Home » Eventi »Idee » La terza rivoluzione industriale (che Obama ha mancato) secondo Jeremy Rifkin:

La terza rivoluzione industriale (che Obama ha mancato) secondo Jeremy Rifkin

ottobre 28, 2011 Eventi, Idee

L’era della seconda rivoluzione industriale, fatta di combustibili fossili, enormi quantità di emissioni e grandi centrali elettriche è al tramonto. La nuova era dovrà basarsi sulle energie rinnovabili, le auto elettriche e modelli di gestione a rete, simili a Internet. Jeremy Rifkin, economista statunitense celebre per i suoi studi sulla sostenibilità ambientale e sociale, non si stanca di ripeterlo. È da poco uscito il suo nuovo libro “La Terza rivoluzione industriale”, in cui predica l’avvento di un nuovo ordine economico, e dà consigli su come far sì che queste previsioni diventino realtà. Parla a Roma, in Campidoglio (in una grande sala gremita di giovani), in piedi, passeggiando in stile colloquiale, e conquista subito la scena. «Prego le telecamere di allontanarsi, altrimenti sarò costretto ad andarmene», dice più volte, rivelando un carattere determinato e poco incline a compromessi.

Che l’era del petrolio sia al tramonto, spiega aprendo la lectio magistralis, si capisce in particolare da due avvenimenti fondamentali. Il primo è il crollo dell’economia, tre anni fa: «A luglio 2008, il prezzo del petrolio è schizzato a 147 dollari al barile e di conseguenza sono saliti i prezzi di tutti gli altri beni. Quello è stato il terremoto, mentre lo scoppio della bolla di due mesi dopo è stata solo una scossa di assestamento», spiega. La seconda data memorabile è il 18 dicembre 2009, quando si è chiusa la  Conferenza di Copenaghen sul Clima quasi con un nulla di fatto, facendo nascere ipotesi anche drammatiche: «Se entro la fine del secolo la temperatura aumenterà di 3 gradi centigradi, torneremo al Pleistocene. Rischiamo di assistere all’estinzione del 70% della biodiversità di questo pianeta entro il 2100», sottolinea.

Se le prospettive sono preoccupanti, molti Paesi hanno già iniziato a intraprendere la strada della sostenibilità ambientale. E la soluzione, dice l’economista, inizia proprio dalle energie verdi e dalla loro fusione con internet: «Il petrolio è un’energia vecchia, esaurita. La rivoluzione di internet si basa su una rete distribuita e collaborativa, che sta iniziando a fondersi con le nuove energie». Da qui nasceranno «le condizioni per la Terza rivoluzione industriale».

Condizioni che possono essere declinate attraverso i suoi famosi «cinque pilastri». Il primo riguarda l’uso delle energie rinnovabili: «Si tratta di energie distribuite, che si trovano in ogni giardino, completamente diverse dal petrolio e dai combustibili fossili, che invece sono energie di élite, gestite in modo verticistico». Il secondo passo riguarda poi la conversione degli edifici in piccole centrali elettriche, proprio attraverso le rinnovabili, «intervento che creerà migliaia di posti di lavoro», a cui devono aggiungersi lo stoccaggio di energia verde con l’idrogeno, la creazione di una rete energetica di nodi interconnessi, simile a Internet, e l’utilizzo di veicoli elettrici. Tutte misure che «devono essere collegate. E’ proprio qui che ha sbagliato Obama: ha investito molto, ma ha sviluppato queste componenti in maniera isolata». Sui cinque pilastri «si basa il futuro e se non investiamo adesso, diventerà sempre più difficile».

Nel 2010, Rifkin ha elaborato il Masterplan per lo Sviluppo Sostenibile di Roma Capitale. «Sono molto rinfrancato da ciò che il sindaco ha fatto in questa città, ma bisogna muoversi con più aggressività», ha commentato. Il sindaco di Roma Gianni Alemanno illustra le diverse misure messe in atto da Roma Capitale per l’attuazione del piano di Rifkin. «Questa settimana è stato presentato il Paes, il Piano d’azione per l’energia sostenibile in Europa ed è già stata approvata la modifica del Regolamento edilizio, che sta trasformando la città». È prevista inoltre, ha spiegato Alemanno, l’installazione di led per l’illuminazione pubblica e «l’Assessore all’Ambiente Visconti sta sollecitando le case automobilistiche perché mettano a disposizione i veicoli elettrici per istituzioni e cittadini. La domanda c’è, ma manca il prodotto».

La strada da fare, soprattutto in Italia, è ancora lunga. Roma prova a essere sostenibile, ma continua a essere bloccata dal traffico delle auto private e i pannelli fotovoltaici sui tetti sono pochissimi. Ma Rifkin pensa che anche il nostro paese, con le sue difficoltà economiche e le tante contraddizioni, ce la possa fare: in Italia, «ci sono troppi ostacoli all’interno del sistema politico e di quello industriale», ma «il vostro Paese – dice rivolgendosi alla platea – insieme alla Germania può guidare questo nuovo movimento, per due motivi: avete le Regioni, che sono molto potenti, e il movimento delle piccole e medie imprese più creativo del mondo».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende