Home » Cinemambiente »Eventi »Recensioni » “Last Call”: a Cinemambiente l’ultima chiamata per il Pianeta Terra:

“Last Call”: a Cinemambiente l’ultima chiamata per il Pianeta Terra

giugno 2, 2013 Cinemambiente, Eventi, Recensioni

La seconda serata del Festival Cinemambiente di Torino si apre con l’anteprima di Last Call di Enrico Cerasuolo, documentario dedicato al più visionario, controverso e sconvolgente bestseller ambientale mai pubblicato: il rapporto su “I limiti dello sviluppo” del 1972.

Presentare il film proprio a Torino ha anche un forte valore simbolico, non solo perché qui è stato interamente ideato e prodotto ma, “soprattutto perché parte dall’intuizione di un grande torinese un po’ dimenticato, l’economista Aerelio Peccei – come ricorda Luca Mercalli, ispiratore e consulente scientifico della pellicola – che io ipotizzo abbia conosciuto durante i suoi viaggi un altro economista dissidente come Kenneth Boulding, autore del famoso aforisma: ”Chiunque pensi che una crescita esponenziale sia possibile in un mondo finito o è un pazzo, o è un economista“. Era il 1976, due anni dopo Peccei fondò il Club di Roma, un gruppo di riflessione sul fatto che il boom economico degli anni sessanta non sarebbe potuto andare avanti all’infinito”.

Alla proiezione, oltre all’assessore all’Ambiente del Comune di Torino Enzo Lavolta, era presente il ministro dell’Ambiente Andrea Orlando, che ha ricordato con la sua presenza non solo le difficoltà che incontra la politica nell’affrontare queste macro-tematiche, ma anche l’importanza di festival come Cinemambiente, perché “il cinema ci ha raccontato un paese che cambiava. Ci ha fatto anche migliorare. Quando ha smesso di farlo ed è involuto in una sfera più intimistica, forse ci ha reso tutti peggiori. Oggi se vogliamo affrontare le grandi sfide che abbiamo davanti, abbiamo bisogno di un cinema che racconti storie e di questa consapevolezza diffusa del cinema come veicolo per metter in comunicazione scienza, politica e cultura, di un’esperienza come questa di Torino che sostiene chi si occupa di queste tematiche”.

Il film racconta in maniera suggestiva e avvincente come sull’onda ispiratrice della visione umanista di Aurelio Peccei il Club di Roma chiese ad un gruppo di giovani del MIT (Massachusetts Institute of Technology) di trovare le evidenze scientifiche per verificare le proprie supposizioni. Attraverso filmati d’epoca, interviste inedite ai protagonisti ancora in vita e a coloro che collaborarono con loro al progetto, il film ripercorre le tappe che portarono alla redazione de “I Limiti dello Sviluppo” e le difficoltà che gli autori Donella H. Meadows, Dennis L. Meadows, Jorgen Randers e William W. Behrens III affrontarono e affrontano ancora oggi, nella loro opera di divulgazione.

E’ il regista Enrico Cerasuolo a rivelare a fine proiezione la sua riluttanza iniziale nel girare questo film: “Avevo paura di fare un film deprimente, che frustrasse per l’impotenza davanti all’urgenza della tematica. Spero di aver girato invece un film che non lasci depressi, ma che sia una chiamata all’azione”, naturalmente lasciata non solo all’iniziativa personale del singolo individuo, come le esperienze di vita dei protagonisti del film ci insegnano, ma anche a coloro che hanno il potere di cambiare realmente le cose. L’ultima chiamata è infatti rivolta in particolare anche alle persone che la collettività ha delegato a programmare il nostro futuro in un’ottica di lungo periodo e non di breve respiro (come una legislatura o un incarico politico), come l’urgenza e l’orizzonte temporale molto ampio del tema richiede e come il messaggio de “I limiti dello sviluppo” ci insegna.

La serata si è chiusa con una nota di polemica, quando Luca Mercalli durante il dibattito finale, ha ricordato che coloro che avrebbero dovuto vedere il film, i rappresentanti delle istituzioni e in primis il ministro, se ne erano andati prima dell’inizio della proiezione. Polemica che il direttore del Festival Gaetano Capizzi, ha cercato di smorzare ricordando l’importante testimonianza della presenza del ministro Orlando al festival e il fatto che “si è impegnato a far vedere il film in Parlamento”. Speriamo che serva, perché questa per noi e per il pianeta è l’ultima chiamata, “The Last Call”.

Alessio Sciurpa

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende