Home » Eventi »Recensioni » La creatività che fa rivivere gli oggetti: Amiat e toBEeco premiano l’energia del riuso:

La creatività che fa rivivere gli oggetti: Amiat e toBEeco premiano l’energia del riuso

marzo 12, 2012 Eventi, Recensioni

Cala il sipario sulla terza edizione di toBEeco, il programma di Expocasa nato per sostenere e promuovere il design eco-compatibile. Quest’anno i giovani talenti hanno confrontato la propria creatività e la capacità d’innovazione sul tema dell’En&rgia; energia intesa come estro e genialità, come passione per la propria idea, come forza comunicativa e come energia in grado di scaturire dal materiale utilizzato.

Designer, architetti e progettisti si sono cimentati nel ripensare oggetti di uso quotidiano giunti alla fine del proprio ciclo di vita, studiando un modo per donare loro nuova linfa, riciclandoli e trasformandoli in oggetti di design dall’anima ecologica. Imprescindibile, dunque, l’utilizzo di materiali riciclati che tenessero conto del risparmio di spazio, di energia e di packaging superfluo. I 26 progetti in gara sono stati giudicati sabato 10 marzo da una giuria internazionale presieduta da Alessandra Chiti, ideatrice del progetto toBEeco. “L’edizione di quest’anno ha dato vita ad un clima di energia creativa e la scelta del vincitore è stata particolarmente difficile”, ha commentato l’arch. Chiti.

Alla fine il premio di 1.000 €, messo in palio da Amiat, è stato assegnato al progetto Mo.Vi., ideato da Michele Barberio di XYZ Factory, studio di design pugliese aderente al progetto Greencommerce, che meglio di tutti ha saputo interpretare l’ECOnomia del progetto, ovvero l’energia impiegata nel costruire consapevole. Mo.Vi. è infatti un oggetto polifunzionale, in grado di essere ora una sedia, ora un piccolo scrittoio, ora un tavolino o addirittura una lampada comodino. E’stata proprio questa sua “indefinibilità”, adattabile alle diverse esigenze, che lo ha reso un alleato perfetto nella quotidiana ricerca di spazi e funzioni dell’arredamento e gli è valsla vittoria. Il premio di 750€ per l’ECOlogia di processo, cioè l’energia risparmiata durante la produzione, se lo è aggiudicato Patrizia Bezzi grazie a EVO, un elemento d’arredamento bifacciale composto da una struttura portante in legno di pioppo e di collegamenti trasversali realizzati con funi di canapa opportunamente tese. Il risultato è un mobile innovativo e totalmente naturale, in quanto non necessita dell’utilizzo di connessioni metalliche. E ancora la polifunzionalità è stato l’elemento caratterizzante del terzo classificato, vincitore del premio di 500€, per l’ECOmulti-funzionalità di prodotto, ossia l’energia creativa presente sia nella forma che nell’utilizzo. Raggiante, realizzato da Davide Manzoni di ReedeMade, è infatti un complemento di design multifunzionale, realizzato assemblando una lampadina e i raggi della ruota di una bicicletta, che può diventare una lampada a olio, un vaporizzatore d’essenze, un vaso da fiori o un posacenere.

Le idee creative di quest’anno erano tutte di livello alto e avrebbero meritato di veder allargata la rosa dei premiati. Per questo Greenews.info, nella consueta classifica di redazione, oltre al già premiato EVO, distintosi per la sua elegante semplicità, ha voluto selezionare altri sei progetti, che segnaliamo ai nostri lettori.

E luce fu di Marita

Una lampada a sospensione realizzata in carta riciclata derivante dal macero dei libri (soprattutto di letteratura) e in alluminio. Sulla parte esterna del paralume si possono leggere una serie di frasi serigrafate “riciclate” dalla letteratura italiana. I diversi modelli sono accomunati dalla presenza del verbo “fu” intagliato a laser in modo da permettere il passaggio della luce e creando così delle suggestive proiezioni sulle pareti circostanti.

Only you di L’Acero Falegnameria

Elemento di arredo modulare, realizzato in legno da coltivazione, in grado di mutare la propria funzionalità sulla base dell’utilizzo. La linea è semplice e la forma è composta da due “U” diversamente posizionabili.

Appallottolandocelo di Appallottolandocelo

Incursione nel mondo del glamour con i gioielli realizzati artigianalmente con l’impiego di materiali totalmente naturali come cotone, lana e pietre. Sostenibile anche il packaging, anch’esso realizzato a mano utilizzando il sughero.

Senza fine di Biogriva

Progetto visionario dalla grande forza comunicativa, questo mobile di design riproduce l’intera filiera del castagno, dalla pianta alla bio-libreria in un dedalo di mensole collegate tra di loro come a seguire una sorta di spirale.

Ke_storia di ODG Living Room

Una panchina decisamente “grunge” che sembra il secondo tempo di un film in cui gli attori sono oggetti inutilizzati che tornano a nuova vita: un paio di sci e una tavola da snowboard. Un modo illuminante e sostenibile per riscoprirli.

Archivio di Studio Santa Giulia Design Nonnis Carlo

Last but not least il mobile per l’archiviazione di materiale cartaceo ottenuto dal restauro e dal recupero di sei sedie da cinema in legno di faggio, nei cui schienali è stato inserito tessuto plastico lavorato a mano.

 

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende