Home » Eventi » La CO2 come opportunità di business:

La CO2 come opportunità di business

maggio 25, 2010 Eventi

Palazzo delle Stelline, Courtesy of Rappresentanza della Commissione Europea a MilanoCharles, avrai certamente seguito il crollo della quotazione della tonnellata di CO2 sul mercato delle emissioni per le imprese. Le quote attribuite erano troppo ampie e nessuna impresa ha dovuto cercare di procurarsi sul mercato quote ulteriori. Avevano tutti già rispettato i loro impegni. Ma la regola cambierà. Dato che le imprese emettono sempre più CO2 e che i calcoli per la definizione delle quote diventeranno più rigorosi, il mercato alla fine decollerà e avrà tassi di crescita esorbitanti”.

Non è l’analisi di un analista finanziario, ma – spirito dei tempi – un passaggio del romanzo di Alice AudouinEmilie. ecologista in carriera” (appena pubblicato in Italia da Edizioni Ambiente), che riassume piuttosto bene la transizione dalla cosiddetta “fase 2″ alla “fase 3″ dell’ Emission Trading Scheme dell’Unione Europea, che si aprirà nel 2013. E anche le speranze che gli operatori del settore ripongono in un salto da un mercato “lungo”, in cui le assegnazioni superano le effettive emissioni, ad un mercato “corto”, in grado di sostenere il prezzo delle quote di emissione.  

Se n’è discusso ieri a Palazzo Stelline, a Milano, in occasione del convegno “Il nuovo sistema europeo di scambio delle quote di emissione: la fase post 2012“, organizzato dalla Rappresentanza della Commissione Europea e dal Consolato Britannico di Milano, in collaborazione con la British Chamber of Commerce for Italy e l’Ufficio a Milano del Parlamento Europeo.

Il mercato per le imprese, a cui fa riferimento la Emilie del romanzo, è - come ha ricordato nell’introduzione Mauro Cirillo, dell’Istituto Ricerche per l’Economia e le Finanzeun sottosistema del Protocollo di Kyoto, l’accordo internazionale (in scadenza nel 2012) che disciplina invece le emissioni degli Stati.

Per quanto il Parlamento Europeo abbia sempre ricercato il difficile equilibrio tra le esigenze dell’ambiente e della salute pubblica e quelle delle imprese – come precisato da Maria Grazia Cavenaghi-Smith – le imprese italiane, ha continuato Carlo Corazza, direttore della Rappresentanza della Commissione a Milano, hanno tuttavia sempre dimostrato un certo scetticismo – se non ostilità – verso questo sistema, considerandolo un inopportuno costo aggiuntivo in tempi di crisi e temendo la perdita di competitività che si potrebbe generare dal carbon leakage, fenomeno di asimmetria normativa che, secondo Confindustria, potrebbe spingere alcune aziende a delocalizzare la produzione nei paesi non aderenti ai meccanismi di Kyoto.

Un approccio piuttosto differente da quello dell’omologa CBI, la Confederation of British Industry, illustrato da Matthew Farrow. Dopo un iniziale periodo “reattivo”, CBI ha infatti colto le potenzialità di mercato poste dalle nuove sfide ambientali passando ad un atteggiamento maggiormente “proattivo” nei confronti del governo e dell’opinione pubblica inglese che, secondo i sondaggi, è oggi, per il 90% molto attenta e sensibile alla questione dei cambiamenti climatici.

Le opportunità commerciali che si presentano, ha spiegato Farrow, “valgono potenzialmente miliardi di dollari“. Per questo la Gran Bretagna si sta massicciamente muovendo nel settore automobilistico low carbon, nell’IT e nell’elettronica per l’efficienza energetica, ma soprattutto nell’ingegneria off-shore e sottomarina al servizio delle rinnovabili e nelle nuove frontiere del carbon capture and storage, per guadagnare un vantaggio competitivo ed una leadership che domani potrebbero realmente fare la differenza.

Del resto il sistema ETS sta entrando in una fase più matura che, secondo CBI, merita fiducia, avendo dimostrato di garantire risultati e di sapersi “correggere”, anche attraverso una flessibilità che ha consentito nel 2009, alle aziende in crisi, di vendere le quote di cui non avevano bisogno (a causa di una contrazione della produttività) per realizzare delle entrate.  

Secondo Stephen Lowe, primo segretario dell’Ambasciata Britannica di Roma e consigliere sui temi dell’energia e dell’ambiente, da noi intervistato a margine dell’incontro, non si tratta di differenza d’approccio tra le rappresentanze industriali italiane e britanniche, quanto di un certo ritardo di mercato che vede oggi l’Italia nella posizione scettica in cui anche CBI era prima del 2005.

Negli ultimi 5 anni“, ci ha spiegato Lowe, “abbiamo inoltre assistito in Gran Bretagna ad una sorta di accordo trasversale ai partiti sulle tematiche ambientali. Il nuovo Primo Ministro, David Cameron, ha lavorato molto sulla trasformazione del partito conservatore per renderlo più sensibile a queste tematiche e attento alle questioni che preoccupano i cittadini ed oggi, anche grazie alla Coalizione che ha recepito le istanze dei liberali democratici, possiamo confermare l’impegno concreto del Governo a favore delle energie rinnovabili e di un’economia low-carbon, senza strappi con l’azione precedente“.

Andrea Gandiglio

Leggi su Greenews.info l’intervento integrale di Stephen Lowe

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende