Home » Eventi »Recensioni »Smart City » Posterheroes 2013: la smart city spiegata ai cittadini:

Posterheroes 2013: la smart city spiegata ai cittadini

aprile 15, 2013 Eventi, Recensioni, Smart City

Sarà visitabile fino al 5 maggio in piazza Carlo Alberto a Torino la mostra che raccoglie i lavori più rappresentativi sul tema “Smart City” del concorso internazionale di comunicazione sociale Posterheroes.

Un’esposizione all’aperto, inserita all’interno degli eventi di Biennale Democrazia e curata dall’associazione PLUG Creativity con la collaborazione della Fondazione OAT e il contributo della Camera di Commercio di Torino, che presenta 60 poster selezionati tra i partecipanti alle tre passate edizioni del contest, per raccontare ai visitatori l’importanza del dibattito su ambiente e partecipazione civica nella trasformazione delle città.

I lavori toccano tutte le tematiche ambientali più significative, dall’approvvigionamento e recupero delle risorse al km zero, fino alla bioedilizia. Una particolare attenzione è dedicata a mobilità sostenibile, fonti energetiche alternative e pulite, recupero e riutilizzo di rifiuti.

Con oltre 2.400 poster provenienti da 73 nazioni, Posterheroes ha affrontato le tematiche trasversali di mobilità, produzione, salute e società: dal futuro della produzione di energia, al centro della prima edizione, al consumo critico l’anno successivo, fino alle Smart city, protagoniste dell’edizione 2013.

I lavori esposti sono molto vari e  mostrano perfettamente come nel concetto di “Smart City” converga la tendenza alla sostenibilità in atto in tutte le sfere del vivere umano, di cui le città sono, e sempre di più diventeranno, un contenitore importantissimo.

E’ sull’onda di questa tendenza che il boliviano Bruno Rivera ci ricorda con il suo lavoro di non dimenticare Chernobyl. Lo statunitense Benjamin Chemelski, attraverso un poster che rappresenta il tipico involucro di carta assorbente per cibi fritti, con scritte formate da macchie di unto, ci racconta invece che più di 40 milioni di bambini sotto i 5 anni nel mondo sono in sovrappeso. L’italiana Elisa Baldissera ci dice di porre attenzione alla crescita in ottica sostenibile delle nuove generazioni, mentre la belga Marie Joveneau mette a confronto nel suo poster le differenze tra 50 persone che vanno al lavoro in auto, e 50 che usano la bicicletta.

Anche le tecniche e i rimandi culturali usati sono i più disparati, come l’istogramma sull’edilizia sostenibile della statunitense Karla Sanders, o il famoso tabellone del monopoli che diventa “Smartropolis” nel poster della tedesca Christina Franken, o lo stile decisamente 80’s, ispirato al famoso space invaders, della croata Katarina Cendak Ljubic. Non mancano le citazioni – la frase “the medium is the message” dello studioso Marshall McLuhan viene applicata al tema del riuso dell’italiana Barbara Ermeti – o le rielaborazioni, come per “I have a Dream” di Martin Luther King, che diventa “I have a Tree”.

Il coinvolgimento di  artisti e graphic designer, l’utilizzo del linguaggio iconico e del poster in particolare come mezzo per porre l’accento su tematiche sociali e ambientali non è nuovo. Già nel 2008 il progetto Power to the Poster mirava a raccogliere poster in PDF, scaricabili e utilizzabili da chiunque, per diffondere messaggi di utilità sociale. Molti dei lavori raccolti erano a carattere non solo sociale, ma anche ambientale, e toccavano temi come la pace, i diritti umani, il riscaldamento globale e l’attuale dipendenza dal petrolio. La raccolta di Torino rappresenta però un’interessante specchio di come le tematiche legate al mondo della sostenibilità si siano fatte strada, in questi ultimi anni, nella sensibilità collettiva di artisti e cittadini.

Alessio Sciurpa

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende