Home » Eventi »Recensioni » La creatività che fa rivivere gli oggetti: Amiat e toBEeco premiano l’energia del riuso:

La creatività che fa rivivere gli oggetti: Amiat e toBEeco premiano l’energia del riuso

marzo 12, 2012 Eventi, Recensioni

Cala il sipario sulla terza edizione di toBEeco, il programma di Expocasa nato per sostenere e promuovere il design eco-compatibile. Quest’anno i giovani talenti hanno confrontato la propria creatività e la capacità d’innovazione sul tema dell’En&rgia; energia intesa come estro e genialità, come passione per la propria idea, come forza comunicativa e come energia in grado di scaturire dal materiale utilizzato.

Designer, architetti e progettisti si sono cimentati nel ripensare oggetti di uso quotidiano giunti alla fine del proprio ciclo di vita, studiando un modo per donare loro nuova linfa, riciclandoli e trasformandoli in oggetti di design dall’anima ecologica. Imprescindibile, dunque, l’utilizzo di materiali riciclati che tenessero conto del risparmio di spazio, di energia e di packaging superfluo. I 26 progetti in gara sono stati giudicati sabato 10 marzo da una giuria internazionale presieduta da Alessandra Chiti, ideatrice del progetto toBEeco. “L’edizione di quest’anno ha dato vita ad un clima di energia creativa e la scelta del vincitore è stata particolarmente difficile”, ha commentato l’arch. Chiti.

Alla fine il premio di 1.000 €, messo in palio da Amiat, è stato assegnato al progetto Mo.Vi., ideato da Michele Barberio di XYZ Factory, studio di design pugliese aderente al progetto Greencommerce, che meglio di tutti ha saputo interpretare l’ECOnomia del progetto, ovvero l’energia impiegata nel costruire consapevole. Mo.Vi. è infatti un oggetto polifunzionale, in grado di essere ora una sedia, ora un piccolo scrittoio, ora un tavolino o addirittura una lampada comodino. E’stata proprio questa sua “indefinibilità”, adattabile alle diverse esigenze, che lo ha reso un alleato perfetto nella quotidiana ricerca di spazi e funzioni dell’arredamento e gli è valsla vittoria. Il premio di 750€ per l’ECOlogia di processo, cioè l’energia risparmiata durante la produzione, se lo è aggiudicato Patrizia Bezzi grazie a EVO, un elemento d’arredamento bifacciale composto da una struttura portante in legno di pioppo e di collegamenti trasversali realizzati con funi di canapa opportunamente tese. Il risultato è un mobile innovativo e totalmente naturale, in quanto non necessita dell’utilizzo di connessioni metalliche. E ancora la polifunzionalità è stato l’elemento caratterizzante del terzo classificato, vincitore del premio di 500€, per l’ECOmulti-funzionalità di prodotto, ossia l’energia creativa presente sia nella forma che nell’utilizzo. Raggiante, realizzato da Davide Manzoni di ReedeMade, è infatti un complemento di design multifunzionale, realizzato assemblando una lampadina e i raggi della ruota di una bicicletta, che può diventare una lampada a olio, un vaporizzatore d’essenze, un vaso da fiori o un posacenere.

Le idee creative di quest’anno erano tutte di livello alto e avrebbero meritato di veder allargata la rosa dei premiati. Per questo Greenews.info, nella consueta classifica di redazione, oltre al già premiato EVO, distintosi per la sua elegante semplicità, ha voluto selezionare altri sei progetti, che segnaliamo ai nostri lettori.

E luce fu di Marita

Una lampada a sospensione realizzata in carta riciclata derivante dal macero dei libri (soprattutto di letteratura) e in alluminio. Sulla parte esterna del paralume si possono leggere una serie di frasi serigrafate “riciclate” dalla letteratura italiana. I diversi modelli sono accomunati dalla presenza del verbo “fu” intagliato a laser in modo da permettere il passaggio della luce e creando così delle suggestive proiezioni sulle pareti circostanti.

Only you di L’Acero Falegnameria

Elemento di arredo modulare, realizzato in legno da coltivazione, in grado di mutare la propria funzionalità sulla base dell’utilizzo. La linea è semplice e la forma è composta da due “U” diversamente posizionabili.

Appallottolandocelo di Appallottolandocelo

Incursione nel mondo del glamour con i gioielli realizzati artigianalmente con l’impiego di materiali totalmente naturali come cotone, lana e pietre. Sostenibile anche il packaging, anch’esso realizzato a mano utilizzando il sughero.

Senza fine di Biogriva

Progetto visionario dalla grande forza comunicativa, questo mobile di design riproduce l’intera filiera del castagno, dalla pianta alla bio-libreria in un dedalo di mensole collegate tra di loro come a seguire una sorta di spirale.

Ke_storia di ODG Living Room

Una panchina decisamente “grunge” che sembra il secondo tempo di un film in cui gli attori sono oggetti inutilizzati che tornano a nuova vita: un paio di sci e una tavola da snowboard. Un modo illuminante e sostenibile per riscoprirli.

Archivio di Studio Santa Giulia Design Nonnis Carlo

Last but not least il mobile per l’archiviazione di materiale cartaceo ottenuto dal restauro e dal recupero di sei sedie da cinema in legno di faggio, nei cui schienali è stato inserito tessuto plastico lavorato a mano.

 

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende