Home » Eventi »Rassegna Stampa » Maturità: gli studenti preferiscono il cibo a Warhol:

Maturità: gli studenti preferiscono il cibo a Warhol

giugno 23, 2011 Eventi, Rassegna Stampa

Il cibo piace più di Andy Warhol, almeno a vedere le scelte dei temi proposti quest’anno per la Maturità. A scegliere la traccia socio-economica “Siamo quel che mangiamo?sono stati quasi il 43% degli studenti, contro il 26,4% che hanno preferito il tema sulla fama, argomento caro al grande artista della Pop Art. Segno che l’alimentazione, vuoi per il gran parlare che se ne fa sui media, vuoi per le ultime emergenze e per la crescita costante dell’agricoltura biologica, è oggi un tema attuale e affascinante.

La traccia, attraverso vari testi, propone ai maturandi i diversi aspetti dello stretto rapporto tra chi mangia e ciò che viene mangiato. In primo luogo, la stretta connessione tra cibo e salute: «Commettiamo troppi peccati di gola, trascuriamo la dieta mediterranea e gli alimenti cardine di una sana alimentazione. Pochissimi sanno davvero giudicare la salubrità di un alimento, molti si nutrono in modo disorganizzato», dice Massimo Volpe, presidente della Siprec (Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare), citato in un articolo di Adele Sarno, Repubblica. Ancora: «Secondo quanto riportato dalla rivista American Journal of Clinical Nutrition, chi mangia svolgendo altre attività, sia questa navigare in internet o sui profili degli amici su Facebook, è più propenso ad esagerare con le quantità in quanto non ha il senso delle calorie che sta realmente introducendo e inoltre ha più voglia di dolci», scrive Silvia Maglioni su Leonardo.it.

Perfetta declinazione del concetto di alimentazione salutare è la dieta mediterranea, esempio di intima comunione tra cibo, cultura e identità. «La Dieta Mediterranea è caratterizzata da un modello nutrizionale rimasto costante nel tempo e nello spazio, costituito principalmente da olio di oliva, cereali, frutta fresca o secca, e verdure, una moderata quantità di pesce, latticini e carne, e molti condimenti e spezie, il tutto accompagnato da vino o infusi, sempre in rispetto delle tradizioni di ogni comunità», si legge nel testo diffuso dall’Unesco e riportato nella traccia. Un insieme di regole alimentari che però non si ferma al cibo e coinvolge tutti gli ambiti della società: «La Dieta si fonda nel rispetto per il territorio e la biodiversità, e garantisce la conservazione e lo sviluppo delle attività tradizionali e dei mestieri collegati alla pesca e all’agricoltura nelle comunità del Mediterraneo».

Dunque, alla domanda del titolo, “Siamo quel che mangiamo?”, viene da rispondere convinti di sì. Ludwig Feuerbach, che lanciò quel concetto nel 1862, scrivendo che «l’uomo è ciò che mangia» voleva sottolineare come ci sia un legame inscindibile tra corpo e psiche. «L’energia primaria della vita è il cibo», gli fa eco, in un estratto di un articolo di Repubblica, Carlo Petrini, fondatore di Slow Food. Che da quest’idea parte per riflettere sul sistema di produzione agricola e sul valore del cibo, spesso dimenticato: «Se il cibo è energia allora dobbiamo prendere atto che l’attuale sistema di produzione alimentare è fallimentare. […] Una visione meccanicista finisce con il ridurre il valore del cibo a una mera commodity, una semplice merce. È per questo che per quanto riguarda il cibo abbiamo ormai perso la percezione della differenza tra valore e prezzo: facciamo tutti molta attenzione a quanto costa, ma non più al suo profondo significato. […] Scambiare il prezzo del cibo con il suo valore ci ha distrutto l’anima. Se il cibo è una merce non importa se lo sprechiamo».

Oltre che agli studenti alle prese con l’esame, la traccia sull’alimentazione è piaciuta anche alle associazioni che rappresentano gli agricoltori italiani. «La traccia della Maturità strettamente correlata all’agricoltura, unita alla crescita delle iscrizioni alle facoltà di Agraria, è una bella presa di coscienza del ruolo economico e sociale del nostro settore – dicono dall’Anga, l’associazione che riunisce i giovani di Confagricoltura -. La campagna italiana è antica, “naturale”, scandita da ritmi millenari, ma al tempo stesso modernissima per l’innovazione e la competizione sui mercati. Vitale è continuare a dare l’attenzione e l’importanza, nell’insegnamento, nelle riflessioni politiche e sui media ad una visione completa dell’agricoltura».

Cia e Coldiretti ne approfittano per ricordare quanto sia importante, per gli italiani, la qualità del cibo. La Confederazione italiana agricoltori coglie l’occasione per anticipare alcuni dati di una ricerca sulla sicurezza alimentare: «Dopo gli ultimi allarmi alimentari (vedi il batterio killer), oltre il 90 per cento dei nostri connazionali sono per un’alimentazione genuina e di qualità e nelle scelte prevale il prodotto Made in Italy” (91%), specialmente se tipico e tradizionale. Il 65% ritiene che il biologico sia più sicuro, l’85% è per un’etichetta chiara dove risulti soprattutto l’indicazione d’origine ». I consumatori  sono in gran parte contrati agli alimenti Ogm: «Otto italiani su dieci sono contro il cibo “biotech” soprattutto per un problema etico. Quindi, “no” a coltivazioni e animali clonati che vengono ritenuti dannosi per la salute dal 55%, mentre il 78% degli “anti-Ogm” ritiene che siano meno salutari di quelli tradizionali. L’82% dichiara, invece, di non aver mai acquistato prodotti provenienti da manipolazioni genetiche». In  linea con i dati Cia, quelli elaborati da Coldiretti su statistiche Eurobarometro: «Il 75 per cento degli italiani vede la clonazione degli animali con una preoccupazione maggiore rispetto alla media dei cittadini europei, tra i quali gli oppositori sono comunque il 65%».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende