Home » Eventi »Recensioni » Nucleare e informazione secondo gli scienziati. Ne parlano Esof e Quaderni Darwin:

Nucleare e informazione secondo gli scienziati. Ne parlano Esof e Quaderni Darwin

luglio 5, 2010 Eventi, Recensioni

nucleare, Courtesy of Luigi Rosa, flickr.comCircola uno slogan, tra chi si occupa di comunicazione scientifica, che suona più o meno così: “Dalla parte degli scienziati per i contenuti e da quella del pubblico per il linguaggio”.  Una formula che  sintetizza bene uno degli obiettivi di Esof – lo Euroscience Open Forum in corso a Torino: quello del “superamento delle barriere tra scienza e società”.

Il meeting europeo è dedicato infatti alla ricercaall’innovazione scientifica e si propone di rendere accessibili al grande ubblico ”gli sviluppi scientifici e tecnologici più all’avanguardia in tutte le aree: dalle scienze naturali, alle scienze sociali, alle materie umanistiche”.

Sabato 3 luglio é stato il turno della tanto dibattuta energia nucleare. Quali sono le sfide che attendono l’atomo? Come si inserisce il tema della messa in sicurezza delle scorie ad alta radioattività nel contesto della sostenibilità ambientale? Temi quanto mai spinosi e piuttosto tecnici che  ci siamo aiutati ad affrontare anche attraverso i Quaderni Darwin , bimestrale di scienze che raduna, nel proprio comitato di redazione, importanti personalità del mondo della ricerca, italiana e internazionale e che ha dedicato l’ultimo numero monografico al nucleare.

Dieci lunghi saggi ricchi di dati, scritti in modo accurato e piuttosto chiaro (nonostante alcuni contributi particolarmente “tecnici”), che offrono un’ampia analisi  del nucleare attraverso il bilancio costi-benefici secondo gli operatori del settore, con l’unico, evidente limite di seguire una “prospettiva” in cui le positività  del sistema prevalgono sempre sulle criticità.

Un’incongruenza con il sottotitolo che campeggia in copertina (“Per decidere da che parte stare, bisogna valutare rischi e benefici”) e con la chiave di lettura proposta nell’editoriale da Umberto Minopoli (Ansaldo Nucleare) secondo cui  l’unico approccio possibile – alla questione energetica in generale e a quella nucleare in particolare – è quello scientifico: informato, argomentato, dati alla mano. Un approccio cioè che miri a spogliare il dibattito sull’atomo dall’emotività che indubbiamente lo caratterizza e che aiuti a individuare le risposte ad alcune domande cruciali: perché dovremmo aver bisogno del nucleare? qual è il livello di sicurezza attuale delle centrali di cui si propone la costruzione in Italia? come si risolve il problema delle scorie?

Il “viaggio” proposto da Quaderni Darwin, parte dall’analisi dei costi di produzione dell’elettricità, che determinano la competitività di un’economia. Il saggio di Ugo Spezia, dell’Associazione Italiana Nucleare , fa qui riferimento ad una “ventina di studi realizzati negli ultimi dieci anni”, che collocano tra i 3 e i 6 centesimi di euro al kWh, i costi del nucleare, apparentemente inferiori a quelli delle fonti fossili(da 4 a 8 centesimi) e delle fonti rinnovabili, che spaziano da 8 a 11 centesimi per l’eolico e da 30 a 40 centesimi per il fotovoltaico.

Purtroppo i prezzi italiani dell’elettricità – circa 14 centesimi per kWh – è noto che siano tra i più alti in Europa e la principale ragione, secondoDavide Tabarelli di Nomisma Energia , “è che il nostro mix produttivo risulta sbilanciato sul costoso gas, con poco carbone e senza nucleare”. La scommessa del Governo per i prossimi vent’anni pare dunque orientata, in quest’ottica, a far fronte al forte aumento della richiesta elettrica per non deprimere l’economia. Ma la vera sfida, se è vero che le attuali disponibilità di uranio possono soddisfare le richieste unicamente per un centinaio d’anni, è, sostiene Ivo Tripputi dell’Ain, che i nuovi reattori possano produrre più combustibile di quanto ne consumano.

Il recupero di competitività del Paese è al centro anche dell’intervento di Francesco De Falco, amministratore delegato di Sviluppo Nucleare Italia (frutto della joint-venture tra la francese Edf  ed Enel) che richiede una profonda ristrutturazione del mix produttivo e il ricorso a tutte le tecnologie oggi disponibili: tra cui – ovviamente – il reattore di terza generazione Epr (European Pressurized Reactor), progettato dalla francese Areva , che oggi, dopo decenni di ricerca, assicura Davide Giusti dell’Enea, garantisce “massima sicurezza” ed “economicità di gestione”.

Quanto alle scorie radioattive – il punto più caldo del dibattito sull’atomo – Francesco Troiani, dell’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie , chiede fiducia, garantendo che “esistono soluzioni provate e affidabili” pur confermando che la vera sfida, come si diceva, è quella di progettare “un reattore che produca combustibile quanto ne consuma e in grado di eliminare il problema delle scorie”, come ribadito anche da Carlo Artioli dell’Enea.

I due saggi di Marco Sumini, direttore del Master di Progettazione e Gestione dei Sistemi Nucleari Avanzati dell’Università di Bologna e da Pietro Maria Putti, dell’Università Politecnica delle Marche, esauriscono la sezione analitica del volume sul tema deivincoli ambientali e delle nuove regole del diritto nucleare.

Ma perché, si dice, “un incidente come Chernobyl non potrebbe mai verificarsi” con le nuove tecnologie? “Una delle principali accuse che l’uomo comune rivolge al nucleare”, premette Felice De Rosa dell’Enea, “è che può creare danni a persone e cose senza che se ne avverta la sensazione, silenziosamente, mortalmente e anche da enormi distanze. Nell’immaginario collettivo, l’assenza di limiti spazio-temporali esalta ancor più la natura potenzialmente maligna del nucleare e non si comprende perché sia necessario accettare una tale spiacevole minaccia per produrre energia elettrica”. Stiamo cioè parlando di percezione del rischio, uno dei fattori che più condiziona il giudizio dell’opinione pubblica. Di cosa si tratta? La rivista dedica curiosamente all’argomento un contributo non firmato che afferma, con una certa enigmaticità: “il pubblico vuole essere meglio informato soprattutto sulla gestione delle scorie ma questo non significa che voglia essere coinvolto nelle decisioni sul nucleare”…

Sulla volontà dei cittadini di conoscere meglio le scelte pubbliche che li riguardano da vicino, non c’è in realtà alcun dubbio: secondo i dati dell’ultimo Eurobarometro  infatti gli abitanti dei paesi in cui esistono già reattori in funzione tendono ad avere opinioni più precise a questo riguardo.

“Una migliore conoscenza”, continua tuttavia il saggio, “favorisce una maggior apertura: a voler essere interpellato, infatti, è solo un quarto degli europei e il 21 per cento degli italianiPer gli altri, il processo decisionale deve essere gestito dalle autorità, con il coinvolgimento del Parlamento e delle organizzazioni non governative”.

Eppure, il coro di no al nucleare italiano, sollevato da quasi tutte le regioni italiane (che hanno fatto ricorso, poi respinto, ai giudici costituzionali) e spesso frettolosamente liquidato come “Effetto Nimby” (Not In My Back Yard, ovvero “Non nel mio cortile”), ha mostrato come tutti i processi decisionali di rilievo dovrebbero auspicabilmente essere il più possibile partecipati, e non solo “formalmente” e a posteriori, attraverso formule compensatorie.

Se è vero infatti che i cittadini non hanno gli strumenti per comprendere fino in fondo questioni prettamente tecniche, su cui non sarebbero comunque in grado di decidere, è altrettanto vero che la mancanza di informazioni su scelte che riguardano il territorio e le sue infrastrutture, aumenta il disorientamento e l’ostilità, reazioni naturali a qualsiasi cambiamento non adeguatamente illustrato.

L’effetto Nimby, naturale conseguenza di politiche “calate dall’alto”, dovrebbe poi mettere in discussione le stesse modalità di comunicazione delle decisioni pubbliche che riguardano il bene comune: questo non significa bloccare il paese con infiniti veti incrociati ma avviare, per tempo, processi partecipati, sul modello di quel consenso informato che è stato una conquista importante in ambito sanitario. Su questo, l’atomo italiano (e all’italiana) parte da molto lontano.

Ilaria Donatio

Per un’analisi meno ottimista delle criticità del nucleare “di terza generazione” si veda anche l’intervento di Ermete Realacci  sul numero di marzo di Medidea Review, riportato su Greenews.info del 19 marzo 2010: “Nucleare: sì, no o domani?”.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende