Home » Eventi »Idee »Recensioni » Per un’estetica del greggio. Riflessioni a margine di Ecomondo:

Per un’estetica del greggio. Riflessioni a margine di Ecomondo

novembre 8, 2010 Eventi, Idee, Recensioni

Una targhetta in carta riciclata, Courtesy of Blog.Edenexit.comChiarisco subito che la mia non è un’apologia dell’estrazione petrolifera, e nemmeno un trattato sul noto conduttore di Striscia la Notizia, in stile Fenomenologia di Mike Bongiorno. “Greggio” (o, più comunemente, grezzo) come riporta il dizionario Gabrielli della lingua italiana, è aggettivo che indica ciò che è “allo stato naturale; non lavorato“.

In chiusura di Ecomondo, la grande kermesse del “recupero di materia ed energia” terminata sabato a Rimini, ho voluto quindi semplicemente individuare, anche quest’anno (in maniera molto personale e opinabile), un elemento di riflessione solo apparentemente marginale - così come l’anno scorso mi ero soffermato sulla circolazione, in fiera, di una quantità eccessiva di plastica (problema ancora non del tutto risolto, anche se notevolmente migliorato).

Sarebbe infatti impossibile raccontare, in modo esaustivo, quanto di positivo emerge da una fiera come Ecomondo, confermando la stessa impressione del 2009: l’affermazione della green economy è ormai unicamente questione di volontà, perchè tutte le tecnologie necessarie già esistono – e in abbondanza! Tanto vale allora cercare il pelo nell’uovo…   

Vagando ammirato per le corsie della fiera mi fermo nello stand di un’azienda che ricicla la plastica delle bottiglie in PET per produrre, tra le altre cose, cestini per la raccolta differenziata dei rifiuti domestici. Il titolare mi spiega il procedimento, facendomi toccare con mano i granuli in cui si trasformano le bottiglie triturate, che assomigliano al sale grosso da cucina. Alla mia domanda, se il mobile che contiene i cestini, per un utilizzo casalingo, sia interamente in plastica riciclata, la delusione: “No, non potremmo, perché verrebbe di un bruttissimo colore maculato, che a molti non piacerebbe“.

Tornando verso il nostro stand mi confronto con uno stampatore. “Certo, è lo stesso problema della carta non sbiancata, non piace a tutti gli editori”.

A casa ne parlo con mia moglie e lei, soddisfatta, mi fa vedere i tovagliolini di carta da picnic che ha trovato alla Lidl – un hard discount dove francamente, per quanto tedesco, non ti aspetti di trovare il meglio della sostenibilità ambientale. “Guarda, sono di pura ovatta di cellulosa non sbiancata“. Il colore è infatti un beige da vecchio cappotto della nonna. Ma chissenefrega, mi devo solo pulire la bocca!

Con un volo pindarico il mio pensiero passa dall’economicissima Lidl alla raffinatissima tessitura che ho visitato poche settimane prima. Mi viene in mente l’intervista con Giorgio Pertile, in cui parliamo di tessuti organici in cotone greggio. Pertile mi dichiara la sua passione per l’elegante e salubre semplicità dei colori naturali, ma ammette che il mercato richiede spesso tessuti colorati e loro si devono dunque adeguare.

La questione inizia a girarmi in testa finché esco e vado ad Artissima, dove la mia riflessione prende definitvamente forma. Nel tempio del colore  e dell’artefatto di una mostra d’arte mi rendo conto, paraddosalmente, del fascino che esercitano su di me i prodotti greggi, naturali, meno lavorati possibile. La mia potrebbe anche essere una deformazione professionale, ma sono sicuro che incontra il gusto di molti  e decido quindi di trasformarla in un appello ai produttori della green economy, affinché non si sentano troppo vincolati alle ricerche di mercato e osino di più.

Signori, siete veramente convinti che il consumatore, per apprezzare il gusto del ghiacciolo alla menta, lo debba per forza vedere verde? Che la carta per essere “bella” debba sempre essere bianca e il cestino della raccolta differenziata, per appagare il nostro senso estetico, possa solamente essere monocolore e senza imperfezioni?

Andrea Gandiglio  

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende