Home » Eventi » Paolo Barilla presenta le nuove sfide del Center for Food & Nutrition:

Paolo Barilla presenta le nuove sfide del Center for Food & Nutrition

novembre 30, 2009 Eventi

Paolo, Guido, Pietro e Luca Barilla, Courtesy of Barilla Group.comSegno dei tempi che cambiano (e che maturano). Alla vigilia della nomina di Connie Hedegaard a Commissario per l’Azione sul Clima dell’Unione Europea (nuovo portafoglio della rinnovata Commissione Barroso), ad accoglierci al business lunch “Cambiamenti climatici ed ecosostenibilità” di giovedì 26, a Milano, è Veronica Caciagli, Climate Change Officer del Consolato Generale britannico.

“Commissario per l’Azione sul Clima” e “Climate Change Officer” sono job titles che creano ancora un certo (positivo) stupore, ma che fanno ben sperare circa il radicamento della nuova sensibilità ambientale ad ogni livello istituzionale.

Quanto questa sensibilità sia sviluppata oltre Manica ne è dimostrazione l’appuntamento stesso, organizzato dalla British Chamber of Commerce  e dal Consolato Generale Britannico - nell’ambito dei consueti incontri mensili tra istituzioni, imprenditori inglesi e meneghini – e sponsorizzato da Easynet Global Services (società del gruppo BSkyB di Rupert Murdoch) con il supporto di Aviva e Barclays  Bank.

Il primo business lunch in Italia interamente compensato rispetto alle emissioni di CO2, grazie all’intervento di AzzeroCO2, la società di Legambiente e Kyoto Club, con cui l’Ambasciata di Sua Maestà prosegue, ormai da due anni, una collaborazione che ha visto compensare, con la piantumazione del Parco del Gargano, le celebrazioni italiane del Compleanno della Regina. Come dire: Dio salvi la Regina – ma anche la natura.   

Ospite d’onore e speaker d’eccezione Paolo Barilla, Vice Presidente della Barilla G. e R. F.lli S.p.A. che, su invito dall’Ambasciatore Edward Chaplin, coglie l’occasione per presentare le sfide del neonato Barilla Center for Food & Nutrition, di cui si parlerà nel corso del Primo Forum Internazionale sull’Alimentazione e la Nutrizione in programma a Roma il 3 dicembre.  

Le imprese fanno fatica a cambiare“, precisa subito Barilla, “perchè continuano a riprodurre se stesse e cambiano più spesso per le crisi che per la volontà di fare meglio. Noi avevamo bisogno di una grandissima accelerazione e il Barilla Center for Food & Nutrition porta dentro all’impresa argomenti che noi non trattavamo – se non a livello intuitivo. Trattavamo l’ambiente come senso di responsabilità individuale, ma non ne capivamo i risvolti più ampi. Avevamo forse poca coscienza e poca conoscenza dei problemi. Oggi abbiamo imparato molto di più”.   

Paolo Barilla ammette così, con onestà e umiltà, la novità di un percorso strutturato di responsabilità sociale e ambientale, ma parla con l’autorità di un’azienda che, in 130 anni di storia, vanta sicuramente più di una buona pratica da trasmettere, a partire dai rapporti con il territorio, garantiti dal forte radicamento che la famiglia (tuttora proprietaria) ha sempre saputo e voluto mantenere.

Ma, forse, si tratta di recuperare, dall’esperienza passata, anche la giusta dimesione del rapporto con il consumo. “Gli anni Settanta”, ricorda Barilla, “sono stati gli anni dell’austerity, della crisi energetica, in cui ancora moltissime persone ricordavano la Guerra, ne avevano visto la distruzione e sapevano cosa volesse dire non avere niente. Persone che avevano un paio di scarpe e un paio di scarpe “per la domenica” e quando mi vedevano in giro a divertirmi in motorino mi urlavano “Cosa vai in giro, sprechi benzina!”. Gli anni Ottanta hanno sradicato questo atteggiamento. Ci siamo scordati un certo linguaggio e una certa coscienza. A noi tutto sembrava possibile e l’accessibilità - a nuovi prodotti e nuovi servizi - diventava un valore“.

Nasce qui, secondo Paolo Barilla, la dannosa cultura del discount totale, ben rappresentata dal fenomeno Ryan Air. Il proposito (rendere più largamente accessibile un servizio) poteva anche essere nobile – ma era giusto? Oggi ci si presenta il conto, un conto “piuttosto salato”, che pare addirittura privo di orizzonte: ”non ci sarà vita” è il chiaro monito ”se non metteremo mano al nostro modello di pensiero“.

“Oggi siamo all’inizio di un percorso molto difficile” continua Barilla, “un percorso che costerà molto, anche in termini di sofferenze e rinunce, ma tutto ciò è necessario”. “Il fatto stesso che se ne parli è però positivo. Prima se ne parla, poi se ne parla ancora e si recepisce, poi qualcosa si afferra e poi, tra 5 o 10 anni, avremo evoluto la nostra cultura ad un livello tale da saperci comportare in maniera diversa. Non si può cambiare il sistema se non cambiando noi stessi“.

Fin qui la saggezza dell’uomo, ma ancora poca autocritica da parte dell’imprenditore. Che tuttavia non si fa attendere. “L’impresa può e deve essere più rapida. Se come individui singoli abbiamo una lentezza nel reagire, come istituzioni e come imprese dobbiamo essere invece molto rapidi, perchè possiamo farlo“. “Il nostro” conclude Barilla parlando del nuovo Centre for Food & Nutrition, ”non è ancora un caso di successo. E’una strada che vogliamo percorrere, è l’inizio di un cammino“. Un esempio di moderazione e pragmatismo, segno dei tempi. Che cambiano (e che maturano). Anche nelle imprese.  

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende