Home » Eventi »Idee » RE+build 2012: la riqualificazione del patrimonio immobiliare come leva strategica:

RE+build 2012: la riqualificazione del patrimonio immobiliare come leva strategica

settembre 19, 2012 Eventi, Idee

Lunedì 17 si è aperta, a Riva del Garda, la prima convention a livello nazionale dedicata alla riqualificazione e alla gestione sostenibile del patrimonio immobiliare, che chiuderà oggi: RE+build è un incontro con cadenza annuale promosso da Habitech, Progetto Manifattura e Riva Fiere e Congressi, per trasformare la sostenibilità in una leva strategica di sviluppo, innovazione e competitività. RE+build si pone come uno strumento concreto, basato su analisi tecniche e finanziarie, il cui fine è dare nuovo input al mercato immobiliare, portando con sé le positive esperienze del Trentino Alto Adige ‒  da sempre laboratorio prototipale per la sostenibilità.

La convention vede presenti i maggiori esperti mondiali ‒ da Nils Kok a Sergio Tirado Herrero, da Thomas Beyerle a Gay J. Saulson, da Rod Janssen a Fraser Thompson ‒  per parlare degli aspetti tecnici e finanziari che riguardano la riqualificazione del mercato dei beni immobili. Temi principe di quest’anno, la profonda riqualificazione dell’edificio e la conduzione sostenibile delle costruzioni, con lo sguardo rivolto ad una cospicua riduzione dei consumi.

“I nostri antenati erano abitatori delle foreste da tempi immemorabili; noi siamo abitatori di case d’appartamenti” affermava Camillo Sitte a fine Ottocento: oggi la situazione è ancor più radicalizzata in termini di consumo del territorio a causa del processo di cementificazione. All’interno dell’ampio dibattito, aperto da più fronti e da più attori, in ambito di green building, il tema della riqualificazione, della gestione e conduzione sostenibile del patrimonio edilizio sta dunque assumendo, sempre più, il ruolo di priorità dominante nel mercato delle costruzioni. “Gli immobili contribuiscono nel loro insieme al 40% delle emissioni, motivo per cui è indispensabile intervenire in modo radicale sugli edifici esistenti”. spiega Gianluca Salvatori, presidente Progetto Manifattura. “In Italia si stimano 450 miliardi di euro da utilizzare per edifici che necessitano di interventi di riqualificazione, una grande occasione per rilanciare il Paese. Questo immenso patrimonio edilizio andrà quindi rivalutato e migliorato, e non dev’essere visto soltanto come una nuova opportunità, ma un nostro obbligo nei riguardi delle generazioni future”. Continua Salvatori:si tratta di un progetto di innovazione che sia gli operatori del settore che i comuni cittadini dovranno affrontare“.

Novità interessante della convention è il tema green retrofit, vale a dire l’insieme degli accorgimenti per applicare tecnologie nuove a sistemi datati, in modo da renderli più sostenibili. Secondo uno studio statunitense, il green retrofit farebbe risparmiare ed inoltre migliorerebbe la redditività dell’investimento immobiliare. Lo studio di Nils Kok, personalità di spicco in materia di retrofit, confermerebbe infatti l’esistenza di una stretta relazione tra il grado di sostenibilità dell’edificio ed il suo valore di mercato in termini di locazione e vendita. Per un risparmio energetico fino al 35 per cento, si calcola quindi un aumento della quota di affitto dal 6 all’8 per cento, e del prezzo di vendita dall’11 al 13 per cento: il valore dell’immobile, invece, è incrementato di circa 22 euro per metro quadro, rispetto a un edificio non riqualificato. “Nell’attuale contesto in cui la massima attenzione del Governo è rivolta al contenimento dei costi per la spesa pubblica, dove le manovre economiche rendono sempre più necessarie politiche di spending review, occorre dimostrare che un’accurata gestione e riqualificazione dei patrimoni immobiliari, pubblici ma anche privati, permette di ridurre le spese di mantenimento degli stessi, di migliorarne l’efficienza e di liberare risorse economiche e ambientali utili per affrontare la sempre più necessaria ripresa”, afferma ancora Salvatori.

“Considerato che il patrimonio immobiliare italiano è il secondo più vecchio d’Europa, si deve pensare ad un cambiamento totale di rotta. Con il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio si era prevista l’azione congiunta di Stato e Regioni per un minor consumo di terreno: la riqualificazione dell’esistente sarebbe un buon inizio per recuperare la memoria storica e riguadagnare spazio” afferma Ilaria Cavaggioni, architetto della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna.

“In Italia vi sono oltre 2 miliardi di metri quadri di edificato da riqualificare: rivalorizzarli significherebbe creare occupazione e dare nuova linfa vitale al mercato immobiliare. Ma soprattutto servirebbe per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità richiesti dalla Comunità Europea, che ha stabilito la necessità di ridurre le emissioni del 20% entro il 2020 e dell’80% entro il 2050. Una sfida importante, se si considera che il patrimonio immobiliare italiano è il secondo più vecchio d’Europa, dopo la Germania, e che la maggior parte delle abitazioni è stata costruita da più di 40 anni. Le norme europee oggi spingono il mercato della sostenibilità, verso una nuova politica di miglioramento delle condizioni di un patrimonio immobiliare datato”, afferma Thomas Miorin, Direttore di Habitech. Per tale ragione si rende necessario un cambio totale di approccio, in cui ci si dovrà porre la questione del risparmio energetico come obiettivo concreto, per reinvestire le risorse finanziarie in pratiche di conduzione sostenibile.

E’ evidente che un rilancio della qualità dell’abitare avrebbe effetti estremamente positivi sul benessere comune, non solo in quanto esigenza culturale, ma anche come rilevante risorsa economica: per questo la valorizzazione dell’esistente “dovrebbe costituire un obiettivo nella carta dei diritti e doveri di una democrazia che sia all’altezza dei tempi”. (Franco Zagari, XII Biennale di Venezia). RE+build rappresenta quindi un’occasione di confronto con l’obiettivo di stimolare riflessioni e favorire progetti per una riqualificazione a basso costo dei beni esistenti, in modo che la valorizzazione del patrimonio immobiliare diventi nuovo stimolo dell’economia.

Valentina Burgassi

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende