Home » Eventi »Nazionali »Politiche » La Conferenza dell’Industria Solare ai tempi del Decreto Romani:

La Conferenza dell’Industria Solare ai tempi del Decreto Romani

marzo 1, 2011 Eventi, Nazionali, Politiche

CIS-2011Come settore non siamo sempre ascoltati dalla politica”. Parole quanto mai profetiche e amare se lette nel giorno in cui il ministro Paolo Romani presenterà al Consiglio dei Ministri il cosiddetto “Decreto blocca solare“.

Dalla terza Conferenza sull’industria solare, tenutasi a Roma il 24 e 25 febbraio, emergono infatti due settori, quello del fotovoltaico e del solare termico, che faticano a dialogare con il mondo politico e legislativo.

Secondo Ingmar Wilhelm, presidente della European Photovoltaic Industry Association il valore aggiunto del fotovoltaico consiste nell’essere energia distribuita: quindi con una caratteristica di flessibilità che ne facilita lo sviluppo e un utilizzo diffuso, soprattutto di piccola-media taglia, che rende quello del fotovoltaico un “mercato sano”. Senza contare che il solare ha il potenziale per contribuire, in misura significativa, sia al mix energetico europeo che alla lotta ai cambiamenti climatici, con un taglio equivalente al 10 per cento delle emissioni di CO2 mondiali.

Wilhelm ha inoltre sottolineato come gli scenari più ottimisti di crescita del settore siano ormai già stati sorpassati. Se la Germania ha un totale installato di 6-7 GW, l’Italia segue con una potenza installata di 2.2 GW di impianti già allacciati e 5 GW potenziali. I dati sull’aumento della potenza  italiana installata risultano tuttavia incerti e falsati da quanto accaduto a fine anno: il GSE ha dichiarato circa 55 mila richieste e 3.700 MW per impianti che sono stati dichiarati realizzati entro dicembre 2010. In realtà di questi non si sa bene quanti sono realmente terminati e quanti saranno allacciati, poiché molti hanno dichiarato frettolosamente la fine dei lavori per usufruire delle tariffe incentivanti del 2010, più alte di quelle attuali.

La realtà sulla potenza fotovoltaica installata in Italia emergerà probabilmente a metà anno, ma resta il fatto che l’obiettivo nazionale al 2020 di 8 GW risulta decisamente poco ambizioso, soprattutto se confrontato allo scenario di crescita. Il potenziale del settore si conferma infatti ingente: la GIFI Gruppo Imprese Fotovoltaiche italiane prevede almeno 15 GW di potenza installata al 2015 e 40.000 posti di lavoro diretti (salvo interventi normativi a freno): un contributo sostanziale per uscire dalla crisi in corso e un aiuto alla sicurezza energetica del nostro Paese.

Per svilupparsi il settore chiede e necessita di certezze: relativamente agli incentivi, con un occhio di lungo periodo, con una politica di sviluppo idonea a evitare distorsioni di mercato e una legislazione che consenta iter autorizzativi uniformati in tutta Italia. Serve poi lo sviluppo di una nuova rete elettrica, la smart grid, in grado di gestire in maniera efficiente gli scambi di energia. Si affaccia infine anche l’ipotesi di un burden sharing regionale, una suddivisione degli obiettivi di energia rinnovabile tra le regioni.

Se le imprese del fotovoltaico vivono questa fase di incertezza nemmeno le associazioni di categoria del settore solare termico si possono dire completamente soddisfatte di quanto fatto finora, pur riconoscendo che le detrazioni fiscali al 55%, valide fino a fine 2011, hanno permesso al settore di tenere e aumentare il fatturato anche durante la crisi, in controtendenza rispetto al mercato europeo. Peccato che in Italia il solare termico non sia percepito come un’opzione importante per il risparmio energetico e subisca la “concorrenza” del fotovoltaico, invece che godere di una considerazione complementare. Le richieste verso la politica sono comunque allineate e accomunano tutte le industrie del solare, che chiedono certezze legislative e semplificazioni amministrative. Pare tuttavia che il governo da questo orecchio non senta.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende