Home » Eventi »Rubriche »Top Contributors » L’impegno britannico per un’economia low carbon:

L’impegno britannico per un’economia low carbon Top Contributors

maggio 25, 2010 Eventi, Rubriche, Top Contributors

Pubblichiamo l’intervento integrale che Stephen Lowe, Primo Segretario dell’Ambasciata Britannica a Roma e Consigliere sui temi dell’Energia, dell’Ambiente e dell’Agricoltura, ha tenuto ieri a Milano in occasione del convegno “Il Nuovo Sistema Europeo di Scambio delle Quote di Emissione“, organizzato dalla Rappresentanza della Commissione Europea a Milano e dal Consolato Generale Britannico in collaborazione con la British Chamber of Commerce for Italy e l’Ufficio di Milano del Parlamento Europeo. 

La sala blu di Palazzo Stelline allestita per la conferenza del 24 05 2010Dovrei iniziare precisando che, nonostante il titolo della sessione sia “Il Nuovo Sistema Europeo di Scambio delle Quote di Emissione”, in realtà oggi non intendo dilungarmi sullo Scambio delle Quote di Emissione. Ritengo ci siano qui altri relatori più qualificati di me per parlare su questo argomento e su ciò che esso significa per le imprese: fra gli altri Matthew Farrow della Confederation of British Industry del Regno Unito, a cui do con molto piacere il benvenuto qui oggi.

Vorrei comunque cogliere quest’occasione per parlare brevemente delle priorità del nuovo governo britannico in fatto di cambiamenti climatici ed energia. E, poiché naturalmente lo Scambio delle Quote ne fa parte, tornerò sull’argomento fra pochi minuti. Immagino che molti di voi avranno seguito con interesse i cambiamenti che abbiamo visto a Londra nelle ultime settimane, ed anche che vorrete sapere cosa implicano per i cambiamenti climatici e la politica energetica del Regno Unito, soprattutto  con riferimento all’azione europea.

Giovedì scorso il nuovo  Governo di Coalizione a Londra ha pubblicato un ampio documento che illustra il Programma di Governo per tutti i settori della politica. Mi rendo conto che l’Italia è molto abituata ai governi di coalizione, ma per il Regno Unito si tratta di un’esperienza nuova, per lo meno in epoca moderna. Questo è il primo Governo di coalizione dopo la seconda guerra mondiale. Uno dei fattori positivi nel cercare di conciliare gli obiettivi politici di due partiti diversi è che adesso disponiamo di questo documento ufficiale che dovrebbe guidare la politica del Governo e dare la misura della stabilità e della certezza nel corso del prossimo quinquennio.

Un elemento ben chiaro nello sviluppo del programma del nuovo governo è il continuo impegno a combattere i cambiamenti climatici e ad affermare la leadership britannica su questo tema in Europa e nel resto del mondo, nonché il riconoscimento dei vantaggi economici insiti nel passaggio ad un’economia low-carbon. Il programma di governo dichiara che:”i cambiamenti climatici sono una delle più gravi minacce che ci sovrastano e che occorre un intervento urgente sia a livello nazionale che internazionale”.

Saprete che da qualche anno il Regno Unito è in prima linea negli appelli a favore di una leadership europea sui cambiamenti climatici e che ha fissato degli ambiziosi obiettivi nazionali che sono inseriti nella sua legge sui  Cambiamenti Climatici, la prima al mondo di questo genere. Il nuovo Governo continuerà a premere affichè la Ue dia prova di leadership e per innalzare al 30% il target europeo di riduzione delle emissioni.

Dietro alle aspirazioni espresse nelle voci del programma c’è un notevole lavoro di dettaglio che prova il costante sostegno a favore del passaggio ad un’economia low-carbon e del ruolo delle imprese in tale passaggio.

Ci sarà un continuo sostegno alle energie rinnovabili; il sostegno a progetti con energie rinnovabili creati dalle stesse collettività; un costante sostegno di energia elettrica offshore ed un incremento dell’energia prodotta con rifiuti.

Avremo continui investimenti del settore pubblico nelle tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio per quattro centrali elettriche a carbone, nonchè un indice di performance delle emissioni per impedire la costruzione di centrali elettriche a carbone se non dotate della tecnologia necessaria per conformarsi a tale indice.

Il nuovo governo ha inoltre asserito con molta chiarezza il ruolo che può essere svolto dalle imprese nella realizzazione di un’economia low carbon ed i relativi vantaggi economici. Il Primo Ministro ha indicato l’importanza di avere un’occupazione e crescita ecosostenibili e dell’avvalersi di un rilevante quota dello sviluppo delle industrie del futuro.

Lo Scambio delle Quote di Emissione ha un ruolo vitale da svolgere. Il Sistema di Scambio delle Quote di Emissione è il massimo strumento disponibile per realizzare una riduzione delle emissioni nella Ue. Il Regno Unito continua a sostenere con forza tale sistema, ed i programma di governo contiene l’impegno a continuare a premere affinchè la Ue si orienti verso l’auctioning totale dei permessi nella Fase 3 del sistema.

Una nuova economia ha bisogno di investimenti. Il Governo creerà una “Green Investment Bank”, proseguendo in tal modo l’impegno del governo precedente, per promuovere lo sviluppo delle energie rinnovabili e permettere ai singoli di investire nelle tecnologie del futuro. Incoraggeremo inoltre l’efficienza energetica nelle abitazioni, nelle aziende e nel governo – con l’impegno a ridurre del 10% le emissioni del settore statale nell’arco dei prossimi dodici mesi.

Credo che da tutte queste misure ed impegni vengano fuori in maniera molto evidente due elementi, particolarmente attinenti all’evento odierno: il ruolo dell’Europa nella lotta ai cambiamenti climatici e il ruolo delle imprese.

L’Europa è in prima linea negli sforzi internazionali volti a contrastare i cambiamenti climatici. So che molti, fra cui la comunità imprenditoriale italiana, sono convinti che l’Europa abbia fatto troppo senza un’azione commisurata da parte altrui. Ma io ritengo che, senza la leadership europea, non avremmo compiuto i progressi registrati negli ultimi dodici mesi – anche al Vertice del G8 a L’Aquila nello scorso luglio – e che non avremmo assistito al muoversi attuale di USA, Cina ed altri attori principali. Vorremmo vederli fare molto di più, e dobbiamo continuare a premere perché lo facciano, ma l’Europa non può mettersi da parte ed aspettare che altri assumano la guida. Tanto per cominciare, dobbiamo fare in modo che le nostre imprese abbiano gli strumenti migliori per trarre vantaggio dall’economia low-carbon del futuro.

Questo è stato il consenso che è emerso da Copenhagen. Nonostante alcune divergenze di vedute sui meccanismi ed i tempi, è stato ragguardevole il livello di accordo sul fatto che il futuro dovrà essere – e sarà – low-carbon. Ciò può essere realizzato soltanto mediante una collaborazione continua fra governi ed imprese mediante il ricorso alla fissazione del prezzo del carbonio ed a meccanismi come lo Scambio delle Emissioni.

Infine, desidero ringraziare la Commissione Europea per aver ospitato l’evento di oggi e per aver riunito una gamma tanto vasta ed  importante di relatori e partecipanti.

Stephen Lowe

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende