Home » Eventi »Internazionali »Nazionali »Politiche » LED Forum: a Torino si cerca la ricetta “glocal” per lo sviluppo sostenibile mondiale:

LED Forum: a Torino si cerca la ricetta “glocal” per lo sviluppo sostenibile mondiale

Il 28 settembre scorso, a New York, i rappresentanti dei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite hanno approvato i 17 Obiettivi per lo sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals): una specie di bussola che dovrebbe guidare gli Stati da qui al 2030, dopo i Millennium Development Goals del periodo 2000-2015. Ma se al Sustainable Development Summit, com’è naturale, a rappresentare le nazioni c’erano presidenti e primi ministri, un ruolo chiave per raggiungere i traguardi fissati dall’ONU per i prossimi 15 anni lo giocheranno gli enti locali: saranno sindaci e amministratori di province, regioni, contee e aree metropolitane a decidere come sostenere lo sviluppo di un territorio, attuare nel concreto misure governative e amministrare i finanziamenti pubblici nazionali e internazionali.

Per questo, mentre ancora ci si confronta sull’efficacia e la raggiungibilità dei Sustainable Development Goals, il 3° Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale (LED), che si è aperto ieri a Torino, rappresenta unimportante occasione di confronto sul futuro dei territori. Organizzato da una serie di istituzioni nazionali e internazionali in collaborazione con il Programma per lo Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) e l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), l’evento ospiterà il segretario dell’ONU Ban Ki Moon e numerosi sindaci di città di tutto il mondo, da Barcellona a San Pietroburgo, da Belo Horizonte a Maputo, da Betlemme a Calgary, da Santa Fe a Strasburgo, da Dakar a La Paz.

“Gli obiettivi e le sfide più importanti dell’Agenda per lo Sviluppo post-2015 dipendono dall’azione locale. Un piano di sviluppo locale integrato e inclusivo, che coinvolga tutti gli attori, è uno strumento essenziale per la promozione della credibilità e dell’integrazione delle tre dimensioni dello sviluppo: sociale, economico e ambientale”, dice chiaramente Helen Clark, funzionario di UNDP. Tra gli obiettivi da raggiungere entro il 2030, messi a punto dopo un lungo e ampio confronto con la società civile, trovano spazio, insieme a sicurezza alimentare, uguaglianza di genere, equità e salute, anche molti target legati direttamente all’ambiente, come la disponibilità e la gestione sostenibile delle risorse idriche, la messa in atto di modelli di consumo e sviluppo sostenibile, la gestione responsabile degli oceani e delle foreste, la lotta alla desertificazione, ai cambiamenti climatici e alla perdita di biodiversità.

Argomenti di cui si parlerà anche in questi quattro giorni del Forum a Torino, il cui programma prevede tre aree tematiche principali: competitività regionale e innovazione per uno sviluppo più sostenibile ed inclusivo, generazione di occupazione attraverso la crescita locale inclusiva, urbanizzazione sostenibile. “Sono tante le storie che sarà possibile ascoltare a Torino dalle voci dei diretti interessati. Tra esse, quella degli Indios di Roraima (Brasile) e di Fratel Carlo Zaquini – missionario della Consolata, da quarant’anni tra gli Yanomami, forse il popolo più primitivo della terra – che racconteranno i soprusi e le violenze subite e l’emergenza ambientale nel loro territorio, dando particolare rilievo ai diritti umani e all’identità culturale. La Rete dei Cartoneros dell’America Latina stipulerà sotto la Mole la carta dei diritti a loro dedicata. Una storia tutta piemontese è quella che riguarderà, invece, la circolazione dei primi pulmini a biometano, che saranno utilizzati durante i giorni del Forum: si tratta del primo esempio di trasporto pubblico a biogas”, spiegano gli organizzatori dell’evento.

Storie di sviluppo locale non mancheranno neanche al Forum “OFF”, l’agenda di side events parte del programma ufficiale. Il quinto Workshop Nazionale IMAGE (Incontri sul Management della Green Economy), il 16 ottobre al Circolo dei Lettori, sarà dedicato all’importanza dell’ecoturismo proprio come strumento di sviluppo economico locale. In un panel sulla sharing economy come motore di cambiamento urbano sarà invece presentata la start up Youpony, una piattaforma di annunci che aggrega domanda e offerta di spedizioni e consegne locali, nazionali e internazionali.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende