Home » Eventi »Internazionali »Nazionali »Politiche » LED Forum: a Torino si cerca la ricetta “glocal” per lo sviluppo sostenibile mondiale:

LED Forum: a Torino si cerca la ricetta “glocal” per lo sviluppo sostenibile mondiale

Il 28 settembre scorso, a New York, i rappresentanti dei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite hanno approvato i 17 Obiettivi per lo sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals): una specie di bussola che dovrebbe guidare gli Stati da qui al 2030, dopo i Millennium Development Goals del periodo 2000-2015. Ma se al Sustainable Development Summit, com’è naturale, a rappresentare le nazioni c’erano presidenti e primi ministri, un ruolo chiave per raggiungere i traguardi fissati dall’ONU per i prossimi 15 anni lo giocheranno gli enti locali: saranno sindaci e amministratori di province, regioni, contee e aree metropolitane a decidere come sostenere lo sviluppo di un territorio, attuare nel concreto misure governative e amministrare i finanziamenti pubblici nazionali e internazionali.

Per questo, mentre ancora ci si confronta sull’efficacia e la raggiungibilità dei Sustainable Development Goals, il 3° Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale (LED), che si è aperto ieri a Torino, rappresenta unimportante occasione di confronto sul futuro dei territori. Organizzato da una serie di istituzioni nazionali e internazionali in collaborazione con il Programma per lo Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) e l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), l’evento ospiterà il segretario dell’ONU Ban Ki Moon e numerosi sindaci di città di tutto il mondo, da Barcellona a San Pietroburgo, da Belo Horizonte a Maputo, da Betlemme a Calgary, da Santa Fe a Strasburgo, da Dakar a La Paz.

“Gli obiettivi e le sfide più importanti dell’Agenda per lo Sviluppo post-2015 dipendono dall’azione locale. Un piano di sviluppo locale integrato e inclusivo, che coinvolga tutti gli attori, è uno strumento essenziale per la promozione della credibilità e dell’integrazione delle tre dimensioni dello sviluppo: sociale, economico e ambientale”, dice chiaramente Helen Clark, funzionario di UNDP. Tra gli obiettivi da raggiungere entro il 2030, messi a punto dopo un lungo e ampio confronto con la società civile, trovano spazio, insieme a sicurezza alimentare, uguaglianza di genere, equità e salute, anche molti target legati direttamente all’ambiente, come la disponibilità e la gestione sostenibile delle risorse idriche, la messa in atto di modelli di consumo e sviluppo sostenibile, la gestione responsabile degli oceani e delle foreste, la lotta alla desertificazione, ai cambiamenti climatici e alla perdita di biodiversità.

Argomenti di cui si parlerà anche in questi quattro giorni del Forum a Torino, il cui programma prevede tre aree tematiche principali: competitività regionale e innovazione per uno sviluppo più sostenibile ed inclusivo, generazione di occupazione attraverso la crescita locale inclusiva, urbanizzazione sostenibile. “Sono tante le storie che sarà possibile ascoltare a Torino dalle voci dei diretti interessati. Tra esse, quella degli Indios di Roraima (Brasile) e di Fratel Carlo Zaquini – missionario della Consolata, da quarant’anni tra gli Yanomami, forse il popolo più primitivo della terra – che racconteranno i soprusi e le violenze subite e l’emergenza ambientale nel loro territorio, dando particolare rilievo ai diritti umani e all’identità culturale. La Rete dei Cartoneros dell’America Latina stipulerà sotto la Mole la carta dei diritti a loro dedicata. Una storia tutta piemontese è quella che riguarderà, invece, la circolazione dei primi pulmini a biometano, che saranno utilizzati durante i giorni del Forum: si tratta del primo esempio di trasporto pubblico a biogas”, spiegano gli organizzatori dell’evento.

Storie di sviluppo locale non mancheranno neanche al Forum “OFF”, l’agenda di side events parte del programma ufficiale. Il quinto Workshop Nazionale IMAGE (Incontri sul Management della Green Economy), il 16 ottobre al Circolo dei Lettori, sarà dedicato all’importanza dell’ecoturismo proprio come strumento di sviluppo economico locale. In un panel sulla sharing economy come motore di cambiamento urbano sarà invece presentata la start up Youpony, una piattaforma di annunci che aggrega domanda e offerta di spedizioni e consegne locali, nazionali e internazionali.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende