Home » Eventi »Idee » New Alliance PAV: anche i fiori possono fare politica:

New Alliance PAV: anche i fiori possono fare politica

settembre 19, 2012 Eventi, Idee

Probabilmente se pensiamo a qualcosa di precario e temporaneo andiamo subito con la mente a un fiore, a una piccola pianta. Oppure – più pragmatici e arrabbiati – ci concentriamo sul lavoro o l’instabile condizione che in molti viviamo nell’epoca della grande crisi economica. Quello che conta è che una cosa non esclude l’altra.

Almeno così sono convinti i componenti di un gruppo di artisti, attivisti, agronomi e membri del PAV, il Parco d’Arte Vivente di Torino, che propongono una “nuova alleanza” fra piante e persone, unite dalle stessa situazione di precarietà e dalla stessa voglia di uscirne.

Il progetto artistico-politico si chiama appunto New Alliance e verrà presentato giovedì 20 settembre al PAV con l’inaugurazione della mostra dedicata (aperta fino al 21 ottobre). “Piante e spazi verdi urbani sono spesso a rischio di sopravvivenza – spiega Orietta Brombin, curatrice della mostra e del workshop collegato – così come lo sono gli spazi sociali e culturali. Abbiamo voluto far collaborare i due ambienti”.

Il collettivo si è quindi messo a studiare una strategia per dare corpo a questa intuizione. Un processo lungo (“durato sedici mesi”), che ha portato a scegliere una pianta che potesse colonizzare spicchi di città, proteggerli dal degrado e a sua volta farsi proteggere dai cittadini. “Alla fine abbiamo optato per la Catanche Caerulea, conosciuta anche come dardi di Cupido perché si dice venisse usata per preparare filtri d’amore”.

Alta non più di ottanta centimetri, ha bei fiori azzurri ed è abituata a crescere su terreni calcarei ma anche fra rovine e macerie. Adattissima quindi a ritagliarsi uno spazio in quartieri in disgregazione. “Ma soprattutto – spiega ancora Brombin – è una pianta che la legislazione regionale definisce a protezione assoluta: non si può tagliare, né spostare, né ci si può costruire attorno, anche se le sanzioni per i trasgressori al momento sono ancora lievi”. Gli spazi pubblici che ospitano la Catanche Caerulea hanno quindi la stessa protezione legale che salvaguarda le piante a rischio d’estinzione, mettendo tutti al riparo “dai tentativi di sfruttamento e dalle logiche del profitto”.

Tutto questo verrà raccontato nella mostra che inaugura giovedì, anche per mezzo di un’intervista a Steve Kurtz del Collettivo CAE (Critical Art Ensemble), gruppo statunitense che ha ispirato lo staff del PAV e lo ha aiutato nella realizzazione del progetto. Ma la mostra da sola avrebbe avuto poco senso, era necessario passare all’azione.

Così Orietta Brombin e i collaboratori hanno organizzato un workshop per domenica 23 settembre: “Durante le fasi preparatorie abbiamo esplorato Torino per scegliere i luoghi più adatti, nel frattempo abbiamo seminato i fiori e adesso finalmente siamo pronti per la piantumazione”. Artisti, operatori e semplici partecipanti andranno quindi a colonizzare piccoli spazi urbani. Il primo sarà proprio il PAV, dove alcuni dardi di Cupido resteranno a testimonianza dell’iniziativa. Altri verranno piantati nello spazio dell’associazione URBE Rigenerazione Urbana, alcuni fioriranno attorno al tram urbano del Progetto Diogene (Rotonda di Corso Regio Parco), le ultime verranno affidate all’orto del centro diurno di salute mentale di via Leoncavallo. Per un totale di un centinaio di bulbi.

Sarà un modo per riappropriarsi di qualche pezzo di città. Di sfruttare la precarietà in maniera positiva, come strumento per la riqualificazione di spazi ed esperienze sociali, secondo i principi cari al guerrilla gardening. “Speriamo che questo sia solo l’inizio – spiega ancora la responsabile del progetto – noi e gli artisti del CAE lo abbiamo immaginato in modo che fosse replicabile”. Chissà che proprio come un seme, l’esperienza del collettivo del Parco d’Arte Vivente non riesca a diffondersi e moltiplicarsi anche in altre contesti. “Ogni regione ha le sue piante a rischio, protette dalla legge – conclude Brombin – e ogni zona ha le sue comunità, con problemi e battaglie peculiari”. Ogni territorio, di fatto, è buono per provare una nuova alleanza.

Matteo Acmè

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende