Home » Eventi »Idee »Recensioni » Per un’estetica del greggio. Riflessioni a margine di Ecomondo:

Per un’estetica del greggio. Riflessioni a margine di Ecomondo

novembre 8, 2010 Eventi, Idee, Recensioni

Una targhetta in carta riciclata, Courtesy of Blog.Edenexit.comChiarisco subito che la mia non è un’apologia dell’estrazione petrolifera, e nemmeno un trattato sul noto conduttore di Striscia la Notizia, in stile Fenomenologia di Mike Bongiorno. “Greggio” (o, più comunemente, grezzo) come riporta il dizionario Gabrielli della lingua italiana, è aggettivo che indica ciò che è “allo stato naturale; non lavorato“.

In chiusura di Ecomondo, la grande kermesse del “recupero di materia ed energia” terminata sabato a Rimini, ho voluto quindi semplicemente individuare, anche quest’anno (in maniera molto personale e opinabile), un elemento di riflessione solo apparentemente marginale - così come l’anno scorso mi ero soffermato sulla circolazione, in fiera, di una quantità eccessiva di plastica (problema ancora non del tutto risolto, anche se notevolmente migliorato).

Sarebbe infatti impossibile raccontare, in modo esaustivo, quanto di positivo emerge da una fiera come Ecomondo, confermando la stessa impressione del 2009: l’affermazione della green economy è ormai unicamente questione di volontà, perchè tutte le tecnologie necessarie già esistono – e in abbondanza! Tanto vale allora cercare il pelo nell’uovo…   

Vagando ammirato per le corsie della fiera mi fermo nello stand di un’azienda che ricicla la plastica delle bottiglie in PET per produrre, tra le altre cose, cestini per la raccolta differenziata dei rifiuti domestici. Il titolare mi spiega il procedimento, facendomi toccare con mano i granuli in cui si trasformano le bottiglie triturate, che assomigliano al sale grosso da cucina. Alla mia domanda, se il mobile che contiene i cestini, per un utilizzo casalingo, sia interamente in plastica riciclata, la delusione: “No, non potremmo, perché verrebbe di un bruttissimo colore maculato, che a molti non piacerebbe“.

Tornando verso il nostro stand mi confronto con uno stampatore. “Certo, è lo stesso problema della carta non sbiancata, non piace a tutti gli editori”.

A casa ne parlo con mia moglie e lei, soddisfatta, mi fa vedere i tovagliolini di carta da picnic che ha trovato alla Lidl – un hard discount dove francamente, per quanto tedesco, non ti aspetti di trovare il meglio della sostenibilità ambientale. “Guarda, sono di pura ovatta di cellulosa non sbiancata“. Il colore è infatti un beige da vecchio cappotto della nonna. Ma chissenefrega, mi devo solo pulire la bocca!

Con un volo pindarico il mio pensiero passa dall’economicissima Lidl alla raffinatissima tessitura che ho visitato poche settimane prima. Mi viene in mente l’intervista con Giorgio Pertile, in cui parliamo di tessuti organici in cotone greggio. Pertile mi dichiara la sua passione per l’elegante e salubre semplicità dei colori naturali, ma ammette che il mercato richiede spesso tessuti colorati e loro si devono dunque adeguare.

La questione inizia a girarmi in testa finché esco e vado ad Artissima, dove la mia riflessione prende definitvamente forma. Nel tempio del colore  e dell’artefatto di una mostra d’arte mi rendo conto, paraddosalmente, del fascino che esercitano su di me i prodotti greggi, naturali, meno lavorati possibile. La mia potrebbe anche essere una deformazione professionale, ma sono sicuro che incontra il gusto di molti  e decido quindi di trasformarla in un appello ai produttori della green economy, affinché non si sentano troppo vincolati alle ricerche di mercato e osino di più.

Signori, siete veramente convinti che il consumatore, per apprezzare il gusto del ghiacciolo alla menta, lo debba per forza vedere verde? Che la carta per essere “bella” debba sempre essere bianca e il cestino della raccolta differenziata, per appagare il nostro senso estetico, possa solamente essere monocolore e senza imperfezioni?

Andrea Gandiglio  

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende