Home » Eventi »Recensioni » “Mas-Sacre”: Stravinsky e l’industria della carne:

“Mas-Sacre”: Stravinsky e l’industria della carne

agosto 3, 2015 Eventi, Recensioni

Una delle più grandi rimozioni collettive della nostra società è il mattatoio. Non solo il luogo fisico della macellazione, relegato ai margini della città, fuori dalla vista, lontano dall’udito, occultato all’olfatto; ma anche il simbolo di un’industria alimentare di cui – per pigrizia, ipocrisia o cattiva coscienza – non si vogliono conoscere le regole.

Se il marketing, con la sua sistematica infantilizzazione della società, non fa altro che assecondare il nostro desiderio di non vedere, tocca allora sempre più spesso all’arte riportarci la realtà davanti agli occhi. E il teatro, forte di un primato di fisicità e prossimità che poche altre forme di comunicazione conoscono, può avere in questa “missione” un ruolo particolarmente incisivo.

Nel filone di denuncia del consumismo acritico che ha reso i nostri stili di vita sempre meno sostenibili (da un punto di vista sia etico che ambientale) si inserisce anche Maria Clara Villa Lobos, coreografa brasiliana di origini e belga di adozione che da alcuni anni, con la compagnia XL Production, dedica la sua ricerca artistica agli eccessi della società dei consumi. Il suo ultimo lavoro, in scena a Torino per il festival Teatro a Corte, si concentra proprio sul nodo moralmente più spinoso del sistema cibo: l’industria della carne.
Mas-Sacre, come suggerisce il titolo, prende le mosse dalla Sacre du Printemps (Sagra della Primavera) di Stravinsky. Il ritmo demoniaco della musica, la ritualità selvaggia che un secolo fa, incanalata nelle rivoluzionarie coreografie di Nijinsky, scandalizzarono i teatri di mezza Europa ritornano, ma mutati di segno. La fascinazione di Stravinsky per i riti pagani di celebrazione della Terra, l’evocazione di un mondo barbarico, primitivo, “naturale”, si ribaltano, sulla scena di Villa Lobos, in un grottesco annichilimento dei cicli naturali. I ritmi ostinati e le sarabande vorticose fanno qui da colonna sonora a una catena di montaggio (o meglio, smontaggio, per usare un’espressione di Safran Foer) in una fabbrica di pollame, a una macabra danza di animali impazziti di dolore in un mattatoio, a un’orgia di lascivi pagliacci del McDonald che blandiscono e poi divorano, non senza averla prima ben condita di ketchup, una bizzarra bambina-maiale.
Sullo sfondo, un bombardamento senza posa di video di repertorio sugli allevamenti industriali: pulcini schiacciati uno sull’altro, mucchi di scarti sanguinolenti, carcasse di animali, musi terrorizzati, occhi urlanti sofferenza. Un museo degli orrori che, malgrado la sacrosanta funzione di denuncia, risulta tuttavia “troppo” – troppo viste le immagini, eccessivo e inutilmente didascalico l’accumulo di segni – per sortire ancora qualche effetto profondo.

È invece quando la scena si asciuga, prendendosi una tregua dal flusso ininterrotto di video, che scatta l’immedesimazione e il messaggio può giungere finalmente diretto, attraverso quella fisicità e prossimità allo spettatore che, si diceva, sono il mezzo peculiare e più potente del teatro. Assuefatti ormai alle immagini dei polli in batteria, dei loro corpi senza vita sul rullo che li condurrà, ben impacchettati, a riempire il banco frigo del supermercato sotto casa, non possiamo però non provare un sussulto di pietà quando un pollo morto ce lo troviamo davanti, a pochi metri, con gli occhi chiusi e il lungo collo inerte raccolto con dignità accanto al corpo, come un cigno addormentato. Se poi quel pollo comincia a danzare e la sua schiena spiumata, con le scapole sporgenti, risulta essere incredibilmente simile a quella della ballerina lì accanto, anche lei nuda e inerme su un carrello da macelleria (o un tavolo da obitorio?), allora l’immedesimazione è compiuta.

«Quando mangiamo carne prodotta in allevamenti industriali – scriveva qualche anno fa Jonathan Safran Foer nel duro saggio -inchiesta Se niente importaviviamo, letteralmente, di corpi torturati. Sempre più, quel corpo torturato sta diventando il nostro». Non è detto che si debba scegliere la via del vegetarianesimo, ma a questo punto la consapevolezza è doverosa e l’ingenuità, tanto preziosa per il marketing, sarebbe solo cattiva coscienza.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende