Home » Eventi »Idee » La terza via del vino:

La terza via del vino

ottobre 26, 2009 Eventi, Idee

Courtesy of Francesco Sgroi, Flickr

Esiste anche per il vino – come per la politica – una terza via che rifugga dagli estremismi opposti del capitalismo industriale e del radicalismo ecologista? E’la domanda che si è posto Giancarlo Gariglio, responsabile della redazione vini di Slow Food e conduttore del Laboratorio “La Terza Via”, organizzato sabato 23 ottobre al Lingotto di Torino in occasione del salone del vino Wine Show 2009.

Un’ occasione di confronto tra i vini di aziende italiane che concentrano i loro sforzi produttivi in un approccio sostenibile alla coltivazione della vite e che, pur nella diversità di stili e di tecniche applicate (dalla coltivazione biologica a quella biodinamica), conservano il denominatore comune della qualità e della forza espressiva dei propri vini, capaci di trasmettere le principali caratteristiche del territorio in cui vengono prodotti. Protagonisti della selezione, operata da Gariglio, un rosé atipico, un bianco d’eccezione e 4 rossi di carattere:  il Cerasuolo abruzzese di Valentini, il ribolla Anfora del friulano Gravner, il siciliano dell’Etna Vinupetra di Salvo Foti, i toscani Tenuta di Valgiano e Fontodi e il Dolcetto di Dogliani piemontese di Sandro Barosi.  Tutti vini “d’autore”, dove la visione enologica del produttore si ritrova nel bicchiere come la firma di una poesia.

Ma in che senso la viticoltura sostenibile può essere definita una “terza via”? Innanzitutto nell’assenza di fanatismo ma, al contrario, nella capacità di dialogo e avvicinamento tra biologico e progresso viticolo, sulle basi del buonsenso (un buon terreno in un buon clima) e della ricerca d’avanguardia (conoscenze e pratiche agronomiche evolute ed ecocompatibili). Obiettivo: l’equilibrio della misura, ossia una viticoltura consapevole e attuabile che porti come dote – e non come fardello – i valori della tradizione.

Il vino, secondo i fautori di questa via, deve essere il frutto di un processo produttivo agricolo perfettamente integrato nel proprio ambiente dove, “per assicurare la continuità di un agrosistema è indispensabile garantire quella dell’ecosistema che lo circonda” (altrimenti i disagi del secondo si ripercuoterebbero immediatamente sul primo) ma, al tempo stesso, il vino non deve rinunciare al requisito organolettico fondamentale della bontà e deve essere remunerativo per chi lo produce e conveniente per chi lo acquista (tutte le bottiglie presentate costano al massimo 10 euro).

Una visione pragmatica ben espressa in sala da Sandro Barosi che, con la passione genuina del produttore estraneo ai fondamentalismi, illustra la genesi di una scelta alternativa, senza nascondere le difficoltà e i costi del portarla avanti. L’immagine di una vigna fiorita e “vivente” – e  non “brulla e morta” – rende la dimensione di soddisfazione, bucolica ma concreta, che motiva l’operato quotidiano di questi produttori. Per Barosi si è trattato inoltre di una scelta di salute, dove la sostituzione (non priva di un’iniziale scetticismo) di prodotti come lo zolfo ricavato dal petrolio con lo zolfo di cava – suggeritagli da un medico allergologo – gli ha consentito di guarire da fastidiosi disturbi respiratori.

La strada della viticoltura sostenibile resta tuttavia riservata, per il momento, a spiriti pazienti e lungimiranti che non temono di impiegare 10 giornate di lavoro a pulire una vigna col decespugliatore quando con il diserbante se ne impiega mezza, che “10.000 euro in più di costi produzione alla fine dell’anno valgono la soddisfazione”  e che… anche nel concime sanno trovare poesia. Chapeau!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende