Home » Eventi »Idee »Nazionali »Politiche » Non di sole infrastrutture, signori miei. Il succo del Bike Pride tra piste ciclabili e politiche di settore:

Non di sole infrastrutture, signori miei. Il succo del Bike Pride tra piste ciclabili e politiche di settore

giugno 8, 2015 Eventi, Idee, Nazionali, Politiche

Se l’aspetto simbolico (e anche folcloristico) del Bike Pride di Torino, con la tradizionale parata della domenica (più di 20.000 partecipanti in quella di ieri), non manca mai di attirare l’attenzione dei media locali e nazionali, i contenuti e i messaggi più “profondi” che la manifestazione sottende, spesso non hanno la stessa diffusione.

Vale invece la pena ricordarli. Ad anticipare l’evento di piazza, sabato si è infatti tenuto, nel collegio universitario di Piazza Cavour, un convegno dedicato al cicloturismo, organizzato da Bike Pride in collaborazione con Workshop IMAGE, che quest’anno, ad ottobre, allargherà il tiro a tutto l’ecoturismo, nelle tre declinazioni più promettenti: quella di matrice naturalistica, sportiva ed enogastronomica.

Presenti al convegno ben due assessori, Antonella Parigi, Assessore alla Cultura e Turismo della Regione Piemonte e Enzo Lavolta, titolare dell’Ambiente a Palazzo Civico e presidente della Fondazione Torino Smart City, che hanno risposto all’appello dell’associazione Bike Pride di fare un punto della situazione” concreto e pragmatico, in ottica interassessorile, sulle politiche destinate alle due ruote, a partire dal BiciPlan della Città di Torino.

L’Ass. Parigi, senza tanti giri di parole, passa subito ai numeri e alle priorità di quello che è già stato ribattezzato “assessorato alle piste ciclabili“: VENTO è in cima alla lista e gli 800 mila euro per avviare i lavori necessari a completare il 67% del tratto piemontese della ciclovia Venezia-Torino, sono già disponibili. Sul resto bisognerà attendere e – secondo FIAB – anche rivedere le cifre (dell’ordine di grandezza delle decine di milioni di euro), perché importi talvolta “gonfiati” non diventino un alibi per l’inazione delle pubbliche amministrazioni. Collegato a VENTO c’è il progetto di recupero della pista lungo il Canale Cavour, capolavoro di ingegneria idraulica conosciuto in tutto il mondo e dotato quindi di appeal, storico, culturale e naturalistico – oltre al vantaggio di puntare verso Milano. Secondo i primi studi di fattibilità dei “tecnici” ci vorrebbero 12 milioni di euro, ma la Parigi ammette che, da una consultazione con l’ente parco, sembrerebbe fattibile con 6 milioni. “Siamo già alla metà, forse si può ancora scendere!”.

Altra priorità piemontese sarà il rafforzamento delle ciclabili nell’area Langhe, Roero, Monferrato, divenuta nel 2014 Patrimonio dell’Umanità UNESCO e, a maggior ragione, bisognosa di integrare infrastrutture ancora troppo deboli (a quando, tra l’altro, il ripristino di un collegamento ferroviario diretto Torino-Alba?).

Le infrastrutture, per quanto fondamentali, non devono però diventare l’unico obiettivo, come se potessero magicamente risolvere tutto, ricorda Beppe Piras, presidente di Bike Pride Fiab Torino. Serve lavorare anche sul “contorno”, ovvero le politiche nazionali e locali sulla mobilità ciclabile, ma anche le strategie e le sinergie per “far vivere” i territori intorno alle piste. Non può esistere cicloturismo – precisa Piras - se non esiste ciclabilità diffusa”.

La palla passa a Lavolta, che sdrammatizza ricordando come i ciclisti, secondo il celebre criminologo Cesare Lombroso, avessero un ché di folle e criminale. “Criminale no, ma folle…”. Scherzi a parte, l’amministrazione torinese non vuole mollare la presa, né sul BiciPlan né sulla mobilità alternativa in generale. Perché è ormai evidente – dai dati di utilizzo del bike sharing, car sharing, car pooling ecc – che i cittadini hanno compreso come non esista un mezzo “migliore in assoluto”, ma il mezzo migliore per una certa esigenza, da integrare, in forma intermodale, con altri.

Già, l’intermodalità, brutta bestia per Trenitalia. Ma se il treno non supporterà, pari passo, la bicicletta (dedicando carrozze,e  consentendo il trasporto su tutte le tratte) l’evoluzione della mobilità ciclabile, ricordano i rappresentanti di Fiab, rischia di arrivare ad uno STOP difficile da varcare.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende