Home » Eventi » Le Olimpiadi invernali più verdi della storia:

Le Olimpiadi invernali più verdi della storia

febbraio 8, 2010 Eventi

Inukshuk, Vancouver, Courtesy of VanocNon pensate alle immagini – apparse nei giorni scorsi – dei camion che trasportano la neve nei siti olimpici, per sopperire alle scarse nevicate. Le XXI Olimpiadi invernali, che inaugureranno a Vancouver, in Canada, venerdì 12 febbraio, con l’accensione della Torcia olimpica, potrebbero essere i giochi olimpici (invernali) più “verdi” della storia, per altre ragioni.

Il Comitato Organizzatore (VANOC) si è infatti impegnato, sin dalla candidatura vinta nel 2003, a promuovere Giochi Olimpici e Paralimpici all’insegna della sostenibilità economica, sociale e soprattutto ambientale.

Gli sport invernali, tipicamente, dipendono dalle condizioni della neve e del ghiaccio: è naturale pertanto che gli organizzatori siano particolarmente sensibili a effetti dei cambiamenti climatici quali la diminuizione delle precipitazioni nevose e a condizioni atmosferiche che variano sempre più velocemente e imprevedibilmente.

Al contempo, un evento di tale portata causa un movimento enorme di beni e persone (atleti, spettatori, giornalisti), che viaggiano da tutto il mondo – per non parlare dell’impatto causato dalla costruzione degli impianti, la produzione della neve artificiale, il riscaldamento delle varie sedi eccetera.

Le emissioni di CO2 dei XXI Giochi Olimpici invernali nel tempo

Le emissioni di CO2 dei XXI Giochi Olimpici invernali nel tempo

A partire dal 2007 il Comitato Organizzatore – primo caso nella storia delle Olimpiadi – ha condotto indagini approfondite su quali (e soprattutto quante) avrebbero potuto essere le emissioni (dirette e indirette) di gas a effetto serra prodotte a partire dal 2003. Secondo la previsione più recente, risalente a luglio 2009, i Giochi dovrebbero produrre oltre 267 mila tonnellate di anidride carbonica, circa metà delle quali provenienti dagli spostamenti degli spettatori. La Torcia olimpica, da sola, si è calcolato che abbia un’impronta carbonica pari a circa 3000 tonnellate.

Il VANOC si è impegnato, da subito, a ridurre al minimo – in maniera preventiva – tutte le emissioni nocive, compiendo scelte oculate circa i luoghi in cui costruire gli impianti, i materiali impiegati, i mezzi di trasporto (e addirittura le tecniche di guida degli stessi), l’approvigionamento energetico, i metodi di riscaldamento e la gestione del lavoro organizzativo.

In seguito, per tutte le emissioni che sarebbe stato impossibile ridurre ulteriormente, il Comitato di Vancouver ha poi stipulato un accordo con l’agenzia canadese Offsetters, che si occupa di neutralizzare le emissioni residue grazie a progetti che utilizzano fonti rinnovabili (biomasse, idrogeno), interventi di risparmio energetico e di riforestazione – anche fuori dal Canada.

Pertanto, in attesa dell’inaugurazione di venerdì 12, buone Olimpiadi “verdi” a tutti – e se non andrete a Vancouver ma vi godrete l’evento in televisione, ricordatevi di spegnerla ogni volta – visto il fuso orario e visto che anche il più piccolo gesto conta…

Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende