Home » Agenda »Eventi » Le “green actions” di Paratissima:

Le “green actions” di Paratissima

novembre 5, 2009 Agenda, Eventi

Green-ActionPer il quinto anno consecutivo torna, nel calendario Contemporary Art Torino Piemonte, la kermesse Paratissima, mostra collettiva dedicata a giovani artisti e creativi in cerca di una vetrina promozionale. L’evento ha moltiplicato in maniera esponenziale i suoi numeri: dai 7 artisti esposti in un appartamento del centro di Torino e i suoi 300 visitatori del 2005, alla colonizzazione da parte di 400 giovani espositori di un intero quartiere, San Salvario, per tre giorni e tre notti consecutivi.

Paratissima 5.2 è un evento all’avanguardia anche per quel che riguarda l’attenzione e la tutela dell’ambiente. E’infatti la prima manifestazione d’arte che si è preoccupata di gestire l’intera organizzazione e l’allestimento seguendo criteri “verdi”, e rivolgendo particolare attenzione alle risorse naturali. In collaborazione con B+, BeLCA studio e GiustiEventi, il gruppo Para, organizzatore dell’evento, ha attuato una serie di concrete azioni di sostenibilità ambientale.

Grazie alla collaborazione con GamEdit,  litografia a basso impatto ambientale, 20.000 mappe, 200 locandine e 7.000  volantini sono stati stampati con procedimento Eco-Offset, un procedimento di stampa che utilizza impianti alimentati da energia rinnovabile e in cui si privilegiano carte riciclate e/o certificate scegliendo inchiostri e solventi meno inquinanti. Fondamentale anche la politica di riduzione degli sprechi e degli scarti, che prevede imballi tradizionali sostituiti con quelli riciclati e la consegna effettuata con mezzi ecologici.

Para Green è invece un’azione green diretta di “compensazione forestale”, per “rimediare” al dispendio di risorse naturali, per quanto contenute, messe in opera dall’evento di Paratissima 2009.  La compensazione avverrà attraverso la piantumazione (nazionale) di specie arboree, arbustive ed officinali in località Corte – Badu ‘e Orane (NU) presso l’azienda agricola “Massajos”. L’intervento prevede la messa a dimora di specie adattate all’ecosistema locale quali corbezzolo, quercia da sughero, leccio, mirto, olivastro, rosmarino ed altre officinali aromatiche. Un’azione dunque che non solo mira alla compensazione dell’inquinamento prodotto, ma volta a sostenere gli sforzi di un’azienda biologica ad indirizzo orticolo che propone attività di fattoria didattica e commercializza il proprio prodotto tramite filiera corta.

Non paghi gli organizzatori si sono rivolti ai protagonisti dell’evento, gli artisti, invitandoli con alcuni consigli/raccomandazioni a gestire al meglio la propria partecipazione all’evento in maniera sostenibile: è stata richiesta, ad esempio, la condivisione di mezzi per raggiungere le sedi espositive, o la scelta preferenziale di mezzi pubblici o, meglio ancora, “naturali” come la bicicletta. E’ stata promossa la collaborazione tra artista e location espositiva per la gestione corretta della raccolta differenziata. Infine, per garantire un utilizzo più efficiente dell’energia elettrica, anche l’allestimento delle opere è stato passato al vaglio, prediligendo faretti a led o lampadine fluorescenti, ed evitando che la luce non venisse dispersa nell’ambiente, ma diretta attentamente sull’obiettivo desiderato.

La reazione degli artisti? Non sono stati da meno… Molti di loro hanno realizzato opere, performance e installazioni a basso impatto ambientale o con materiali di recupero. RE-USE, RE-CYCLE, REWALL promossa da Giusti Eventi è la realizzazione e l’abbattimento di un MAUER artistico: ogni artista avrà a disposizione una scatola di cartone da personalizzare artisticamente, con scritte, dipinti, foto, collage, disegni. Le scatole saranno assemblate una con l’altra a partire da sabato 7 novembre alle 21 in piazza Madama Cristina, iniziando così la costruzione di un “muro artistico” di moduli di cartone riciclato, lungo circa 16 metri, alto 2, che si concluderà entro la serata. Il pubblico avrà a disposizione decine di scatole da personalizzare sul momento, contribuendo attivamente alla creazione dell’opera d’arte. Domenica 8, in chiusura dell’evento, sarà un rappresentante delle istituzioni cittadine a staccare la prima scatola artistica, iniziando così l’abbattimento del muro, a celebrazione del ventennale della caduta del Muro di Berlino. Dal quel momento, ogni abitante del quartiere, ogni partecipante alla mostra, ogni persona che desideri conservare un pezzo di Paratissima 5.2, avrà la possibilità di portarsi a casa un pezzo dell’opera, che verrà completamente abbattuta entro la fine dell’evento, senza diventare, a sua volta, ingombrante rifiuto.

L’Associazione Bazura, nata per promuovere la cultura dell’autoproduzione e del consumo critico attraverso iniziative legate al mondo dell’arte e della formazione e che da anni si occupa di recuperare qualsiasi oggetto definito “immondizia” (bazura), vestiti, plastica, oggetti di arredo, giocattoli, ecc.  sarà presente a Paratissima 5.2 con una mostra fotografica nello spazio Share the Road in via Silvio Pellico.

ECO.CO.ART (pseudonimo di due giovanissimi laureati in Architettura e Ecodesign) sarà invece presente in via Madama Cristina 8. L’ arte dinamica ed evanescente di Martina e Matteo realizza, attraverso l’uso di materiali naturali e deperibili, “opere che evolvono nel tempo come esseri viventi – e quindi destinate a scomparire”. Presso Studio Ata di via Belfiore 36, troviamo invece raggruppati artisti accomunati dall’imperativo del green thinking: c’è Raffaella, che riflette e fa riflettere sul rifiuto organico domestico, Giancarlo, che con i suoi lavori cerca una contaminazione estetica tra pittura, stampa digitale e riciclo, Monica, che dona nuova vita a vestiti usati ancora in buone condizioni, Marco e Laura, che realizzano borse, portafogli e cinture dalle camere d’aria bucate delle biciclette, Luca e Valentina, che riciclano tappi e gabbiotti dello spumante per creare bijoux…

Infine, in via Sant’Anselmo 4, un veterano del re-cycling, Bruno Petronzi, nel cui manifesto (“ogni mia creazione cerca di rivalutare oggetti che il rapido procedere del consumismo ha fatto vivere per breve tempo, riproponendoli in un contesto diverso da quello per i quali erano stati progettati, cercando di arricchirli di una certa eleganza ed equilibrio tra passato e presente”) trova la sua espressione più genuina il Para-pensiero.

Paratissima 5.2. avrà luogo nelle vie di San Salvario dal 6 novembre all’8 novembre 2009, venerdì 6 dalle 15.30 alle 24.00, sabato 7 dalle 10.00 alle 24.00 e domenica 8 dalle 15.00 alle 19.00.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende