Home » Eventi »Nazionali »Politiche » Paesaggio e conservazione: come trovare la sostenibilità economica?:

Paesaggio e conservazione: come trovare la sostenibilità economica?

ottobre 8, 2012 Eventi, Nazionali, Politiche

Si è tenuto venerdì 5 ottobre, al Museo di Scienze Naturali di Torino, il convegno internazionale “Paesaggio: cura, gestione, sostenibilità“, promosso dalla Fondazione Ordine degli Architetti di Torino, dall’Ente di Gestione delle Aree Protette del Po e della Collina Torinese e dall’Assessorato Urbanistica e Programmazione territoriale, Beni Ambientali della Regione Piemonte, nel contesto della Biennale “Creare Paesaggi“, arrivata alla sua sesta edizione.

La riflessione ha principalmente riguardato, quest’anno, la sostenibilità economica dell’opzione conservativa e, più in generale, delle politiche del paesaggio. “L’orientamento che deve adottare il nostro Paese per adeguarsi agli obiettivi di sostenibilità richiesti dall’Unione Europea ‒ che ha stabilito la necessità di ridurre le emissioni del 20% entro il 2020 e dell’80% entro il 2050 ‒ è quello di non occupare più suolo e recuperare l’esistente, attraverso processi di governance che coinvolgano enti internazionali come l’UNESCO, nazionali e locali, amministrazioni e comunità”, ha chiarito, nell’introduzione al dibattito, il vicepresidente della Regione Ugo Cavallera, che ricopre anche il ruolo di Assessore all’Urbanistica e Programmazione Territoriale, ai Beni Ambientali e all’Edilizia.

Si deve quindi iniziare a lavorare per il paesaggio, con il paesaggio: fondamentale in questo processo sono le competenze poste in gioco e gli strumenti di gestione, al fine di mettere a fuoco le prospettive di cambiamento. Secondo Claudia Cassatella, docente del Politecnico di Torino e parte del comitato scientifico della Biennale, “esistono numerosi buoni esempi del fare paesaggio ed è quindi importante studiarne le componenti, in quanto molte volte si arriva ad un buon risultato ma senza che ne siano indicati i passi”. Proprio per esplicitare queste buone pratiche, all’interno della giornata sono state illustrate alcune esperienze esemplari, sia italiane che internazionali. Casi di studio nazionali che stanno facendo scuola sono, infatti, la candidatura a patrimonio dell’umanità UNESCO di Langhe-Roero e Monferrato ‒ in via di approvazione ‒ e i siti (già oggi sotto tutela UNESCO) delle Dolomiti e della Val d’Orcia: un modello condiviso di valori di paesaggio e senso dei luoghi, il primo, un paesaggio culturale con integrato piano di gestione, il secondo. Ma sono di estremo interesse, sul tema, anche casi europei, come quello dell’architetto paesaggista Eric Luiten per i siti del World Heritage Sites WHS in Olanda ‒ dove “use, re-use and new-use è la chiave di ogni trasformazione; oppure il caso francese presentato da Didier Martinet, Directeur Général de la Société Gestionnaire des Espaces du Rhone Amont, “dove è stato elaborato un progetto congiunto di recupero e gestione su 3.000 ettari di parco vicino a Lione tramite la SEGAPAL, Società Urbana di Trasformazione, e alle colture cerealicole tradizionali si sono preferite quelle biologiche, visto che un buon paesaggio deve produrre benessere e ricchezza”; o, ancora , il caso spagnolo del sistema dei parchi di Barcellona, illustrato dall’architetto José Oriol Ribera Cabestany, Cap de Projects y Obres Area Metropolitana Barcellona: “progettare il paesaggio in prossimità di una metropoli, caso sempre più diffuso – ha detto Ribera Cabestanyè un’operazione difficile e richiede nel paesaggista una particolarità sensibilità . Un prato innevato risulta immacolato in natura, ma mutato inesorabilmente al passaggio di un uomo. Non è detto che le trasformazioni antropiche siano sempre giuste e necessarie.”

A Paolo Castelnovi ‒ docente del Politecnico di Torino e animatore del progetto LandscapeFor ‒ il compito di trarre le conclusioni del convegno. “Oggi non si ha più quel rapporto diretto con la natura, proprio invece del mondo agricolo: è necessario abitare il territorio e non limitarsi alla contemplazione per la paura di rovinare un paesaggio. Agendo, bisogna trovare la modalità perché una fruizione attiva sia anche sostenibile” . L’elemento chiave per una progettazione  di paesaggio sostenibile sembra dunque risiedere nell’avvicinare la natura e la città: ricordando che l’80% dei luoghi dove l’uomo abita è periferia periurbana. ”Dobbiamo scrivere un nuovo capitolo della storia del paesaggio – conclude Castelnovi - è fondamentale che si accompagnino le trasformazioni attive del territorio con risorse professionali ed economiche. In questo processo di governance devono intervenire soggetti operanti e collaboratori, agendo con competenza ai diversi livelli interscalari e dimezzando le tempistiche di attesa”. La velocità di azione. Ecco il punto debole! Una componente fondamentale nella gestione del paesaggio, che si può raggiungere semplificando la burocrazia e utilizzando attori più direttamente coinvolti, con l’obiettivo di arrivare ad un risultato di interesse complessivo. “Dobbiamo ricordarci che il paesaggio è un bene collettivo: la cura del territorio coinvolge ogni cittadino sulla base di una relazione affettiva. Prendiamoci cura dei paesaggi, perché sono casa nostra”, aggiunge Claudia Cassatella. La palla, quindi, anche in questo caso, passa al cittadino. Ma la politica saprà aiutarlo?

Valentina Burgassi

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende