Home » Eventi »Internazionali »Nazionali »Politiche » LED Forum: a Torino si cerca la ricetta “glocal” per lo sviluppo sostenibile mondiale:

LED Forum: a Torino si cerca la ricetta “glocal” per lo sviluppo sostenibile mondiale

Il 28 settembre scorso, a New York, i rappresentanti dei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite hanno approvato i 17 Obiettivi per lo sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals): una specie di bussola che dovrebbe guidare gli Stati da qui al 2030, dopo i Millennium Development Goals del periodo 2000-2015. Ma se al Sustainable Development Summit, com’è naturale, a rappresentare le nazioni c’erano presidenti e primi ministri, un ruolo chiave per raggiungere i traguardi fissati dall’ONU per i prossimi 15 anni lo giocheranno gli enti locali: saranno sindaci e amministratori di province, regioni, contee e aree metropolitane a decidere come sostenere lo sviluppo di un territorio, attuare nel concreto misure governative e amministrare i finanziamenti pubblici nazionali e internazionali.

Per questo, mentre ancora ci si confronta sull’efficacia e la raggiungibilità dei Sustainable Development Goals, il 3° Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale (LED), che si è aperto ieri a Torino, rappresenta unimportante occasione di confronto sul futuro dei territori. Organizzato da una serie di istituzioni nazionali e internazionali in collaborazione con il Programma per lo Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) e l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), l’evento ospiterà il segretario dell’ONU Ban Ki Moon e numerosi sindaci di città di tutto il mondo, da Barcellona a San Pietroburgo, da Belo Horizonte a Maputo, da Betlemme a Calgary, da Santa Fe a Strasburgo, da Dakar a La Paz.

“Gli obiettivi e le sfide più importanti dell’Agenda per lo Sviluppo post-2015 dipendono dall’azione locale. Un piano di sviluppo locale integrato e inclusivo, che coinvolga tutti gli attori, è uno strumento essenziale per la promozione della credibilità e dell’integrazione delle tre dimensioni dello sviluppo: sociale, economico e ambientale”, dice chiaramente Helen Clark, funzionario di UNDP. Tra gli obiettivi da raggiungere entro il 2030, messi a punto dopo un lungo e ampio confronto con la società civile, trovano spazio, insieme a sicurezza alimentare, uguaglianza di genere, equità e salute, anche molti target legati direttamente all’ambiente, come la disponibilità e la gestione sostenibile delle risorse idriche, la messa in atto di modelli di consumo e sviluppo sostenibile, la gestione responsabile degli oceani e delle foreste, la lotta alla desertificazione, ai cambiamenti climatici e alla perdita di biodiversità.

Argomenti di cui si parlerà anche in questi quattro giorni del Forum a Torino, il cui programma prevede tre aree tematiche principali: competitività regionale e innovazione per uno sviluppo più sostenibile ed inclusivo, generazione di occupazione attraverso la crescita locale inclusiva, urbanizzazione sostenibile. “Sono tante le storie che sarà possibile ascoltare a Torino dalle voci dei diretti interessati. Tra esse, quella degli Indios di Roraima (Brasile) e di Fratel Carlo Zaquini – missionario della Consolata, da quarant’anni tra gli Yanomami, forse il popolo più primitivo della terra – che racconteranno i soprusi e le violenze subite e l’emergenza ambientale nel loro territorio, dando particolare rilievo ai diritti umani e all’identità culturale. La Rete dei Cartoneros dell’America Latina stipulerà sotto la Mole la carta dei diritti a loro dedicata. Una storia tutta piemontese è quella che riguarderà, invece, la circolazione dei primi pulmini a biometano, che saranno utilizzati durante i giorni del Forum: si tratta del primo esempio di trasporto pubblico a biogas”, spiegano gli organizzatori dell’evento.

Storie di sviluppo locale non mancheranno neanche al Forum “OFF”, l’agenda di side events parte del programma ufficiale. Il quinto Workshop Nazionale IMAGE (Incontri sul Management della Green Economy), il 16 ottobre al Circolo dei Lettori, sarà dedicato all’importanza dell’ecoturismo proprio come strumento di sviluppo economico locale. In un panel sulla sharing economy come motore di cambiamento urbano sarà invece presentata la start up Youpony, una piattaforma di annunci che aggrega domanda e offerta di spedizioni e consegne locali, nazionali e internazionali.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende