Home » Eventi »Idee » Renault spinge l’acceleratore della mobilità elettrica per anticipare il mercato:

Renault spinge l’acceleratore della mobilità elettrica per anticipare il mercato

aprile 19, 2018 Eventi, Idee

Scriveva Louis Renault, il 14 aprile del 1932: “Io ho per natura il desiderio di realizzare qualcosa e di realizzarlo rapidamente. Inoltre ho sempre amato l’indipendenza. Cos’è che poteva, più dell’automobile, rispondere a queste due caratteristiche: velocità e indipendenza?”.

A distanza di 76 anni, quello stesso spirito che guidò allora l’imprenditore francese nell’anticipare le tendenze del mondo automobilistico, contraddistingue oggi la visione della casa da lui fondata: non solo per le caratteristiche che Louis Renault aveva indicato come irrinunciabili per l’epoca – “velocità e indipendenza” – ma per via di una terza leva – quella della “eco-responsabilità” – rispetto alle nuove sfide ambientali.

Ne ha parlato il 13 aprile – alla vigilia dell’e-Prix di Roma Jean-Philippe Hermine, direttore del Piano Strategico Ambientale del Gruppo Renault, nella suggestiva cornice del MAXXI, illustrando alla stampa il modo e i tempi in cui Renault intende essere “acceleratore della transizione verso la mobilità elettrica”. “Una mobilità sostenibile per tutti, con veicoli a zero emissioni e con nuove soluzioni di trasporto per tutti coloro che ne hanno bisogno, che preferiscano esserne proprietari o condividerle”, ecco l’obiettivo del Gruppo Renault – a metà tra le vendite tradizionali e lo sharing.

Leader del mercato elettrico europeo, con una quota pari al 23,8%, oggi, più di un veicolo elettrico su quattro venduti in Europa ha il marchio della losanga. Renault è il costruttore con la gamma più ampia di veicoli 100% elettrici. “Chi ha provato un veicolo elettrico, non torna mai indietro”, assicura il manager francese, che annuncia la creazione della filiale “Renault Energy Services”, nata per investire in progetti nel settore delle “smart grid”, creando “rapporti preferenziali con i diversi player dell’energia, e promuovendo, attraverso la mobilità elettrica, la valorizzazione dell’energia proveniente da fonte rinnovabile, per un ciclo virtuoso delle zero emissioni”.

Tre gli ambiti principali di sviluppo: lo smart charging – ricarica intelligente – per modulare la ricarica del veicolo in funzione dei fabbisogni dell’utente e dell’offerta di elettricità disponibile sulla rete; il vehicle to grid, ovvero interazioni tra veicolo e rete elettrica – la cui sperimentazione è prevista nel progetto “Smart Solar Charging Network” nella città olandese di Utrecht, con una flotta in car sharing di 150 auto alimentate da pannelli fotovoltaici;­ e infine la seconda vita delle batterie, utilizzate come unità di stoccaggio di energia da fonte rinnovabile, utile per i fabbisogni energetici di abitazioni, uffici, o gli stessi punti di ricarica di veicoli elettrici.

Molto interessanti anche gli investimenti di Renault in “una serie di startup che lavorano nell’ambito delle nuove tecnologie e in chimiche più performanti”, in modo da prolungare sempre di più, promette Hermine, “la vita delle batterie e dare alle stesse la possibilità di una seconda vita”. In questa direzione va, “il lavoro di Renault sullo sfruttamento di batterie già usate, per riuscire a ridurre la quantità di cobalto e di nichel”.

Come riporta la rivista specializzata CleanTechnicasenza accorgimenti per una maggiore efficienza energetica, un’auto elettrica può far aumentare di un terzo (33%) i consumi di corrente una famiglia, ma ciò non significa che le performance della rete vengano penalizzate. Al contrario, rappresenta un’opportunità di miglioramento per l’intero sistema”. Del resto, l’80% delle volte una moto o un’auto elettrica vengono ricaricate nelle ore notturne, quando i consumi sono al minimo. E oggi si sta lavorando per far sì che, grazie alle Smart Grid, i veicoli anche se collegati in gran numero durante il giorno possano funzionare come battery storage units, e quindi supportare la rete, invece di sovraccaricarla.

Ma sviluppare i veicoli elettrici non significa solo progettare nuove automobili, ma anche promuovere un’ampia gamma di servizi per creare attorno ad esse un ecosistema sostenibile: a questo proposito, Renault si propone non solo come acceleratore della transizione verso la mobilità elettrica, ma anche come acceleratore di nuove forme di mobilità in grado di interpretare l’evoluzione nella fruizione dell’auto, come il car sharing.

L’implementazione della mobilità elettrica deve andare quindi di pari passo con quello delle reti intelligenti, capaci di minimizzare sprechi, picchi, sovraccarichi e variazioni di tensione. Ma anche delle rinnovabili, senza cui la mobilità elettrica non si può dire veramente sostenibile. Un’ampia diffusione di auto, moto e camion elettrici, insomma, oltre a rappresentare un’importante opportunità per il sistema dei trasporti e quello infrastrutturale nel loro complesso può e deve contribuire alla totale conversione in chiave green del settore elettro-energetico.

Entro il 2050, l’industria automobilistica dovrà ridurre le emissioni di gas serra del 32% per raggiungere l’obiettivo della COP21 e limitare così l’evoluzione del surriscaldamento climatico a 2°C. “Dobbiamo affrontare la sfida con il passaggio a nuove alimentazioni, con la maggiore efficienza dei veicoli endotermici e con altre innovazioni”, spiega Hermine. Che aggiunge: per raggiungere “questo traguardo occorre che le emissioni di un veicolo nuovo si riducano entro il 2022 del 24%”. E aggiunge: “L’80% delle nostre vendite sono in paesi che hanno già annunciato, nelle proprie politiche pubbliche, restrizioni rispetto alle auto termiche e a diesel: non abbiamo scelta, perché le sfide ambientali – che sono tre: clima, risorse, salute – la pressione del mercato e quella delle istituzioni ci coinvolgono. Noi dobbiamo anticiparle”.

Quale futuro dunque per la mobilità elettrica? Il nuovo piano strategico annunciato dal Gruppo Renault, Drive the Future, prevede che da qui al 2022 il Costruttore mantenga la leadership nel veicolo elettrico, con 8 modelli elettrici e 12 modelli elettrificati. Il Gruppo si prefigge anche di lanciare 15 modelli a guida autonoma e servizi di robo-taxi.

Il futuro della mobilità sarà infatti­ per Renault­ elettrico, connesso e autonomo. Con la scelta di guidare o di lasciarsi guidare. Con o senza conducente a bordo. Con veicoli che non saranno più prodotti isolati ma parte integrante del loro ambiente. Con servizi di mobilità che si integreranno in città divenute intelligenti grazie alle tecnologie connesse, ai dati intelligenti e ad altre innovazioni tese a rendere più gradevole la vita in città.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende