Home » Eventi »Smart City » Pierre Rahbi, l’intellettuale contadino che si sporca le mani:

Pierre Rahbi, l’intellettuale contadino che si sporca le mani

maggio 28, 2012 Eventi, Smart City

La storia di Pierre Rahbi, agricoltore algerino-francese che da decenni predica l’Agroecologia, potrebbe essere definita, in poche parole, come un ritorno alla natura. Ma detta così si rischia di banalizzare, si perde tutta la spiritualità del personaggio, la capacità di coltivare la terra con l’anima e sentirsi parte dell’ecosistema, piuttosto che dominarlo. Un “viaggiatore extra-ordinario” del pensiero che non poteva non incrociare la strada del Gruppo del Cerchio, l’associazione culturale organizzatrice del Festival Per Sentieri e Remiganti, quest’anno dedicato proprio all’idea di  “Passare sulla terra con piede leggero”. Chi infatti meglio di Rahbi, che ha lasciato il lavoro in fabbrica per ritirarsi con la compagna (poi diventata sua moglie e madre di cinque figli) nella pietrosa regione dell’Ardèche a coltivare la terra, poteva parlare di questo concetto? Su di lui, impossibilitato e raggiungere Torino (pur avendo promesso che verrà il prossimo anno), è stato realizzato il documentario “Il mio corpo è la Terra”, presentato in anteprima sabato 26 maggio al Giardino d’Inverno di Piazzale Valdo Fusi.

Nato nel 1938 in Algeria, dopo la morte della madre il giovane Pierre viene affidato dal padre fabbro e poeta a una coppia di francesi, con i quali negli anni Sessanta si trasferisce in Francia. Qui lavora in fabbrica, ma capisce presto che quella vita non è fatta per lui: “Mi sono reso conto che sarei rimasto chiuso per tutta la vita in un sistema dove non avrei trovato il piacere e lo spazio per vivere”, racconta nell’intervista. È così che, insieme alla compagna, si trasferisce nell’Ardèche, e riporta la vita in un luogo arido e inospitale. Dal 1981 è impegnato con l’Onu in progetti contro la desertificazione dell’Africa, e fonda il Movimento Colibris, per spingere ciascuno a “faire sa part” , proprio come il colibrì che, secondo una leggenda africana, cercava di spegnere l’incendio nella foresta prendendo un po’ d’acqua nel suo becco minuscolo.

“E’ stata una giornalista francese a parlarci di lui per la prima volta: in Francia tutti lo conoscono. In Italia era stato pubblicato il suo Manifesto per la Terra e per l’Uomo, ci ha incuriosito e abbiamo deciso di andare a conoscerlo per capire se veramente era come sembrava”, racconta Luciana Ciliento del Gruppo del Cerchio, che ha conosciuto Rahbi e ha curato i sottotitoli del documentario.

“Abbiamo trovato un uomo semplice e coerente con le sue idee. La cosa che ci ha colpito di più è la sua capacità di essere un grande poeta, insieme alla sua praticità. Basta guardare le sue mani rotte dal lavoro”, spiega il regista Igor Piumetti, che ha diretto il documentario insieme a Carola Benedetto. “Mentre tutti parlano di decrescita felice, abbiamo trovato in Pierre Rahbi uno che si è sporcato le mani con le sue teorie, che sa di cosa parla”.

Rispetto dell’uomo e dell’ambiente, che, spiega Rahbi, non è da dominare. La sua Agroecologia è un modo di coltivare in accordo con la natura, che ridona vitalità alla terra. Come i campi del monastero del Gard, dove, su consiglio di Rahbi, le suore hanno ricominciato a coltivare con il metodo biologico. Nel documentario, madre Hypandia racconta dei lombrichi che sono tornati a popolare la terra, dell’orzo che con le sue radici lunghissime la attraversa e le ridona la vita. Sulla stessa linea d’onda è il racconto del Lama Lundroup di un monastero buddista della Savoia, diventato un centro ecologico con l’aiuto dello stesso Rahbi. Ospite speciale del cortometraggio è Vandana Shiva, l’economista e attivista indiana da anni in prima linea per un’economia più sostenibile e rispettosa dell’uomo e dell’ambiente. “Se ho male a una mano – racconta con la sua abituale intensità – faccio qualcosa per curare la mano, perché mi appartiene. Allo stesso modo, se ci sentiamo parte della Terra, il suo dolore diventa anche il nostro”.

Storie di vite e religioni diverse, esperienze lontane ma con tanti punti di contatto che si intersecano in un’interconnessione molto suggestiva tra umanità e natura. Perché il punto, spiega Rahbi avvolto in una sciarpa blu, è proprio “ritrovare l’armonia, la sinfonia con la natura. Per me l’ecologia è proprio questo. Oggi solo l’essere umano suona in disarmonia”.

Il documentario, per chi avesse perso l’anteprima, sarà proiettato anche il 3 giugno alle ore 10, nel cortile del Rettorato dell’Università di Torino, nell’ambito di Smart Actions. Poi, spiega Igor Piumetti, “la nostra intenzione è diffonderlo tramite i festival di cinema ambientale, in modo che abbia vita propria”.  Il Festival Per Sentieri e Remiganti prosegue questa sera a Pecetto Torinese con un incontro con Stefano Piano, docente di Indologia e Sanscrito che parlerà della figura dell’imperatore Ashoka (III a. C.), guerriero sanguinario passato alla storia per la sua conversione alla gentilezza del buddhismo e nel “Giardino d’Inverno” di Piazzale Valdo Fusi, a Torino, nell’incontro con Elena Saragato, sociologa criminale, che si occupa di strategie per l’incremento della sicurezza della città e della rigenerazione urbana per la città di Londra.

Veronica Ulivieri

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende