Home » Eventi »Idee »Nazionali »Politiche » Non di sole infrastrutture, signori miei. Il succo del Bike Pride tra piste ciclabili e politiche di settore:

Non di sole infrastrutture, signori miei. Il succo del Bike Pride tra piste ciclabili e politiche di settore

giugno 8, 2015 Eventi, Idee, Nazionali, Politiche

Se l’aspetto simbolico (e anche folcloristico) del Bike Pride di Torino, con la tradizionale parata della domenica (più di 20.000 partecipanti in quella di ieri), non manca mai di attirare l’attenzione dei media locali e nazionali, i contenuti e i messaggi più “profondi” che la manifestazione sottende, spesso non hanno la stessa diffusione.

Vale invece la pena ricordarli. Ad anticipare l’evento di piazza, sabato si è infatti tenuto, nel collegio universitario di Piazza Cavour, un convegno dedicato al cicloturismo, organizzato da Bike Pride in collaborazione con Workshop IMAGE, che quest’anno, ad ottobre, allargherà il tiro a tutto l’ecoturismo, nelle tre declinazioni più promettenti: quella di matrice naturalistica, sportiva ed enogastronomica.

Presenti al convegno ben due assessori, Antonella Parigi, Assessore alla Cultura e Turismo della Regione Piemonte e Enzo Lavolta, titolare dell’Ambiente a Palazzo Civico e presidente della Fondazione Torino Smart City, che hanno risposto all’appello dell’associazione Bike Pride di fare un punto della situazione” concreto e pragmatico, in ottica interassessorile, sulle politiche destinate alle due ruote, a partire dal BiciPlan della Città di Torino.

L’Ass. Parigi, senza tanti giri di parole, passa subito ai numeri e alle priorità di quello che è già stato ribattezzato “assessorato alle piste ciclabili“: VENTO è in cima alla lista e gli 800 mila euro per avviare i lavori necessari a completare il 67% del tratto piemontese della ciclovia Venezia-Torino, sono già disponibili. Sul resto bisognerà attendere e – secondo FIAB – anche rivedere le cifre (dell’ordine di grandezza delle decine di milioni di euro), perché importi talvolta “gonfiati” non diventino un alibi per l’inazione delle pubbliche amministrazioni. Collegato a VENTO c’è il progetto di recupero della pista lungo il Canale Cavour, capolavoro di ingegneria idraulica conosciuto in tutto il mondo e dotato quindi di appeal, storico, culturale e naturalistico – oltre al vantaggio di puntare verso Milano. Secondo i primi studi di fattibilità dei “tecnici” ci vorrebbero 12 milioni di euro, ma la Parigi ammette che, da una consultazione con l’ente parco, sembrerebbe fattibile con 6 milioni. “Siamo già alla metà, forse si può ancora scendere!”.

Altra priorità piemontese sarà il rafforzamento delle ciclabili nell’area Langhe, Roero, Monferrato, divenuta nel 2014 Patrimonio dell’Umanità UNESCO e, a maggior ragione, bisognosa di integrare infrastrutture ancora troppo deboli (a quando, tra l’altro, il ripristino di un collegamento ferroviario diretto Torino-Alba?).

Le infrastrutture, per quanto fondamentali, non devono però diventare l’unico obiettivo, come se potessero magicamente risolvere tutto, ricorda Beppe Piras, presidente di Bike Pride Fiab Torino. Serve lavorare anche sul “contorno”, ovvero le politiche nazionali e locali sulla mobilità ciclabile, ma anche le strategie e le sinergie per “far vivere” i territori intorno alle piste. Non può esistere cicloturismo – precisa Piras - se non esiste ciclabilità diffusa”.

La palla passa a Lavolta, che sdrammatizza ricordando come i ciclisti, secondo il celebre criminologo Cesare Lombroso, avessero un ché di folle e criminale. “Criminale no, ma folle…”. Scherzi a parte, l’amministrazione torinese non vuole mollare la presa, né sul BiciPlan né sulla mobilità alternativa in generale. Perché è ormai evidente – dai dati di utilizzo del bike sharing, car sharing, car pooling ecc – che i cittadini hanno compreso come non esista un mezzo “migliore in assoluto”, ma il mezzo migliore per una certa esigenza, da integrare, in forma intermodale, con altri.

Già, l’intermodalità, brutta bestia per Trenitalia. Ma se il treno non supporterà, pari passo, la bicicletta (dedicando carrozze,e  consentendo il trasporto su tutte le tratte) l’evoluzione della mobilità ciclabile, ricordano i rappresentanti di Fiab, rischia di arrivare ad uno STOP difficile da varcare.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende