Home » Eventi »Smart City » Pierre Rahbi, l’intellettuale contadino che si sporca le mani:

Pierre Rahbi, l’intellettuale contadino che si sporca le mani

maggio 28, 2012 Eventi, Smart City

La storia di Pierre Rahbi, agricoltore algerino-francese che da decenni predica l’Agroecologia, potrebbe essere definita, in poche parole, come un ritorno alla natura. Ma detta così si rischia di banalizzare, si perde tutta la spiritualità del personaggio, la capacità di coltivare la terra con l’anima e sentirsi parte dell’ecosistema, piuttosto che dominarlo. Un “viaggiatore extra-ordinario” del pensiero che non poteva non incrociare la strada del Gruppo del Cerchio, l’associazione culturale organizzatrice del Festival Per Sentieri e Remiganti, quest’anno dedicato proprio all’idea di  “Passare sulla terra con piede leggero”. Chi infatti meglio di Rahbi, che ha lasciato il lavoro in fabbrica per ritirarsi con la compagna (poi diventata sua moglie e madre di cinque figli) nella pietrosa regione dell’Ardèche a coltivare la terra, poteva parlare di questo concetto? Su di lui, impossibilitato e raggiungere Torino (pur avendo promesso che verrà il prossimo anno), è stato realizzato il documentario “Il mio corpo è la Terra”, presentato in anteprima sabato 26 maggio al Giardino d’Inverno di Piazzale Valdo Fusi.

Nato nel 1938 in Algeria, dopo la morte della madre il giovane Pierre viene affidato dal padre fabbro e poeta a una coppia di francesi, con i quali negli anni Sessanta si trasferisce in Francia. Qui lavora in fabbrica, ma capisce presto che quella vita non è fatta per lui: “Mi sono reso conto che sarei rimasto chiuso per tutta la vita in un sistema dove non avrei trovato il piacere e lo spazio per vivere”, racconta nell’intervista. È così che, insieme alla compagna, si trasferisce nell’Ardèche, e riporta la vita in un luogo arido e inospitale. Dal 1981 è impegnato con l’Onu in progetti contro la desertificazione dell’Africa, e fonda il Movimento Colibris, per spingere ciascuno a “faire sa part” , proprio come il colibrì che, secondo una leggenda africana, cercava di spegnere l’incendio nella foresta prendendo un po’ d’acqua nel suo becco minuscolo.

“E’ stata una giornalista francese a parlarci di lui per la prima volta: in Francia tutti lo conoscono. In Italia era stato pubblicato il suo Manifesto per la Terra e per l’Uomo, ci ha incuriosito e abbiamo deciso di andare a conoscerlo per capire se veramente era come sembrava”, racconta Luciana Ciliento del Gruppo del Cerchio, che ha conosciuto Rahbi e ha curato i sottotitoli del documentario.

“Abbiamo trovato un uomo semplice e coerente con le sue idee. La cosa che ci ha colpito di più è la sua capacità di essere un grande poeta, insieme alla sua praticità. Basta guardare le sue mani rotte dal lavoro”, spiega il regista Igor Piumetti, che ha diretto il documentario insieme a Carola Benedetto. “Mentre tutti parlano di decrescita felice, abbiamo trovato in Pierre Rahbi uno che si è sporcato le mani con le sue teorie, che sa di cosa parla”.

Rispetto dell’uomo e dell’ambiente, che, spiega Rahbi, non è da dominare. La sua Agroecologia è un modo di coltivare in accordo con la natura, che ridona vitalità alla terra. Come i campi del monastero del Gard, dove, su consiglio di Rahbi, le suore hanno ricominciato a coltivare con il metodo biologico. Nel documentario, madre Hypandia racconta dei lombrichi che sono tornati a popolare la terra, dell’orzo che con le sue radici lunghissime la attraversa e le ridona la vita. Sulla stessa linea d’onda è il racconto del Lama Lundroup di un monastero buddista della Savoia, diventato un centro ecologico con l’aiuto dello stesso Rahbi. Ospite speciale del cortometraggio è Vandana Shiva, l’economista e attivista indiana da anni in prima linea per un’economia più sostenibile e rispettosa dell’uomo e dell’ambiente. “Se ho male a una mano – racconta con la sua abituale intensità – faccio qualcosa per curare la mano, perché mi appartiene. Allo stesso modo, se ci sentiamo parte della Terra, il suo dolore diventa anche il nostro”.

Storie di vite e religioni diverse, esperienze lontane ma con tanti punti di contatto che si intersecano in un’interconnessione molto suggestiva tra umanità e natura. Perché il punto, spiega Rahbi avvolto in una sciarpa blu, è proprio “ritrovare l’armonia, la sinfonia con la natura. Per me l’ecologia è proprio questo. Oggi solo l’essere umano suona in disarmonia”.

Il documentario, per chi avesse perso l’anteprima, sarà proiettato anche il 3 giugno alle ore 10, nel cortile del Rettorato dell’Università di Torino, nell’ambito di Smart Actions. Poi, spiega Igor Piumetti, “la nostra intenzione è diffonderlo tramite i festival di cinema ambientale, in modo che abbia vita propria”.  Il Festival Per Sentieri e Remiganti prosegue questa sera a Pecetto Torinese con un incontro con Stefano Piano, docente di Indologia e Sanscrito che parlerà della figura dell’imperatore Ashoka (III a. C.), guerriero sanguinario passato alla storia per la sua conversione alla gentilezza del buddhismo e nel “Giardino d’Inverno” di Piazzale Valdo Fusi, a Torino, nell’incontro con Elena Saragato, sociologa criminale, che si occupa di strategie per l’incremento della sicurezza della città e della rigenerazione urbana per la città di Londra.

Veronica Ulivieri

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende