Home » Eventi »Rassegna Stampa » Oggi la Giornata Mondiale dell’Acqua:

Oggi la Giornata Mondiale dell’Acqua

marzo 22, 2010 Eventi, Rassegna Stampa

Water Day 2010, Courtesy of Unwater.orgInquinamento, cambiamenti climatici, produzione di cibo e di energia: sono queste le sfide da affrontare per l’oro blu del Pianeta, sempre più sfruttato e sotto l’assedio di una popolazione in aumento. Oggi, Giornata Mondiale dell’Acqua, sono infatti ancora 884 milioni le persone che non possono contare su un accesso ad una risorsa sicura, al riparo da eventuali contaminazioni, mentre il 39% della popolazione mondiale, cioé 2,6 miliardi di persone, è privo di idonei servizi igienico-sanitari.

Muoiono più persone per via dell’acqua poco sicura”, afferma nel suo messaggio il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, “che non a causa di tutte le forme di violenza, inclusa la guerra”. Di qui lo slogan dell’Onu per l’edizione 2010: “Acqua Pulita per un Mondo Sano“. “L’acqua pulita”, aggiunge Ban Ki-moon, “è diventata scarsa e lo sarà sempre di più sotto l’attacco dei cambiamenti climatici”.

Anche l’UE si è posta come obiettivo, per il 2015, quello di raggiungere una buona qualità per le acque europee, visto che, secondo il Commissario Europeo all’Ambiente Janez Potocnik, “nonostante venga già attuata una politica significativa, non possiamo riposare sugli allori”.

Controversa la proposta dell’OCSE che, per favorire un uso più responsabile delle risorse idriche, suggerisce, come possibile soluzione, quella di aumentarne il prezzo. In particolare nel settore dell’agricoltura, avverte l’Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo, citando gli studi dei propri economisti, “il giusto prezzo dell’acqua può incoraggiare l’efficienza e gli investimenti“. Oggi chi paga gran parte del prezzo dell’acqua consumata sono infatti le famiglie e l’industria, benché sia l’agricoltura ad utilizzare il 70% delle risorse idriche complessive. “Gli agricoltori”, scrive l’Ocse, “dovrebbero pagare non solo i costi operativi e di manutenzione per l’acqua, ma anche la loro parte dei costi d’investimento nelle infrastrutture”. In sostanza: ”dare il giusto prezzo all’acqua incoraggerà la gente a sprecare meno, inquinare meno e investire di più nelle infrastrutture idriche“.

Sono le Nazioni Unite a fornire alcuni dati significativi che restituiscono la gravità della situazione attuale:

MALATTIE: l’acqua non sicura e la carenza di servizi igienico-sanitari costano ogni anno la vita a circa 1,5 milioni di bambini sotto i cinque anni. La diarrea da sola uccide più bambini di Aids, malaria e morbillo messi insieme. Investire su questi due fronti implica, per altro, un guadagno: per ogni dollaro investito, le stime dicono che i benefici oscillanno fra i 3 e i 34 dollari, dalla produttività ai risparmi per il servizio sanitario nazionale.

INQUINAMENTO: ogni giorno, vengono riversati nelle acque del globo due milioni di tonnellate di liquami e altri scarichi. Per il 2050, le previsioni parlano di 6,4 miliardi di persone che vivranno in città, contro i 3,4 miliardi del 2010, con un continuo aumento della “pressione” da parte delle aree urbane. 

CIBO: per la coltivazione di 1 kg di riso si calcola siano necessari 3.400 litri d’acqua, mentre per 1 kg di manzo si toccano i 16mila litri.

POPOLAZIONE: l’87% della popolazione mondiale può contare sull’acqua potabile. Almeno 3,8 miliardi possono bere grazie ad una rete idrica che arriva dentro casa, mentre ancora quattro persone su dieci nell’Africa Sub-Sahariana e la metà della popolazione dell’Oceania non dispongono di fonti adeguate.

EUROPA: i Paesi del Mediterraneo ricorrono sempre di più alla desalinizzazione per la fornitura di acqua dolce, mentre l’indice di “stress idrico”, che mostra le risorse di oro blu disponibili rispetto alla quantità d’acqua utilizzata, vede l’Italia tra i Paesi alle prese con carenze d’acqua, oltre a Belgio, Bulgaria, Cipro, Germania, Malta, Spagna e Regno Unito. Nel periodo fra 1976 e 2006 la stima è che almeno l’11% degli europei abbia sofferto di carenza d’acqua, con un danno per l’economia di almeno 100 miliardi di euro. Per il 2030 si stima un aumento del 16% dei consumi di acqua pubblica, per industria e agricoltura. Secondo Bruxelles si potrebbe risparmiare il 40% della risorsa, attraverso nuove tecnologie e migliori tecniche di irrigazione e l’uso personale potrebbe diminuire da 150 litri ad 80 litri al giorno.

ITALIA: le “reti colabrodo”, disperdono in alcuni casi anche un terzo della risorsa, mentre da giugno a settembre, al Sud e nelle Isole, otto milioni di cittadini non dispongono del fabbisogno idrico minimo (50 litri).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende