Home » Eventi »Recensioni » Malumori di un letterato impuro:

Malumori di un letterato impuro

ottobre 12, 2009 Eventi, Recensioni

Antonio Pascale, courtesy of Festival CinemambienteIn occasione del Festival Cinemambiente 2009 il Circolo dei lettori di Torino ha ospitato, nella splendida cornice di Palazzo Graneri della Roccia, un ciclo di aperitivi letterari per presentare le ultime novità editoriali in tema di ambiente.

Venerdì 9 ottobre Michele Luzzatto, biologo e editor per la saggistica scientifica di Einaudi, ha introdotto il libro di Antonio Pascale “Scienza e sentimento”, con un’ampia premessa sul (bistrattato) ruolo della cultura scientifica in Italia.

Una disputa, quella tra cultura scientifica e cultura umanistica, che risale ai tempi della famosa polemica tra Benedetto Croce ed il matematico Federico Enriques, il quale, durante il IV Congresso Internazionale di Filosofia del 1911 venne messo a tacere dall’illustre padre dell’idealismo con l’affermazione che “solo le menti universali o profonde possono davvero accedere alla cultura, ovvero alla filosofia e alla storia…agli ingegni minuti si può concedere di interessarsi all’aritmetica e alla botanica”!

Questo predominio, spiega Luzzato, non è ancora terminato. In Italia la cultura pare tuttora governata dagli umanisti, refrattari a considerare altrettanto culturale (con la “C” maiuscola) il sapere che viene dalla scienza e dai suoi rappresentanti. Anche i colti letterati, pur riconoscendo il ruolo e il valore della scienza, ritengono che su temi non scientifici gli scienziati non siano in grado di pronunciarsi, in quanto “vili meccanici” mossi solamente dal desiderio di ricerca, privi delle necessarie competenze per esprimersi in materia di etica e religione.

E’ da queste premesse che muove il libro di Pascale: combattere i pregiudizi dell’antiscientismo e trovare un dialogo tra scienza e sentimento. L’opera viene definita dall’autore “saggio personale”, un genere molto diffuso nei paesi nordici – con una nobile matrice: i dialoghi platonici. La struttura presenta tre caratteristiche principali: antiretoricità (per evitare inganni con le parole); eliminazione dell’azione drammatica a favore del ragionamento logico; assenza di insegnamenti indotti e spazio alla maieutica (l’arte di far partorire all’interlocutore la verità già insita in lui).

Il saggio parte da ragionamenti empirici, dando il via ad un esame di coscienza “per entrare in contatto con i propri cattivi umori”. E qui torniamo all’annosa querelle. I cattivi umori di Pascale nascono infatti dalla constatazione che la maggior parte degli intellettuali “puri” (gli umanisti per intenderci), pur non possedendo alcuna nozione in campo agronomico, zootecnico, chimico, biotecnologico, genetico, ecc. ostenta sicurezza ed esprime opinioni personali usando categorie come naturale (bene), artificiale (male), chimico (veleno), organico (sano), che consentono il plauso dell’opinione pubblica al prezzo della “stilizzazione” e imprecisione dei concetti utilizzati.

“L’intellettuale , soprattutto in determinate questioni che richiedono competenze scientifiche, rischia spesso di usare la tecnica del riflettore e dunque di trasformarsi in un amplificatore di consenso –  il contrario dell’analista. E’ sufficiente dichiarare di avere fiducia nelle proprie beneamate capacità si semplificazione . Tanto basta per far credere che la soluzione sia lì a portata di mano, semplice e ovvia, il progresso vicino, luminoso, e si vada sempre avanti, in linea retta senza tentennamenti. Di contro, analisi più rigorose non riescono a ottenere il giusto consenso e la dovuta attenzione, proprio perché non possiedono uno slogan a effetto o se lo possiedono non è abbastanza forte, comunque non capace di aggregare un vasto pubblico”.

Uno degli esempi preferiti da Pascale per illustrare i cattivi umori che quotidianamente turbano la sua giornata è il concetto di fragola-pesce – ovvero la spiegazione che un OGM, un organismo geneticamente modificato, è il prodotto dell’unione di due entità totalmente estranee tra loro, un vero e proprio cibo di Frankenstein. Espresso da Mario Capanna, scrittore, politico e presidente del Consiglio dei Diritti Genetici, durante la trasmissione Unomattina è stato, secondo l’autore, uno dei modi più efficaci per creare allarmismo e una diffusa imprecisione sulle biotecnologie.

Sarebbe forse più opportuno – questo il suggerimento – abolire le immagini semplificate (come quella della mostruosa fragola-pesce) e lasciare a chi è competente in materia la possibilità di spiegare le novità dello sviluppo tecnologico, argomentandole con la dovuta cura e perizia e abbandonando il falso mito del “prima era meglio”.

 “La concezione artigianale della vita è tramontata da anni, e non si può essere competenti in tutto, ma nemmeno sostenere con falso spirito naif, agli angoli delle strade, che ci stiamo allontanando da una presunta età dell’oro. Sarebbe più utile per tutti se i volontari di Greenpeace parlassero di alcune cose solo dopo averle ben studiate , amate o detestate, di modo che possano, per esempio, rispondere per le rime ai genetisti scoccianti, invece che contribuire alla stesura (all’angolo di una strada) di un imbarazzante dialogo dell’assurdo, tra un uomo moderno che si scopre preistorico e uno moderno che ha studiato bene la preistoria”.

Come avrebbe detto un precursore di Pascale: il sonno della ragione genera mostri.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende