Home » Eventi »Idee »Twitter »Very Important Planet » Calopresti: “un manifesto” per avvicinare il cinema all’ambiente:

Calopresti: “un manifesto” per avvicinare il cinema all’ambiente

novembre 16, 2012 Eventi, Idee, Twitter, Very Important Planet

Di lui è stato detto: “Lontano da tutto ciò che è onirico e barocco, il cinema di Calopresti è quanto di più si avvicina al cinema verità.” Mimmo Calopresti è regista di numerosi film – ricordate “La parola amore esiste”, con Fabrizio Bentivoglio e Gerard Depardieu e “L’abbuffata”? – e di intensi documentari. Ma ora si affaccia anche al mondo dell’ambientalismo, con la regia del corto di Greenpeace “Uno alla voltasul carbone e le morti maledette che ne accompagnano l’utilizzo come fonte energetica, presentato in occasione del Festival del Cinema di Roma.

D) Calopresti, all’estero si nota una grande presenza del tema clima, sia nei documentari, che in modo trasversale in alcuni film, come tema di un mondo che sta cambiando. Anche alcune produzioni stanno diventando green: nella produzione cinematografica stessa c’è una trasformazione in corso. Cosa avviene in Italia?

R) E’ una domanda molto interessante: questa è una battaglia che bisogna cominciare. Anche nel cinema italiano si dovrebbe iniziare a lavorare con una mentalità che includa l’etica ambientale al suo interno. Un esempio: sui set abbiamo una quantità enorme di bottigliette di plastica; e poi quindi abbiamo una enorme quantità di plastica abbandonata a fine giornata: questa cosa non deve succedere. Occorre individuare una responsabilità individuale e di sistema. Se entriamo in un quartiere, e raccontiamo quel quartiere, dobbiamo lasciare qualcosa in cambio, ricambiare lo sfruttamento del territorio, non si può sfruttare il territorio in eterno.

D) Secondo lei, come può essere possibile responsabilizzare il cinema italiano ad essere più rispettoso dell’ambiente?

R) Mi piacerebbe che riuscissimo a creare un manifesto del cinema sul fare cinema: produrre cinema con delle formule di attenzione all’ambiente, alla vita delle persone, etc. Un piccolo manifesto su come comportarsi, perché penso che sia necessario che ci sia una responsabilità individuale sul tema dell’ambiente, sul tema della salvaguardia e l’attenzione alla vita delle persone. Perché la base della vita è nei drammi di tutti i giorni: quindi clima, vita delle persone, territorio da difendere. Cominciare a difenderlo mentre lavoriamo sarebbe già un passo avanti. E’ un’idea che io cercherò di lanciare e che potrebbe obbligare le produzioni a lavorare in maniera più rispettosa dell’ambiente. Si potrebbe partire dalle film commission, dai finanziamenti alle produzioni, che dovrebbero in cambio agire in maniera ecologica. Sarebbe un passo veramente molto importante per il nostro cinema, che può vincere questa battaglia, anche se non è semplice.

D) Prima di girare il corto con Greenpeace, con Alessandro Haber, aveva avuto esperienze precedenti di documentari sull’ambiente?

R) No, non avevo esperienze precedenti nel raccontare l’ambiente. Avevo collaborato con associazioni che si occupano di questioni sociali come di razzismo per esempio, ma è la prima esperienza sull’ambiente. Mi piace pensare che faccio un lavoro che può permettersi di occuparsi degli altri o di altro. In questo caso di clima, che è una cosa di cui ci dobbiamo occupare con grande attenzione.

D) Nella scelta delle location e dei set normalmente si presta attenzione all’ambiente?

R) Al momento c’è poca coscienza e poca voglia di occuparsi di queste cose; molta fretta di lavorare, molta economia, come sempre l’economia spinge tutto. Per fare in fretta e spendere meno alcune volte si calpestano i diritti degli altri, l’ambiente, etc.

D) Da adesso in poi, starà dunque “attento” all’ambiente?

R) Starò attento, promesso!

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende