Home » Eventi »Idee » La “meglio gioventù” agli Oscar Green della Coldiretti:

La “meglio gioventù” agli Oscar Green della Coldiretti

novembre 18, 2011 Eventi, Idee

«Fare l’imprenditore agricolo è figo», dice Vittorio Sangiorgio, delegato nazionale di Giovani Imprese Coldiretti aprendo la cerimonia di premiazione degli Oscar Green 2011. E, sentendo le storie di finalisti e premiati a questo concorso per l’innovazione in agricoltura, non si può dargli torto. C’è l’allevatore di maiali che segue i suoi animali con una webcam consultabile anche dall’Iphone, e l’apicoltore che invecchia il miele nelle barrique di rovere del vino. E ancora, il vivaista che, partendo da semplici sagome di metallo, crea sculture verdi, e il casaro che produce pecorino con caglio vegetale. Giovani che non rispondono più all’idea di agricoltore che ancora resiste nell’immaginario comune, ma la reinventano e la aggiornano, aggiungendo creatività, tecnologia, innovazione.

Vediamo più da vicino chi sono quest’anno i vincitori delle sei categorie degli Oscar. Per la sezione Stile e cultura d’impresa, il primo premio è andato a Manuele Ferri, che nella sua azienda di Montetortore, in provincia di Modena, alleva maiali della razza Mora Romagnola allo stato brado e con metodo biologico. È sua l’idea del primo grande fratello nella stalla, per seguire costantemente gli animali durante la crescita controllandone alimentazione e benessere. Nell’azienda Ca’ Lumaco c’è anche una sala parto attrezzata con le telecamere: le fattrici si muovono libere fino al momento della nascita dei maialini, mentre l’allevatore le può controllare “in remoto”.

Per la categoria Sostieni lo sviluppo è stato invece premiato Gianni Infantino dell’Azienda Agricola De Angelis, impresa itinerante tra il cuore di Tolve (Potenza) e le vette della Basilicata dove si trovano le arnie. Il suo miele unisce bontà e sensibilità sociale: sulle etichette è utilizzato il linguaggio Braille, lo stesso usato anche nel libro La città perfetta, che accompagna i barattoli e racconta con le illustrazioni tattili il magico mondo delle api. L’azienda oggi conta 100 arnie per 30 quintali di miele all’anno, tutto certificato biologico.

Erika Pedrini, trentina, ha preso in mano l’azienda vitivinicola di famiglia, facendo arrivare le sue bottiglie nelle cantine di Giappone, Inghilterra, Germania. A lei è andato il premio della sezione Esportare il territorio. La particolarità dell’azienda Pravis risiede nell’aver recuperato i vitigni dell’impero Austro-ungarico, dal Negrara al Franconia, al Groppello. Erika ha anche modernizzato la cantina: grazie ad un “progetto verticale”, viene scomposta su tre livelli, cosicché i passaggi del vino possano avvenire per caduta e non attraverso pompe idrauliche. Il risultato è l’ottimizzazione delle risorse e il risparmio dell’energia.

Nella categoria Oltre la filiera, ha vinto il primo premio Filippo Tramonti, presidente del Consorzio  Agrario di Forlì-Cesena-Rimini. A lui si deve la decisione di rilevare e rilanciare l’Antico Pastificio Ghigi, creando una filiera tutta italiana, distribuita su Toscana, Emilia Romagna e Marche, dal campo alla tavola. Oggi Ghigi rappresenta il sesto produttore nazionale con 500 mila quintali di pasta all’anno, rigorosamente Ogm free.

Il premio della sezione Campagna amica se l’è aggiudicato Cristian Merlo dell’Azienda Agricola Ciucolandia di Capestrano (L’Aquila). Questo giovane imprenditore è riuscito a produrre il primo yogurt di latte d’asina, un alimento molto apprezzato anche da tutti i bambini allergici al latte vaccino. Molti studi scientifici dimostrano che il latte di asina è l’alimento naturale di origine animale con le caratteristiche più vicine al latte materno. Ha un sapore dolce ed è un’ottima  base per preparare lo yogurt. L’azienda, certificata biologica, produce anche biscotti e cosmetici a base di questo latte e olio d’oliva. È possibile anche fare trekking someggiato, ossia accompagnati dall’asino che porta i bagagli.

La Cooperativa Agricò Pecetto, di Pecetto (Torino), è stata premiata nella sezione In-generation. L’ha fondata Elena Comollo, insieme a Renato ed Emanuele. Un progetto molto attento al sociale e all’integrazione di persone svantaggiate, retto da giovani produttori piemontesi che operano nel rispetto di un’agricoltura eco-compatibile, privilegiando la filiera corta e promuovendo il consumo di prodotti agricoli di stagione, i gruppi di acquisto e soprattutto il chilometro zero. La cooperativa offre anche percorsi di formazione come fattoria didattica, con programmi specifici per far conoscere a grandi e piccini la vita in campagna e la ciliegia di Pecetto.

Nell’ambito di Oscar Green è stato premiata, nella categoria Paese amico, anche una società composta dalle Asl di Cuneo, Asti e Alba. Attraverso Amos, l’ospedale si è impegnato in un progetto di pasti a chilometro zero, con le primizie del territorio e le ricette tipiche della tradizione piemontese. I numeri parlano da sé: quattro miliardi di pasti in quattro anni per un milione di euro di prodotti acquistati dalle imprese agricole del territorio.

Un affresco composito di quella che, forse con un luogo comune, si definisce “l’Italia migliore”. Il presidente di Coldiretti Sergio Marini non ha dubbi: «Sono questi i giovani talenti sui quali il presidente del Consiglio Mario Monti può fare affidamento per il rilancio dell’economia italiana».

Veronica Ulivieri

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende