Home » Agenda »Eventi » Le “green actions” di Paratissima:

Le “green actions” di Paratissima

novembre 5, 2009 Agenda, Eventi

Green-ActionPer il quinto anno consecutivo torna, nel calendario Contemporary Art Torino Piemonte, la kermesse Paratissima, mostra collettiva dedicata a giovani artisti e creativi in cerca di una vetrina promozionale. L’evento ha moltiplicato in maniera esponenziale i suoi numeri: dai 7 artisti esposti in un appartamento del centro di Torino e i suoi 300 visitatori del 2005, alla colonizzazione da parte di 400 giovani espositori di un intero quartiere, San Salvario, per tre giorni e tre notti consecutivi.

Paratissima 5.2 è un evento all’avanguardia anche per quel che riguarda l’attenzione e la tutela dell’ambiente. E’infatti la prima manifestazione d’arte che si è preoccupata di gestire l’intera organizzazione e l’allestimento seguendo criteri “verdi”, e rivolgendo particolare attenzione alle risorse naturali. In collaborazione con B+, BeLCA studio e GiustiEventi, il gruppo Para, organizzatore dell’evento, ha attuato una serie di concrete azioni di sostenibilità ambientale.

Grazie alla collaborazione con GamEdit,  litografia a basso impatto ambientale, 20.000 mappe, 200 locandine e 7.000  volantini sono stati stampati con procedimento Eco-Offset, un procedimento di stampa che utilizza impianti alimentati da energia rinnovabile e in cui si privilegiano carte riciclate e/o certificate scegliendo inchiostri e solventi meno inquinanti. Fondamentale anche la politica di riduzione degli sprechi e degli scarti, che prevede imballi tradizionali sostituiti con quelli riciclati e la consegna effettuata con mezzi ecologici.

Para Green è invece un’azione green diretta di “compensazione forestale”, per “rimediare” al dispendio di risorse naturali, per quanto contenute, messe in opera dall’evento di Paratissima 2009.  La compensazione avverrà attraverso la piantumazione (nazionale) di specie arboree, arbustive ed officinali in località Corte – Badu ‘e Orane (NU) presso l’azienda agricola “Massajos”. L’intervento prevede la messa a dimora di specie adattate all’ecosistema locale quali corbezzolo, quercia da sughero, leccio, mirto, olivastro, rosmarino ed altre officinali aromatiche. Un’azione dunque che non solo mira alla compensazione dell’inquinamento prodotto, ma volta a sostenere gli sforzi di un’azienda biologica ad indirizzo orticolo che propone attività di fattoria didattica e commercializza il proprio prodotto tramite filiera corta.

Non paghi gli organizzatori si sono rivolti ai protagonisti dell’evento, gli artisti, invitandoli con alcuni consigli/raccomandazioni a gestire al meglio la propria partecipazione all’evento in maniera sostenibile: è stata richiesta, ad esempio, la condivisione di mezzi per raggiungere le sedi espositive, o la scelta preferenziale di mezzi pubblici o, meglio ancora, “naturali” come la bicicletta. E’ stata promossa la collaborazione tra artista e location espositiva per la gestione corretta della raccolta differenziata. Infine, per garantire un utilizzo più efficiente dell’energia elettrica, anche l’allestimento delle opere è stato passato al vaglio, prediligendo faretti a led o lampadine fluorescenti, ed evitando che la luce non venisse dispersa nell’ambiente, ma diretta attentamente sull’obiettivo desiderato.

La reazione degli artisti? Non sono stati da meno… Molti di loro hanno realizzato opere, performance e installazioni a basso impatto ambientale o con materiali di recupero. RE-USE, RE-CYCLE, REWALL promossa da Giusti Eventi è la realizzazione e l’abbattimento di un MAUER artistico: ogni artista avrà a disposizione una scatola di cartone da personalizzare artisticamente, con scritte, dipinti, foto, collage, disegni. Le scatole saranno assemblate una con l’altra a partire da sabato 7 novembre alle 21 in piazza Madama Cristina, iniziando così la costruzione di un “muro artistico” di moduli di cartone riciclato, lungo circa 16 metri, alto 2, che si concluderà entro la serata. Il pubblico avrà a disposizione decine di scatole da personalizzare sul momento, contribuendo attivamente alla creazione dell’opera d’arte. Domenica 8, in chiusura dell’evento, sarà un rappresentante delle istituzioni cittadine a staccare la prima scatola artistica, iniziando così l’abbattimento del muro, a celebrazione del ventennale della caduta del Muro di Berlino. Dal quel momento, ogni abitante del quartiere, ogni partecipante alla mostra, ogni persona che desideri conservare un pezzo di Paratissima 5.2, avrà la possibilità di portarsi a casa un pezzo dell’opera, che verrà completamente abbattuta entro la fine dell’evento, senza diventare, a sua volta, ingombrante rifiuto.

L’Associazione Bazura, nata per promuovere la cultura dell’autoproduzione e del consumo critico attraverso iniziative legate al mondo dell’arte e della formazione e che da anni si occupa di recuperare qualsiasi oggetto definito “immondizia” (bazura), vestiti, plastica, oggetti di arredo, giocattoli, ecc.  sarà presente a Paratissima 5.2 con una mostra fotografica nello spazio Share the Road in via Silvio Pellico.

ECO.CO.ART (pseudonimo di due giovanissimi laureati in Architettura e Ecodesign) sarà invece presente in via Madama Cristina 8. L’ arte dinamica ed evanescente di Martina e Matteo realizza, attraverso l’uso di materiali naturali e deperibili, “opere che evolvono nel tempo come esseri viventi – e quindi destinate a scomparire”. Presso Studio Ata di via Belfiore 36, troviamo invece raggruppati artisti accomunati dall’imperativo del green thinking: c’è Raffaella, che riflette e fa riflettere sul rifiuto organico domestico, Giancarlo, che con i suoi lavori cerca una contaminazione estetica tra pittura, stampa digitale e riciclo, Monica, che dona nuova vita a vestiti usati ancora in buone condizioni, Marco e Laura, che realizzano borse, portafogli e cinture dalle camere d’aria bucate delle biciclette, Luca e Valentina, che riciclano tappi e gabbiotti dello spumante per creare bijoux…

Infine, in via Sant’Anselmo 4, un veterano del re-cycling, Bruno Petronzi, nel cui manifesto (“ogni mia creazione cerca di rivalutare oggetti che il rapido procedere del consumismo ha fatto vivere per breve tempo, riproponendoli in un contesto diverso da quello per i quali erano stati progettati, cercando di arricchirli di una certa eleganza ed equilibrio tra passato e presente”) trova la sua espressione più genuina il Para-pensiero.

Paratissima 5.2. avrà luogo nelle vie di San Salvario dal 6 novembre all’8 novembre 2009, venerdì 6 dalle 15.30 alle 24.00, sabato 7 dalle 10.00 alle 24.00 e domenica 8 dalle 15.00 alle 19.00.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende