali italiane e britanniche, quanto di un certo ritardo di mercato che vede oggi l’Italia nella posizione scettica in cui anche CBI era prima del 2005.

Negli ultimi 5 anni“, ci ha spiegato Lowe, “abbiamo inoltre assistito in Gran Bretagna ad una sorta di accordo trasversale ai partiti sulle tematiche ambientali. Il nuovo Primo Ministro, David Cameron, ha lavorato molto sulla trasformazione del partito conservatore per renderlo più sensibile a queste tematiche e attento alle questioni che preoccupano i cittadini ed oggi, anche grazie alla Coalizione che ha recepito le istanze dei liberali democratici, possiamo confermare l’impegno concreto del Governo a favore delle energie rinnovabili e di un’economia low-carbon, senza strappi con l’azione precedente“.

Andrea Gandiglio

Leggi su Greenews.info l’intervento integrale di Stephen Lowe

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende