Home » Eventi »Internazionali »Politiche » L’ambizione del governo Cameron e la formichina italiana:

L’ambizione del governo Cameron e la formichina italiana

gennaio 27, 2011 Eventi, Internazionali, Politiche

David Cameron, Courtesy of topdogtips.comLa nuova strategia britannica sul clima e l’energia del governo Cameron è stata presentata ieri a Roma durante il seminario a Villa Wolkonsky, residenza dell’Ambasciatore inglese a Roma, organizzato in collaborazione con Kyoto Club.

I relatori britannici, Robert Deane dell’Ambasciata, Chris Dodwell del Ministero dell’Energia e dei Cambiamenti Climatici, Matt Jackson del Ministero degli Esteri, hanno ricordato la frase pronunciata da Cameron il giorno dopo la sua elezione: l’impegno a diventare “the greenest government ever”, il governo più verde della storia. Una dichiarazione fortemente impegnativa, che ha catalizzato l’attenzione degli osservatori internazionali.

Rispetto al suo predecessore, Gordon Brown, gli ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2, del 34% al 2020 e dell’80% al 2050, rimangono infatti invariati. Ciò che cambia è l’approccio e la distribuzione delle risorse finanziarie: si taglia sui ministeri, sulle istituzioni come il Carbon Trust, ma non sui finanziamenti alle energie rinnovabili, alle nuove tecnologie per la riduzione della CO2, al risparmio energetico residenziale. Per i britannici il prezzo del carbonio nei mercati della CO2 è un segnale troppo debole per incentivare la trasformazione a un’economia low carbon, per cui è necessario un sostegno ai prezzi.

Riguardo alla ripartizione internazionale dell’impegno verso clima ed energia, Chris Dodwell ha dichiarato che è semplicemente ”anacronistico pensare che l’Europa stia facendo degli sforzi, mentre gli altri non stanno facendo niente”. Molti altri paesi stanno investendo nella trasformazione delle proprie economie, compresa la Cina. Per la Gran Bretagna non c’è dunque alcun dubbio sulla necessità di portare l’impegno della riduzione delle emissioni di gas serra al 30%: costerebbe all’economia solo lo 0,5% del PIL, e collocherebbe l’Europa in una posizione di leadership nelle trattative sul clima.

La posizione del governo italiano, espressa da Corrado Clini, è diversa: gli strumenti a disposizione sul piano internazionale, come il Protocollo di Kyoto, si sono dimostrati insoddisfacenti dal punto di vista dei risultati, per cui si dovranno creare nuove modalità di collaborazione internazionale. Sull’Europa, Clini lamenta la mancanza di una politica fiscale comune in materia energetica, che consentirebbe di inserire una carbon tax sui combustibili fossili. Se è vero che la Cina sta investendo molto su tecnologie ed energia verde, nota infine Clini, il reale motivo è il bisogno di differenziazione del mix energetico. Per questo gli obiettivi vincolanti di riduzione della CO2 non servirebbero.

Per Mario Gamberale, di Kyoto Club, in Italia ciò che manca per facilitare la transizione e l’innovazione è un’alleanza tra Stato, industria e associazioni. “Cento chilometri quadrati nel Sahara ricevono, come irraggiamento, l’energia necessaria all’Europa, trecento potrebbero essere sufficienti per il Pianeta”. Sergio Andreis sottolinea invece come andrebbe sfruttato il potenziale di riduzione dei consumi: con interventi di efficienza energetica, si potrebbero ridurre i consumi del 30%.

A Francesco Starace, Chief Executive Officer di Enel Green Power, spetta illustrare il panorama sulle energie rinnovabili dal punto di vista di un’azienda che è grande tra le piccole: “è la bellezza di questo mercato”, la presenza di molti operatori. L’innovazione, dice, passa attraverso due strade: la ricerca di nuovi componenti e la scoperta di nuove modalità di utilizzo. Proprio quest’ultimo fattore è stato la chiave per l’impianto “Archimede”, in Sicilia, che combina solare termico a concentrazione e geotermia, producendo 9,7 GWh l’anno.

Il clima del meeting è cordiale, ma le differenze d’impostazione tra i due Paesi sono evidenti: da una parte una Gran Bretagna con una continuità di politica climatica e una strategia di lungo periodo, al di là del colore politico del governo; dall’altra un’Italia con iniziative positive e grandi potenzialità imprenditoriali, ma sprovvista di un quadro politico di lungo periodo.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende