Home » Eventi » Ostana ospita ai piedi del Monviso i Borghi più belli d’Italia:

Ostana ospita ai piedi del Monviso i Borghi più belli d’Italia

dicembre 11, 2014 Eventi

Da sabato 6 a lunedì 8 dicembre Ostana (CN) – piccolo paese di lingua e cultura occitana di fronte al Monviso, nella valle dove nasce il Po – ha ospitato il secondo Festival Nazionale Invernale dei Borghi più belli d’Italia, di cui fanno parte 242 Comuni italiani. Nell’intenzione della Consulta del turismo ANCI, il Festival ha l’obiettivo di valorizzare il grande patrimonio di storia, arte, cultura, ambiente e tradizioni presente nei piccoli centri italiani, molto spesso emarginati dai grandi flussi turistici.

“È un grande onore per Ostana accogliere visitatori da tutt’Italia” dice il sindaco Giacomo Lombardo “Gente come noi, con i nostri stessi problemi e sogni: un mondo più a misura d’uomo che cerchi la bellezza a 360 gradi e la cultura dei luoghi, che ancora persegua la giustizia e le pari opportunità, che sia sostenibile per le generazioni future. Parole che tanti declamano ma che pochi cercano di attuare”.

Ostana si presenta con la singolare bellezza di un ambiente alpino, di tante storie misteriose nelle quali ancora aleggiano le masche, di quella cultura occitana la cui lingua, nel XII secolo era considerata la lingua nobile delle corti di tutta Europa. “Ostana si presenta con la sua umanità e con la sua socialità: gente sempre disponibile ad aiutare, a capire, ad integrare. Senza tale comunità una manifestazione come questa non sarebbe possibile” sottolinea Lombardo.

Siamo partiti ricostruendo una comunità: abbiamo cominciato dalle basi, dalla riapertura di un negozio, poi di due, fino ad un punto informazioni” continua il Sindaco. “Per noi si tratta di un traguardo importante ed ogni punto di arrivo è una nuova fase di partenza per guardare avanti, per mettere l’asticella sempre più in alto. Quando arriveremo a 100 dormienti, come definisco scherzando i residenti, quindi coloro che stabilmente vivono qua, faremo una grande festa: si tratta di un punto importante di arrivo, che a sua volta sarà un altro punto di partenza. Una volta innescato il processo, la crescita sarà esponenziale”.

L’idea di base dei Borghi d’Italia poggia su una filosofia molto precisa che é quella di salvaguardare, tutelare e valorizzare proprio i piccoli centri. Il nostro bellissimo Paese é costituito di tante piccole realtà e per conoscerle tutte non basterebbe una vita. Obiettivo di tutti i comuni dovrebbe essere proprio quello salvaguardare e tutelare tutte queste differenti realtà, e, allo stesso tempo, tutelare la loro cultura e le loro tradizioni.

Bisogna che queste possibilità diventino risorse raggiungibili, soprattutto per le piccole realtà della montagna. Applicare i modelli di sviluppo rurale per le aree montane non avrebbe alcun senso: obiettivo é quello di trovare uno sviluppo sostenibile ma possibile per questi borghi.

Il primo passo in questa direzione é quello di sensibilizzare chi ha il potere decisionale nei processi di sviluppo e in secondo quello di rendere gli abitanti persone consapevoli grazie ad una visione alternativa di sviluppo culturale.

Il futuro dell’Italia non può essere pensato esclusivamente rivolgendosi alle città, ma deve anche passare attraverso un processo di ripopolamento dei borghi montani, panorama di eccezione caratteristico del Belpaese. Ad oggi molti sono i comuni che portano esperienze virtuose, ma sono purtroppo eccezioni che stentano ad essere contagiose.

Coloro che operano in questo scenario devono concretizzare dei buoni esempi, che possano essere replicabili: questo é ciò su cui vale la pena iniziare a lavorare. La vera sfida consiste nello sviluppare competenze e ruoli che rendano fattibili le opportunità di riqualificare e ripopolare quelle aree. Grazie alle opportunità dell’edilizia sostenibile, ad esempio, si possono rilanciare le imprese già operanti nel settore e anche  nuove filiere merceologiche: d’altronde, la tradizione delle imprese piemontesi é notevole e lo scenario di rinascita di questi borghi può essere reale.

Contestualmente al Festival “I borghi più Belli d’Italia” verrà presentato e premiato il primo intervento CasaClima R, il cui progetto energetico è stato curato dall’Arch. Gianpiero CavalloConsulente per la Sostenibilità dei Protocolli CasaClima e membro del Consiglio Direttivo di CasaClima Network Piemonte. “L’edificio é dotato di un cappotto interno, impercettibile alla vista, proprio perché teniamo fortemente alle nostre costruzioni tradizionali in pietra” sottolinea il Sindaco Lombardo.

Ad Ostana sono poi moltissime le iniziative per dare un contributo all’economia, oggi molto stentata. Il paese ha ospitato, per tutto il fine settimana, un mercatino gastronomico ed artigianale che raccoglie i prodotti di eccellenza della Comunità locale, veicolo di risorse e di cultura. Ed ancora il “Premio Ostana, letture in Lingua Madre 2014“, arrivato alla sesta edizione, che nonostante la gravissima crisi della “cultura”, afferma il suo impegno nel difendere il diritto alla diversità linguistica.

In definitiva, alle forze del “progresso” che hanno portato risultati spesso distruttivi e degradanti, come é successo per la montagna e il suo spopolamento, si contrappone oggi una rinnovata creatività ed un rinnovato fermento: la marginalità può essere finalmente una risorsa e un vantaggio competitivo.

Valentina Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende