Home » Eventi » Milano Fashion Week: la moda dimentica il “green mood” e torna alla pelliccia:

Milano Fashion Week: la moda dimentica il “green mood” e torna alla pelliccia

febbraio 29, 2012 Eventi

Sette giorni ininterrotti di eventi e preview, settantadue sfilate, sessantotto brand. Questi i numeri della Fashion Week conclusasi ieri a Milano. Dal 22 al 28 febbraio infatti nel capoluogo lombardo è andata in scena l’alta moda che, reduce dalla Fashion week newyorkese (e ora in scena a Parigi), ha fatto tappa in Italia per presentare “la donna che vedremo il prossimo inverno”.

Dopo tanta trasgressione il messaggio è quello di un ritorno alla sobrietà e al decoro; il fascino del rigore contagia tutti i grandi stilisti, da Gucci a Prada, da Fendi a Max Mara, che propongono una figura femminile in grado di mixare sapientemente dettagli aggressivi ad un fascino sexy e delicato ma mai volgare. Sulle passerelle quest’anno ha trionfato la donna intellettuale, pazza per il cinema d’antan (come quello di The Artist,premiato dagli Oscar) al quale si ispirano abiti dalle linee nette e dai dettagli scenografici sapientemente integrati ad uno stile modernista. L’ispirazione è quella di una moderna Marlene Dietrich, in grado di sedurre con uno stile “maschile al femminile” che la rende intrigante e ben si identifica nel neologismo “emancipate-chic”.

La gamba nuda scompare per lasciare il posto alla seduzione della calza velata nera, tornano in scena le scarpe a punta e le decolletè sono imprescindibili. La via di mezzo è abolita, il tacco alto diventa un must per il giorno e per la sera. Si riscoprono cappotti di loden, montgomery, cappe e mantelle fatte a poncho (da impreziosire con cintura in vita per dare risalto alle forme), che facilmente possono essere trovati anche negli armadi di famiglia  e riadattati ai tempi.

La settimana della moda milanese è stata caratterizzata da collezioni che hanno saputo amalgamare classicismo e innovazione per un risultato decisamente chic. Ma in mezzo a tanta creatività e bellezza dov’è finito il fattore green dell’ecofashion che, solo pochi mesi fa, sembrava sulla via di un’affermazione definitiva? Poche, anzi, pochissime le proposte in cui la sostenibilità sia stata tenuta in considerazione, se si esclude qualche sporadico esempio.

Tra i tessuti la pelliccia (vera) è stato purtroppo il più gettonato e declinato in buona parte delle proposte, dal total look alla semplice rifinitura. Gli animalisti sono infatti saltati in rivolta durante una delle sfilate, per portare l’attenzione sui 55 milioni di animali che ogni anno perdono il loro manto per impreziosire abiti e accessori. Quasi uniche note positive i cappotti e i cappelli in “eco-pelliccia” di Blugirl e l’iniziativa della stilista Elisabetta Franchi, che ha aderito al Fur Free Retailer Program, il progetto in collaborazione con Lav per l’abolizione della pelliccia come tessuto. Lapin, zibellino brinato, antilope, coccodrillo e pitone sembrano purtroppo tornati di prepotenza sulle passerelle, incuranti del buon esempio dato proprio in questi giorni dalle celebrities presenti agli Academy Awards che hanno in parte aderito a“The Green Carpet Challenger”, la sfida lanciata da Livia Firth, moglie dell’attore Colin, che ha proposto alle colleghe di indossare durante la notte degli Oscar abiti etici e ecosostenibili.

Che l’alta moda non sia un settore in cui si respiri, complessivamente, aria di tutela ambientale è  noto, anche se forse basterebbe ispirarsi alle idee positive che  talvolta si ha il piacere di scoprire. Come ad esempio “The Green Show”, una sorta di sfilata-satellite interamente dedicata a brand che abbiano fatto dell’eco fashion la propria bandiera e che da anni fa da contorno alla Mercedes Benz Fashion Week di New York (non priva di una certa contraddizione per l’insolito mix tra motori e sostenibilità). Forse Milano non è ancora pronta per un passo del genere. O forse tenterà di riscattarsi, proprio nei prossimi giorni, con “The Green Closet”, un progetto di collezioni con etichetta “verde”, che verrà presentato durante gli eventi in Via Tortona, a firma Pitti Immagine. L’obiettivo dichiarato è sottolineare quanto sia fondamentale, in tutti i campi della creatività e dell’impresa, ricorrere a processi di lavorazione “naturali”. Speriamo che i promotori ci credano davvero.

Ilaria Burgassi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende