Home » Eventi »Idee » New Alliance PAV: anche i fiori possono fare politica:

New Alliance PAV: anche i fiori possono fare politica

settembre 19, 2012 Eventi, Idee

Probabilmente se pensiamo a qualcosa di precario e temporaneo andiamo subito con la mente a un fiore, a una piccola pianta. Oppure – più pragmatici e arrabbiati – ci concentriamo sul lavoro o l’instabile condizione che in molti viviamo nell’epoca della grande crisi economica. Quello che conta è che una cosa non esclude l’altra.

Almeno così sono convinti i componenti di un gruppo di artisti, attivisti, agronomi e membri del PAV, il Parco d’Arte Vivente di Torino, che propongono una “nuova alleanza” fra piante e persone, unite dalle stessa situazione di precarietà e dalla stessa voglia di uscirne.

Il progetto artistico-politico si chiama appunto New Alliance e verrà presentato giovedì 20 settembre al PAV con l’inaugurazione della mostra dedicata (aperta fino al 21 ottobre). “Piante e spazi verdi urbani sono spesso a rischio di sopravvivenza – spiega Orietta Brombin, curatrice della mostra e del workshop collegato – così come lo sono gli spazi sociali e culturali. Abbiamo voluto far collaborare i due ambienti”.

Il collettivo si è quindi messo a studiare una strategia per dare corpo a questa intuizione. Un processo lungo (“durato sedici mesi”), che ha portato a scegliere una pianta che potesse colonizzare spicchi di città, proteggerli dal degrado e a sua volta farsi proteggere dai cittadini. “Alla fine abbiamo optato per la Catanche Caerulea, conosciuta anche come dardi di Cupido perché si dice venisse usata per preparare filtri d’amore”.

Alta non più di ottanta centimetri, ha bei fiori azzurri ed è abituata a crescere su terreni calcarei ma anche fra rovine e macerie. Adattissima quindi a ritagliarsi uno spazio in quartieri in disgregazione. “Ma soprattutto – spiega ancora Brombin – è una pianta che la legislazione regionale definisce a protezione assoluta: non si può tagliare, né spostare, né ci si può costruire attorno, anche se le sanzioni per i trasgressori al momento sono ancora lievi”. Gli spazi pubblici che ospitano la Catanche Caerulea hanno quindi la stessa protezione legale che salvaguarda le piante a rischio d’estinzione, mettendo tutti al riparo “dai tentativi di sfruttamento e dalle logiche del profitto”.

Tutto questo verrà raccontato nella mostra che inaugura giovedì, anche per mezzo di un’intervista a Steve Kurtz del Collettivo CAE (Critical Art Ensemble), gruppo statunitense che ha ispirato lo staff del PAV e lo ha aiutato nella realizzazione del progetto. Ma la mostra da sola avrebbe avuto poco senso, era necessario passare all’azione.

Così Orietta Brombin e i collaboratori hanno organizzato un workshop per domenica 23 settembre: “Durante le fasi preparatorie abbiamo esplorato Torino per scegliere i luoghi più adatti, nel frattempo abbiamo seminato i fiori e adesso finalmente siamo pronti per la piantumazione”. Artisti, operatori e semplici partecipanti andranno quindi a colonizzare piccoli spazi urbani. Il primo sarà proprio il PAV, dove alcuni dardi di Cupido resteranno a testimonianza dell’iniziativa. Altri verranno piantati nello spazio dell’associazione URBE Rigenerazione Urbana, alcuni fioriranno attorno al tram urbano del Progetto Diogene (Rotonda di Corso Regio Parco), le ultime verranno affidate all’orto del centro diurno di salute mentale di via Leoncavallo. Per un totale di un centinaio di bulbi.

Sarà un modo per riappropriarsi di qualche pezzo di città. Di sfruttare la precarietà in maniera positiva, come strumento per la riqualificazione di spazi ed esperienze sociali, secondo i principi cari al guerrilla gardening. “Speriamo che questo sia solo l’inizio – spiega ancora la responsabile del progetto – noi e gli artisti del CAE lo abbiamo immaginato in modo che fosse replicabile”. Chissà che proprio come un seme, l’esperienza del collettivo del Parco d’Arte Vivente non riesca a diffondersi e moltiplicarsi anche in altre contesti. “Ogni regione ha le sue piante a rischio, protette dalla legge – conclude Brombin – e ogni zona ha le sue comunità, con problemi e battaglie peculiari”. Ogni territorio, di fatto, è buono per provare una nuova alleanza.

Matteo Acmè

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende