Home » Eventi »Idee »Recensioni » Panem et circenses… e altri divertimenti più intelligenti:

Panem et circenses… e altri divertimenti più intelligenti

giugno 24, 2010 Eventi, Idee, Recensioni

Ragnarock Nordic Festival 2009, Courtesy of Marco GerminarioMentre scrivo questo articolo, da solo in redazione, una ventina di milioni di italiani (18,9 l’ultima volta) sta guardando la partita della nazionale contro la Slovacchia. Vi assicuro che, non essendo un appassionato di calcio, non sono invidioso. E nemmeno voglio fare facili moralismi, né scrivere corsivi pensosi, come denuncia Il Sole 24 Ore (anche se odio dichiaratamente le vuvuzelas). 

Qualche riflessione e paragone sorgono però spontanei, in un momento storico di crisi economica e ambientale con pochi precedenti. Dall’inizio dei mondiali i giornali pullulano infatti di dichiarazioni ed esternazioni di “intellettuali” e politici, da Kissinger a Oliviero Beha e Umberto Bossi – tanto ormai il calcio è sdoganato e, anzi, fa fine (e molto democratico) parlare di quello che interessa alla gente. E allora giù di elucubrazioni sui moduli di attacco e difesa,  le strategie di Lippi e la débâcle di Domenech.

Ai maturandi si chiede (provocatoriamente? Si domanda Giuseppe Culicchia su La Stampa) di parlare del “ruolo dei giovani nella storia e nella politica“, ma nella vita reale è meglio che seguano la nazionale, cantando o meno l’inno (a seconda delle simpatie politiche), e parlino di calcio, senza disturbare troppo la “gerontocrazia autoreferenziale” con le loro idee innovative.

C’è però chi, senza attendere grandi inviti dall’alto, sa conciliare la riflessione sui temi più urgenti per l’umanità con un sano divertimento. Abbiamo già parlato, qualche mese fa, dei ragazzi di Green Light for Business. Martedì abbiamo invece avuto la fortuna di conoscere quelli dell’Associazione Ragnarock che, in comune con i primi, hanno il legame con il Nord Europa dei rispettivi fondatori: Thomas Baade-Mathiesen e Marco Germinario. Studente di economia norvegese alla Bocconi di Milano il primo, dottore in fisica italiano, laureato e vissuto 10 anni in Danimarca, il secondo.

E proprio delle buone pratiche che l’Italia può imparare dai paesi nordici (sicuramente più avanti di qualche decennio, quanto a sostenibilità ambientale) si è parlato nell’incontro di martedì, dal titolo “Rebuilding the future after Cop15: Green Economy and Competitiveness” (Ricostruire il futuro dopo la Conferenza di Copenhagen: green economy e competitività). Non pensate però alla solita, vecchia e manichea contrapposizione tra giovani felici e spensierati (che parlano solo di calcio), da un lato e brufolosi secchioni dall’aria “impegnata”, che fanno politica e disquisiscono di temi “alti”, dall’altra. Gli stessi ragazzi che erano sui banchi della Bocconi l’altro ieri, nel weekend saranno a Parco Sempione a saltare a ritmo di rock nordico, a testimonianza che si possono fare benissimo entrambe le cose (ci mancherebbe): pensare e divertirsi – senza però dimenticare la prima delle due attività, come talvolta vorrebbe, nella storia, qualche furbo governante, consapevole del devastante potere del panem et circenses.  

Come nasce Ragnarock? Ma soprattutto… cosa significa? ”Nella mitologia nordica Ragnarok (senza la c) indica una forza che unisce gli opposti a partire dal caos. Allo stesso modo noi vogliamo migliorare la società imparando dalle differenze, che ci possono unire, invece che dividere“, ci racconta Marco Germinario, tra una pausa e l’altra dell’interessantissima conferenza, per la quale è riuscito a riunire 28 relatori di eccezionale livello, da Elisabeth Hagemann, consigliere del Primo Ministro Danese sui temi ambientali a Gudni Johannesson, direttore generale della National Energy Authority islandese (scampato al Vulcano), a Ulf Hedin, presidente del board di promozione di Växjö, la città svedese definita dalla BBC:the greenest city in Europe“.   

Presenti anche i rappresentanti delle missioni diplomatiche e delle camere di commercio svedesi, danesi, norvegesi e finlandesi, qualche manager di aziende scandinave operanti in Italia e Fortunato Vettraino, ingegnere della divisione Nucelar Fission dell’Enea, a difendere (sportivamente) la controversa opzione nucleare, che pare aver miracolosamente folgorato, sulla via di Flamanville,  il ministro Prestigiacomo, ma non sembra, dagli sguardi dubbiosi, riscuotere, per ora, eguale successo tra i ragazzi in sala. Soprattutto quando li si “tranquillizza” sul fatto che la radioattività del combustibile dei reattori di IV generazione (industrialmente disponibili dal 2040) durerà “solamente qualche centinaio d’anni e non più migliaia“… (Ma sì, tempo di guardarsi ancora qualche edizione dei Mondiali e dalle scorie di uranio sarà già ricresciuta l’erba…).

Gudni Johannesson, nel suo intervento, sottolinea invece come dalla geotermia l’Islanda abbia risparmiato, dal 1970 al 2008, 880 milioni di corone islandesi, andate a beneficio del contribuente sotto forma di servizi pubblici; Ulf Hedin, del partito conservatore, ci fa sognare dichiarando serenamente che in Svezia ”tutti i partiti politici sono, chi più chi meno, verdi”;  Mariagrazia Midulla, responsabile del programma Climate Change & Energy del WWF, mette in guardia sull’assurdità di mantenere il target europeo di riduzione delle emissioni al 2020 fermo al 20%, quando già oggi un paese non particolarmente virtuoso come l’Italia ha ridotto dell’11,3% rispetto ai livelli del 1990;  Antonio Tencati, docente della Bocconi, ricorda come il green positioning costituisca oggi un vantaggio competitivo e strategico per le imprese, in concomitanza con la sempre maggiore attenzione ai temi ambientali riservata dal mercato, evidenziata, dati alla mano, da Federico Frattini, del gruppo Energy Strategy del Politecnico di Milano.       

Vorrei raccontarvi un sacco di altre cose che, credo, potrebbero risultare piuttosto utili a neolaureati e giovani professionisti in cerca di una nuova collocazione ma, scusate, l’Italia ha appena pareggiato, non voglio annoiarvi oltre, passiamo alle discussioni importanti…

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende