Home » Eventi »Smart City » Parte Wave, il rally elettrico. Da Genova ad Amsterdam senza emissioni:

Parte Wave, il rally elettrico. Da Genova ad Amsterdam senza emissioni

settembre 10, 2012 Eventi, Smart City

La prima cosa che colpisce all’arrivo, è non sentire il rombo dei motori. Wave (World Advanced Vehicle Expedition), il rally internazionale che ha fatto tappa ieri a Torino, per poi proseguire, oggi, verso la Svizzera, è una gara automobilistica in piena regola, con una sola eccezione: sono ammessi a partecipare solo veicoli elettrici. Silenziosi, sostenibili e, in molti casi, anche spettacolari. Simpatiche macchinine a tre ruote, con portiere che si aprono dal basso verso l’alto; veicoli un po’ spaziali che uniscono tratti ultramoderni a un design che ricorda le auto guidate da Tazio Nuvolari.

Wave, giunto quest’anno alla terza edizione, è promosso da Louis Palmer, pioniere ed esperto di auto elettriche. Svizzero-ungherese, lui si definisce “a global environmental adventurer, event manager and an international conference speaker”, praticamente un “avventuriero dell’ambiente” (nel senso buono) con una spiccata propensione alla comunicazione.  Tutto nasce qualche anno fa,  da una sua pazzia ecologica: tra il 2007 e il 2008, in 18 mesi, fa il giro del mondo con un’auto elettrica solare, il Solartaxi, in grado cioè di ricaricarsi mentre è in moto grazie all’energia del sole. “53.451 chilometri attraverso 38 Paesi, ma questa è un’altra storia”, cerca di minimizzare lui.

Da lì nascono, nel 2010, Zero Race, un altro giro del mondo, questa volta in meno di tre mesi, con veicoli alimentati a energia rinnovabile, con lo scopo “dimostrare che le auto elettriche sono efficienti e affidabili, in grado di circumnavigare il pianeta attraverso deserti e montagne, su strade di condizioni diverse e in differenti condizioni meteorologiche”.  L’anno scorso, ecco invece Wave, con un’edizione europea (Parigi-Praga) e una asiatica (Mumbai-Bangalore). Quest’anno il rally elettrico attraverserà invece il continente europeo, da Genova (la partenza domenica 9 settembre) attraverso la Svizzera (Mendrisio, Buchs, Interlaken, Berna e Basilea) e la Foresta Nera, per arrivare ad Amsterdam il 22 settembre. In tutto, fanno 2.674 chilometri. Le auto dovranno affrontare passaggi difficili, soprattutto nelle alpi svizzere, e coprire percorsi giornalieri che potranno raggiungere in certi casi anche 300 chilometri. I team partecipanti in tutto sono 16, a cui si aggiungono tre veicoli “di servizio”: l’auto del direttore della gara Luois Palmer e quella con i materiali per la ricarica dei mezzi, più un furgone per l’assistenza.

Wave, spiegano gli organizzatori, è il più grande e apprezzato evento dedicato alle auto elettriche. L’obiettivo è far crescere l’attenzione sulla ricerca nel settore della mobilità elettrica e dimostrare come si possa lavorare, viaggiare, fare le stesse cose di tutti i giorni con l’apporto delle energie rinnovabili. Ieri, all’arrivo delle auto nel centro di Torino, decine di persone incuriosite si sono riversate tra i veicoli: c’era chi dava un’occhiata all’interno, chi cercava di capirne il funzionamento, chi girava video e scattava foto con il telefonino. “Stiamo abbandonando il valore simbolico dell’auto elettrica e stiamo comprendendo che i limiti di questi veicoli sono stati superati. E’ importante comunicare l’importanza del lavoro che c’è dietro a questi progetti, a maggior ragione nella città dell’automobile”, spiega l’assessore all’Ambiente di Torino Enzo Lavolta. “Anche l’amministrazione comunale ha allo studio, nell’ambito del Progetto Torino Smart City, un sistema di consegna delle merci basato sulla mobilità elettrica. Iniziative come questa sensibilizzano l’opinione pubblica sulla necessità di un sforzo collettivo per migliorare la qualità urbana, che implica una svolta nelle abitudini personali. Anche a partire dalla mobilità privata”.

Ma accanto all’importante ruolo di educazione e sensibilizzazione dei cittadini, Wave mette in luce anche la mancanza in Europa, e ancor più in Italia, di infrastrutture adeguate per le auto elettriche. “Non è facile arrivare ad Asti o a Novara con 20 veicoli e trovare i luoghi di ricarica. I Comuni ci hanno offerto strutture di solito usate per sagre e mercati, mentre noi ci portiamo al seguito tutti gli adattori necessari per la ricarica”, spiega Simone Rambaldi, esperto di auto elettrica e responsabile delle tappe italiane di Wave. Le diverse auto in gara hanno autonomie diverse: “Quella più scarsa arriva a 140 chilometri, quello migliore a 500-600. Il percorso è organizzato in tappe intermedie di un centinaio di chilometri per la ricarica. Lunedì 10, per esempio, raggiungeremo Mendrisio, nel Canton Ticino, con soste a Novara e Monza”.

Veronica Ulivieri

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende