Home » Eventi » La febbre della Notte Verde contagia il Nordest:

La febbre della Notte Verde contagia il Nordest

maggio 7, 2012 Eventi

C’è solo l’imbarazzo della scelta alla “Notte verde del Nordest”, maratona dell’economia sostenibile che sabato 5 maggio, dal mattino a notte fonda, ha coinvolto, in contemporanea, venti località dell’area metropolitana di Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige. Quasi 200mila visitatori, secondo la stima degli organizzatori, attratti dalle numerosissime iniziative popolari in tema di sostenibilità ambientale.

Alla manifestazione hanno partecipato anche il Ministro all’Ambiente Corrado Clini, in un tour di cinque tappe tra Padova, Venezia, Udine e Borgo Valsugana e altre personalità del mondo “green”, come il fondatore del Movimento della Decrescita Felice Maurizio Pallante, Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola, e decine di esperti di green economy, politici, imprenditori, artisti.

Le motivazioni della mobilitazione si spiegano con alcuni dati economici di quest’area. Secondo il Rapporto GreenItaly, nel 2011 il Nordest ha visto raddoppiare il numero di piccole e medie imprese manifatturiere che hanno investito in prodotti e tecnologie verdi (passate dal 28,3 al 57,3%) ed è stato uno dei primi territori italiani a promuovere la produzione agroalimentare biologica e a km zero, con vendita diretta dal produttore al consumatore. Il Veneto si attesta tra le prime regioni italiane a vocazione biologica per il rapporto tra numeri di negozi e abitanti, 146 negozi specializzati, 1 ogni 31.000 abitanti. Legambiente, nell’annuale classifica sulla gestione dei rifiuti, afferma inoltre che il Nordest si conferma un’eccellenza nell’attivazione di servizi per la raccolta differenziata dei rifiuti, con il Veneto in vetta con il 65% di amministrazioni virtuose sul totale dei Comuni, seguito da Friuli Venezia Giulia (34,2%) e Trentino Alto Adige (28,3%).

In pratica la macro-regione del Nordest punta a divenire (o a consolidarsi, a seconda dei punti di vista) una Green Valley, sia per riqualificare il proprio territorio, sia per incentivare, insieme alla sostenibilità, il lavoro, che traballa o manca anche in questa parte dello Stivale, come ha sottolineato l’Assessore all’Ambiente della Città di Padova Alessandro Zan, presentando il cartellone della Città del Santo. «Come è stato fatto in Germania, che ha puntato per prima sulla green economy, anche questo territorio, fatto di decine e decine di piccole e medie imprese, può puntare su questo settore per il proprio futuro sviluppo – ha commentato l’amministratore – La produzione di energie rinnovabili, l’efficienza energetica degli edifici, la mobilità sostenibile, sono tutte azioni che hanno un impatto positivo sull’ambiente e che creano posti di lavoro altamente qualificati. In passato ambiente e lavoro erano spesso in contrapposizione tra loro e per produrre sembrava scontato inquinare, oggi invece per ridurre l’inquinamento si può puntare sui green jobs. E questa la strada da percorrere e questa manifestazione serve a sensibilizzare cittadini, imprese, associazioni, terzo settore in questo percorso dalla duplice valenza, di sostenibilità ambientale e del lavoro».

Il programma della manifestazione, considerato nel complesso delle località coinvolte e dei temi affrontati, è stato estremamente vario: convegni su tecnologie e ricerca, animazioni per bambini, mostre-mercato delle energie alternative o prodotti a filiera corta e biologici, laboratori, biciclettate al chiaro di luna, passeggiate ecologico-artistiche, concerti, mostre. Piccoli comuni o grandi città, ciascuna si è sentita in dovere di proporre approfondimenti e contribuire alla riuscita della Notte Verde. C’è chi ha dedicato la kermesse alla “mobilità dolce”, in bici e bici elettriche (Schio, Bassano del Grappa, Vicenza), chi alla montagna, protagonista della terza rivoluzione industriale, quella verde appunto, con convegni e degustazioni guidate di prodotti tipici (Mel), chi alla tecnologia delle batterie fuel cell con test drive sui mezzi elettrici (Borgo Valsugana). E ancora alla riconversione di aree industriali, come il Petrolchimico di Porto Marghera (Venezia), al fare impresa sostenibile (Adria), alle buone pratiche per la gestione del suolo e alla bioedilizia (Valdagno), al mercato che si apre di fronte a chi opera nella green economy (Gorizia).

Nel panorama della “Notte verde del Nordest” tra i temi di sostenibilità più impegnativi c’è forse quello affrontato nella città di Udine, il cui programma e’stato inserito nell’ambito del Festival Vicino/Lontano: è la prevenzione del consumo di suolo e del degrado ambientale, nuova frontiera del “green thinking”, ma tesi già molto cara ai fautori della cosiddetta decrescita felice. Uno degli incontri in collaborazione con Arpa Friuli Venezia Giulia e’stato intitolato “Divoratori di terra”. «Ci ha colpiti molto scoprire che l’Italia sta progressivamente “scomparendo” al ritmo di circa 100 ettari al giorno, l’equivalente di 200 campi di calcio – ha commentato Paola Colombo, curatrice di Vicino/Lontano. Edilizia residenziale e commerciale, con relative infrastrutture, stanno letteralmente divorando pezzi di territorio, con effetti spesso devastanti sotto il profilo ambientale e con ripercussioni dirette e indirette sulle popolazioni. Un altro incontro lo abbiamo dedicato al ventennale della Conferenza sull’ambiente delle Nazioni Unite di Rio de Janeiro del 1992, il Vertice della Terra, che almeno nelle intenzioni doveva dare gli orientamenti di uno sviluppo sostenibile. È evidente che a distanza di due decenni lo scenario è notevolmente cambiato e molto più complesso, ed è necessario riflettere nuovamente sui paradigmi che muovono le scelte della politica e dell’economia globale, anche in vista del nuovo vertice di giugno».

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende