Home » Eventi »Smart City » Parte Wave, il rally elettrico. Da Genova ad Amsterdam senza emissioni:

Parte Wave, il rally elettrico. Da Genova ad Amsterdam senza emissioni

settembre 10, 2012 Eventi, Smart City

La prima cosa che colpisce all’arrivo, è non sentire il rombo dei motori. Wave (World Advanced Vehicle Expedition), il rally internazionale che ha fatto tappa ieri a Torino, per poi proseguire, oggi, verso la Svizzera, è una gara automobilistica in piena regola, con una sola eccezione: sono ammessi a partecipare solo veicoli elettrici. Silenziosi, sostenibili e, in molti casi, anche spettacolari. Simpatiche macchinine a tre ruote, con portiere che si aprono dal basso verso l’alto; veicoli un po’ spaziali che uniscono tratti ultramoderni a un design che ricorda le auto guidate da Tazio Nuvolari.

Wave, giunto quest’anno alla terza edizione, è promosso da Louis Palmer, pioniere ed esperto di auto elettriche. Svizzero-ungherese, lui si definisce “a global environmental adventurer, event manager and an international conference speaker”, praticamente un “avventuriero dell’ambiente” (nel senso buono) con una spiccata propensione alla comunicazione.  Tutto nasce qualche anno fa,  da una sua pazzia ecologica: tra il 2007 e il 2008, in 18 mesi, fa il giro del mondo con un’auto elettrica solare, il Solartaxi, in grado cioè di ricaricarsi mentre è in moto grazie all’energia del sole. “53.451 chilometri attraverso 38 Paesi, ma questa è un’altra storia”, cerca di minimizzare lui.

Da lì nascono, nel 2010, Zero Race, un altro giro del mondo, questa volta in meno di tre mesi, con veicoli alimentati a energia rinnovabile, con lo scopo “dimostrare che le auto elettriche sono efficienti e affidabili, in grado di circumnavigare il pianeta attraverso deserti e montagne, su strade di condizioni diverse e in differenti condizioni meteorologiche”.  L’anno scorso, ecco invece Wave, con un’edizione europea (Parigi-Praga) e una asiatica (Mumbai-Bangalore). Quest’anno il rally elettrico attraverserà invece il continente europeo, da Genova (la partenza domenica 9 settembre) attraverso la Svizzera (Mendrisio, Buchs, Interlaken, Berna e Basilea) e la Foresta Nera, per arrivare ad Amsterdam il 22 settembre. In tutto, fanno 2.674 chilometri. Le auto dovranno affrontare passaggi difficili, soprattutto nelle alpi svizzere, e coprire percorsi giornalieri che potranno raggiungere in certi casi anche 300 chilometri. I team partecipanti in tutto sono 16, a cui si aggiungono tre veicoli “di servizio”: l’auto del direttore della gara Luois Palmer e quella con i materiali per la ricarica dei mezzi, più un furgone per l’assistenza.

Wave, spiegano gli organizzatori, è il più grande e apprezzato evento dedicato alle auto elettriche. L’obiettivo è far crescere l’attenzione sulla ricerca nel settore della mobilità elettrica e dimostrare come si possa lavorare, viaggiare, fare le stesse cose di tutti i giorni con l’apporto delle energie rinnovabili. Ieri, all’arrivo delle auto nel centro di Torino, decine di persone incuriosite si sono riversate tra i veicoli: c’era chi dava un’occhiata all’interno, chi cercava di capirne il funzionamento, chi girava video e scattava foto con il telefonino. “Stiamo abbandonando il valore simbolico dell’auto elettrica e stiamo comprendendo che i limiti di questi veicoli sono stati superati. E’ importante comunicare l’importanza del lavoro che c’è dietro a questi progetti, a maggior ragione nella città dell’automobile”, spiega l’assessore all’Ambiente di Torino Enzo Lavolta. “Anche l’amministrazione comunale ha allo studio, nell’ambito del Progetto Torino Smart City, un sistema di consegna delle merci basato sulla mobilità elettrica. Iniziative come questa sensibilizzano l’opinione pubblica sulla necessità di un sforzo collettivo per migliorare la qualità urbana, che implica una svolta nelle abitudini personali. Anche a partire dalla mobilità privata”.

Ma accanto all’importante ruolo di educazione e sensibilizzazione dei cittadini, Wave mette in luce anche la mancanza in Europa, e ancor più in Italia, di infrastrutture adeguate per le auto elettriche. “Non è facile arrivare ad Asti o a Novara con 20 veicoli e trovare i luoghi di ricarica. I Comuni ci hanno offerto strutture di solito usate per sagre e mercati, mentre noi ci portiamo al seguito tutti gli adattori necessari per la ricarica”, spiega Simone Rambaldi, esperto di auto elettrica e responsabile delle tappe italiane di Wave. Le diverse auto in gara hanno autonomie diverse: “Quella più scarsa arriva a 140 chilometri, quello migliore a 500-600. Il percorso è organizzato in tappe intermedie di un centinaio di chilometri per la ricarica. Lunedì 10, per esempio, raggiungeremo Mendrisio, nel Canton Ticino, con soste a Novara e Monza”.

Veronica Ulivieri

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende